Sicuro. Quindi, come ente di beneficenza, abbiamo sempre avuto l’intenzione di organizzare una qualche forma di evento di persona più grande. Gli eventi sono qualcosa che ha avuto una vera passione per molto tempo. L’ethos di riunire le persone, contribuendo a ridurre l’isolamento sociale dei lavoratori solitari è qualcosa che si adatta davvero bene a tutto ciò che stiamo facendo in termini di Big Orange Heart. Quindi volevamo consentire alle persone di unirsi. Questo era sempre stato nelle carte fin dalle prime fasi di Big Orange Heart. Ovviamente, quando siamo stati catapultati in questa situazione con la pandemia, come ho detto, ci siamo spostati nell’ambiente virtuale per i nostri eventi mensili, quella piattaforma di cui ho discusso, in realtà ci siamo aperti ad altre comunità. Quindi abbiamo consentito ad altre comunità di gestire i loro eventi attraverso la nostra piattaforma, senza alcun addebito per loro. Vogliamo semplicemente essere in grado di creare una soluzione affinché quelle comunità continuino a riunirsi quando non sono state in grado di consegnarle di persona. Ciò che in realtà significava era che noi, nei primi 12 mesi in cui stavamo offrendo eventi attraverso il nostro sito live dot Big Orange Heart dot org, avevamo avuto oltre 12.000 partecipanti attraverso quella piattaforma, il che significava che ovviamente avremmo avuto un’enorme quantità di feedback e siamo stati in grado di iterare molto rapidamente su quella soluzione per arrivare a un punto in cui abbiamo effettivamente deciso che volevamo offrire un evento su larga scala. È sempre stato sulle carte. Perché non farlo come una conferenza virtuale o un festival virtuale? È proprio lì che è nato il concetto di WordFest. E lo voglio, di nuovo, quando diamo un grande grido a Brian Richards, in particolare a WordSesh. WordSesh è in circolazione, sai, come evento virtuale incentrato su WordPress per molti anni, ricordo che nei primi giorni del primo WordSesh, i primi WordSesh, che erano eventi di 24 ore e si divertivano molto a partecipare quelli. E ricordo di aver partecipato al mio primo e in realtà di aver partecipato per tutte le 24 ore. Quindi questo non era qualcosa di nuovo nel nostro spazio. Eravamo molto consapevoli che ce ne fosse un desiderio, ma volevamo racchiudere insieme i due elementi di ciò che facciamo. I nostri cuori sono davvero in WordPress, ma il nostro obiettivo è davvero il benessere e la salute mentale, una salute mentale positiva. Quindi questo concetto di WordFest riguardava l’unione di questi elementi. Quindi, se partecipi a WordFest, troverai contenuti incentrati su WordPress e sul nostro benessere individuale come lavoratori remoti. Si trattava davvero di questo concetto di celebrazione globale della nostra comunità. Abbiamo parlato di diversi modi di consegnarlo. Abbiamo parlato di cosa facciamo in più giorni perché apprezziamo i fusi orari, come facciamo, come consideriamo un modo per consentire a chiunque voglia partecipare di essere in grado di partecipare? Ma non volevamo solo dire che c’è un orario prestabilito in questo giorno, ecco sei ore che lo avrebbero consegnato o, in un periodo di giorni, lo faremo, è stata una vera sfida. Quindi, abbiamo continuato a tornare a questo concetto di 24 ore perché sarebbe finito, se qualcuno volesse partecipare in quel giorno, c’era un punto della giornata in cui si sperava che sarebbero stati in grado di unirsi a noi. Ed è spuntato. È cresciuto e cresciuto. Abbiamo deciso di consegnare il primo a gennaio, quest’anno, 2021, abbiamo fissato un obiettivo di 2000 partecipanti all’evento a cui abbiamo partecipato poco più di duemila e mezzo. Così è stato, abbiamo completamente distrutto tutte le nostre aspettative in termini di partecipanti all’evento. Ma abbiamo anche completamente infranto le nostre aspettative in termini di numero di sessioni che stavamo offrendo. Inizialmente abbiamo stabilito di voler fornire 24 sessioni nelle 24 ore. Quelle si sono trasformate in 36 sessioni in realtà sono state 48 sessioni attraverso il primo evento. Sono veramente felice. Non sono sicuro che sia la parola giusta, ma sono davvero felice di dire che questa volta abbiamo effettivamente 66 sessioni che verranno consegnate nelle 24 ore. È stata un’esperienza fenomenale, offrire questo come ancora una volta, come una meravigliosa squadra di volontari, seduti dietro a queste persone come Michelle, Cate, Hauwa, Paul, solo persone meravigliose che ci stanno davvero permettendo di essere in grado di continuare a far crescere questo evento in un evento su scala molto più grande di quanto non sia mai stato inizialmente. Quindi il prossimo live del WordFest si terrà il 23 luglio. Quindi presenteremo 66 sessioni in un periodo di 24 ore. Ed è, penso che una delle cose più meravigliose che ho tratto dall’ultimo WordFest è stata, come organizzatore, aver organizzato molti eventi di persona, c’è sempre una connessione con i tuoi co-organizzatori. Certamente se stai organizzando un evento più grande, come un WordCamp, per esempio, costruisci questo rapporto e costruisci questo rapporto che il giorno della consegna dell’evento spesso è, è, è stancante. Ci sono, sì, ci sono momenti di sfide, ma ci sono anche momenti meravigliosi. Ma sperimenti tutte queste cose insieme come una squadra. Quello che ho portato via dal WordFest live, che è stata una vera sorpresa per me, è che siamo riusciti a creare quella stessa esperienza. Siamo riusciti a creare la stessa esperienza condivisa mentre stavamo consegnando l’evento. Non dimenticherò mai di essere seduto qui, penso di essere stato all’incirca nell’ora 36 perché ero alzato un po’ di tempo prima dell’evento ed ero seduto lì e solo il silenzio che stava effettivamente accadendo come un gruppo di organizzatori, lo sapevamo tutti come, cosa stavamo vivendo in quel momento. Ed è stato proprio un momento davvero speciale. Usiamo vari strumenti per consegnarlo. E uno degli ingredienti segreti chiave per noi come organizzatori era Discord. Quindi, avere un canale Discord audio aperto per consentirci di poter semplicemente parlare tra di noi di cui avevamo bisogno in quel momento, ha funzionato incredibilmente bene per noi.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.