Alcuni dei tag HTML meno conosciuti più belli
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

Alcuni dei tag HTML meno conosciuti più belli

Tempo di lettura: 5 minuti

Agli albori del World Wide Web, c’erano molti web designer che creavano siti web per persone e organizzazioni. Lo sono stato per un po’. Da allora, i web designer si sono ampiamente evoluti in sviluppatori web, spinti dall’emergere di applicazioni mobili e da un’esperienza online sempre più interattiva. Di conseguenza, molti sviluppatori tendono a rallentare le cose di base come l’HTML e concentrano la maggior parte della loro attenzione su cose più sexy come JavaScript/TypeScript, framework come Angular e i linguaggi più programmatici. Ed è un peccato perché ci sono molti tag HTML davvero interessanti e utili che non vengono utilizzati al massimo delle loro potenzialità.

Se sei come me e hai trascurato questo aspetto della tua crescita personale, questo tutorial di sviluppo web presenterà alcuni dei tag più sottoutilizzati e/o fraintesi in HTML. L’obiettivo è aumentare la tua esperienza in HTML in modo da poter progettare pagine Web che sfruttino tutta la potenza dei numerosi tag utili e versatili dell’HTML.

Leggere: Rendere i moduli HTML più interattivi con JavaScript

Il tag HTML

Hai mai desiderato eseguire il rendering dello stesso contenuto molte volte, ma non hai voluto copiare e incollare lo stesso markup dappertutto? Se è così, ho il tag per te! Il element fornisce un pratico meccanismo per definire un frammento di contenuto che viene archiviato per un uso successivo nel documento. Il il contenuto dell’elemento non è visibile nel browser da solo; può essere reso visibile solo utilizzando JavaScript per il rendering. Mentre il browser elabora i contenuti di durante il caricamento della pagina, lo fa solo per assicurarsi che quei contenuti siano validi. Poiché il contenuto non è considerato parte del documento fino a quando non viene eseguito il rendering, qualsiasi contenuto all’interno di un modello non avrà effetti collaterali (ad esempio, gli script non vengono eseguiti, le immagini non vengono caricate, l’audio non viene riprodotto, ecc.).

Inoltre, utilizzando document.getElementById() o querySelector() nella pagina principale non restituirà i nodi figlio di un modello. Ecco alcuni esempi di codice in cui il rendering dei contenuti del modello viene attivato con il clic di un pulsante:

<button onclick="showContent()">Show hidden content</button>

<template>
  <h2>Black Veil of Silence Cover Art</h2>
  <img src="https://www.htmlgoodies.com/html/html-tags-lesser-known/bvos_image_official_50%.jpg" width="214" height="204">
</template>

<script>
function showContent() {
  var temp  = document.getElementsByTagName("template")[0];
  var clone = temp.content.cloneNode(true);
  document.body.appendChild(clone);
}
</script>

Uno dei modi più semplici per attivare un modello è creare una copia completa del suo contenuto usando document.importNode(). Il contenuto la proprietà è di sola lettura Frammento di documento contenente il carico utile del modello. Per rendere il contenuto “disponibile”, dobbiamo solo aggiungere il suo clone all’elemento contenitore di nostra scelta. In questo particolare esempio, al corpo del documento vengono aggiunti un titolo H2 e un’immagine:

Elemento HTML <modello>” width=”517″ height=”385″ srcset=”https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example.jpg 517w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-300×223.jpg 300w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-485×360.jpg 485w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-80×60.jpg 80w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-265×198.jpg 265w” data-lazy-sizes=”(max-width: 517px) 100vw, 517px” src=”https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example.jpg”/></p>
<p><noscript>” width=”517″ height=”385″ srcset=”https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example.jpg 517w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-300×223.jpg 300w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-485×360.jpg 485w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-80×60.jpg 80w, https://www.htmlgoodies.com/wp-content/uploads/2022/05/html-template-example-265×198.jpg 265w” sizes=”(max-width: 517px) 100vw, 517px”/></noscript></p>
<p>I modelli HTML sono molto versatili in quanto lo stesso contenuto può essere ripetuto molte volte sulla pagina.  Se necessario, puoi anche apportare lievi modifiche al contenuto del modello prima di inserirlo nella pagina.  Ad esempio, gli sviluppatori potrebbero aggiornare l’esempio precedente per visualizzare un’immagine e un titolo diversi ogni volta che si fa clic sul pulsante.  Per fare ciò, lasceremo il titolo e l’immagine <strong>src </strong>vuoto nel modello:</p><div class=

<template>
  <h2></h2>
  <a href="" target="_blank"><img src="" width="250" height="250"></a>
</template>

Nel mostra contenuto() funzione, itereremo su un array di oggetti che definiscono i dati di ciascun modello:

const BASE_URL = 'https://i1.sndcdn.com/artworks-';
const images = [
  {
    title: 'Black Veil of Silence',
    source: 'kmrj7EWPXNCtjOkj-7yUVzg-t500x500.jpg',
    link: 'https://www.amazon.com/music/player/albums/B09RRML86Y'
  },
  {
    title: 'Mouse In a Maze',
    source: 'nOmzKy8phBjdHggR-B4aC8Q-t500x500.jpg',
    link: 'https://www.amazon.com/music/player/albums/B09HGTH83W'
  },
  {
    title: 'Private Life',
    source: 'b5jyk6LpdxWVWWz5-jGpxXw-t500x500.jpg',
    link: 'https://www.amazon.com/music/player/albums/B097Q6QFGC'
  }
];

function showContent() {
  const content = document.querySelector('template').content;

  // Remove the first image from the array.
  const imageData = images.shift();

  // Update content in the template DOM.
  content.querySelector('h2').textContent = imageData.title;
  content.querySelector('img').src = BASE_URL + imageData.source;
  content.querySelector('a').href = imageData.link;

  // Disable the button if no more images.
  document.getElementById('btnShowContent').disabled = images.length === 0;

  const clone = content.cloneNode(true);
  document.body.appendChild(clone);
}

La demo dell’elemento