Il Chrome Dev Summit si è concluso all’inizio di questa settimana. Gli annunci e le discussioni su argomenti scottanti che hanno un impatto sulla più ampia comunità web durante l’evento includevano l’iniziativa Privacy Sandbox di Google, miglioramenti a Core Web Vitals e strumenti per le prestazioni e nuove API per App Web Progressive (PWA).

Paul Kinlan, responsabile delle relazioni con gli sviluppatori di Chrome, evidenziato gli ultimi aggiornamenti del prodotto sul blog Chromium, ciò che ha identificato come la “visione per il futuro del Web ed esempi di esperienze web best-in-class” di Google.

Durante una sessione di domande e risposte dal vivo (AMA) con Chrome Leadership, ex membro dell’Advisory Board di AMP Jeremy Keith ha fatto una domanda che fa eco ai sentimenti di sviluppatori ed editori di tutto il mondo che guardano alla leadership e alle iniziative di Google con più scetticismo:

Dati i procedimenti giudiziari contro AMP, perché qualcuno dovrebbe fidarsi di FLOC o di qualsiasi altra iniziativa di Google apparentemente incentrata sulla privacy?

La domanda ha tirato un tiepido risposta dalla leadership di Chrome che ha evitato di dare una risposta diretta. Ben Galbraith ha risposto alla domanda, dicendo che non poteva commentare i procedimenti legali relativi ad AMP ma si è concentrato sulla Privacy Sandbox:

Penso che sia importante notare che non stiamo chiedendo fiducia cieca con lo sforzo Sandbox. Invece, stiamo lavorando allo scoperto, il che significa che condividiamo le nostre idee mentre sono in una fase iniziale. Condividiamo proposte API specifiche, quindi condividiamo il nostro codice all’aperto ed eseguiamo esperimenti all’aperto. In questo processo stiamo anche lavorando a stretto contatto con le autorità di regolamentazione del settore. Potresti aver visto l’accordo che abbiamo annunciato all’inizio di quest’anno insieme alla CMA del Regno Unito e abbiamo un gruppo di collaboratori del settore con noi. Continueremo a essere molto trasparenti in futuro, sia in termini di funzionamento di Sandbox che di proprietà di privacy che ne derivano. Ci aspettiamo che lo sforzo venga giudicato su tale base.

FLoC continua ad essere un’iniziativa controversa, contrastato da molte importanti organizzazioni tecnologiche. Un gruppo di collaboratori di WordPress che la pensano allo stesso modo proposto di bloccare l’iniziativa di Google all’inizio di quest’anno. I sostenitori della privacy non credono che FLoC sia un’alternativa convincente al modello di business della sorveglianza attualmente utilizzato dall’industria pubblicitaria. Invece, lo vedono come un invito a cedere un maggiore controllo della tecnologia pubblicitaria a Google.

La dichiarazione di Galbraith è in conflitto con le azioni dell’azienda all’inizio di quest’anno, quando Google ha affermato che il team non intende divulgare alcun feedback privato ricevuto durante il processo di origine di FLoC, che è stato criticato come mancanza di trasparenza.

Nonostante la fiducia in calo della comunità degli sviluppatori nell’azienda, Google continua a sostenere in modo aggressivo una serie di iniziative controverse, anche dopo che alcune di esse hanno causato problemi legali all’azienda. I dipendenti di Google non sono autorizzati a parlare della causa antitrust e sembrano desiderosi di prendere le distanze dal procedimento.

La domanda di Jeremy Keith che fa riferimento alle accuse di AMP nel denuncia antitrust recentemente non rivista contro Google era estremamente improbabile che ricevesse una risposta adeguata dal team di leadership di Chrome, ma il semplice atto di chiedere è un promemoria pubblico della fiducia che Google ha intenzionalmente eroso nel spingere AMP sugli editori.

quando Google ha ricevuto una richiesta di una serie di documenti dal Dipartimento di Giustizia come parte del processo istruttorio, la società era riluttante a consegnarli. Questi documenti rivelano come Google ha identificato l’header biding come una “minaccia esistenziale” e spiegano in dettaglio come AMP è stato utilizzato come strumento per impedire l’header biding.

La denuncia sostiene che “I dipendenti dell’ad server di Google si sono incontrati con i dipendenti di AMP per elaborare strategie sull’utilizzo di AMP per impedire l’header biding, affrontando in particolare la pressione che gli editori e gli inserzionisti tollereranno”.

In sintesi, afferma che Google ha falsamente detto agli editori che l’adozione di AMP avrebbe migliorato i tempi di caricamento, anche se i dipendenti dell’azienda sapevano che migliorava solo la “mediana delle prestazioni” e in realtà si caricava più lentamente di alcune tecniche di ottimizzazione della velocità utilizzate dagli editori. Sostiene che le pagine AMP abbiano portato agli editori il 40% in meno di entrate. La denuncia afferma che i vantaggi in termini di velocità di AMP “erano anche, almeno in parte, il risultato del throttling di Google. Google limita il tempo di caricamento degli annunci non AMP dando loro ritardi artificiali di un secondo per dare a Google AMP una “buona spinta comparativa”.‘”

Sebbene i documenti interni non siano stati pubblicati insieme al denuncia non redatta, queste sono affermazioni pesanti per il Dipartimento di Giustizia che si scagliano contro Google se i documenti non le confermano completamente.

Le accuse relative ad AMP sono eclatanti e richiedono una risposta veramente trasparente. Abbiamo tutti osservato come Google usasse il suo peso per costringere gli editori sia piccoli che grandi ad adottare il suo framework o a rinunciare al traffico mobile e al posizionamento nel carosello Top Stories. Ciò ha comportato un costo enorme per gli editori che non erano disposti ad adottare AMP.

Barry Adams, uno dei più vocali critici del progetto AMP, ha dimostrato questo costo agli editori in un grafico che mostra la percentuale di articoli nel carosello Top Stories per dispositivi mobili di Google negli Stati Uniti che sono non articoli dell’AMP. Quando Google ha smesso di richiedere AMP per le Top Stories per dispositivi mobili nel luglio 2021, si è verificato un forte aumento degli URL non AMP inclusi.

Una volta che AMP non era più necessario e gli editori potevano utilizzare qualsiasi tecnologia per posizionarsi nelle Top Stories, la percentuale di pagine non AMP è aumentata in modo significativo fino a raggiungere la doppia cifra, dove rimane oggi. Adams’ articolo invita la comunità web a riconoscere il danno che Google ha fatto nel concedere un trattamento preferenziale alle pagine AMP:

“Ma sono arrabbiato. Perché significa che per più di cinque lunghi anni, quando AMP era un requisito per le prime notizie per dispositivi mobili, Google penalizzato questi editori per non aver utilizzato AMP.

C’era nessun altro motivo affinché Google smetta di classificare questi editori nel carosello di Top Stories per dispositivi mobili. Come è evidente dall’ondata di articoli non AMP, ci sono probabilmente centinaia, se non migliaia, di editori che spuntato ogni singola casella della classifica che Google ha richiesto; contenuto di notizie di qualità, stack tecnologico facilmente scansionabile e indicizzabile, buoni segnali di autorità editoriale e così via.

Ma non hanno usato AMP. Quindi Google non li ha classificati. Pensa per un momento al costo di tutto ciò”.

Anche gli editori che hanno adottato AMP hanno faticato a ottenere visualizzazioni di annunci. Nel 2017, Digiday ha riportato quanti editori hanno sperimentato diminuzione dei ricavi associati al caricamento degli annunci molto più lento del contenuto effettivo. Non credo che nessuno all’epoca immaginasse che Google stesse limitando gli annunci non AMP.

“L’obiettivo di AMP è caricare prima i contenuti e poi gli annunci”, ha detto a Digiday un portavoce di Google. “Ma stiamo lavorando per rendere gli annunci più veloci. Ci vuole un bel po’ dell’ecosistema per capire che la velocità è importante per gli annunci, così come lo è per i contenuti”.

Questo è il motivo per cui Google sta rapidamente perdendo la fiducia degli editori. Per anni l’azienda ha ingombrato le organizzazioni giornalistiche già in difficoltà con il requisito di AMP. La descrizione dettagliata del DOJ di come l’AMP è stato utilizzato come veicolo per pratiche anticoncorrenziali semplicemente strofina il sale nella ferita dopo ciò che gli editori hanno passato spendendo risorse per supportare le versioni AMP dei loro siti web.

Automattic nega la conoscenza preliminare della limitazione degli annunci non amplificati di Google

Nel 2016, Automattic, una delle aziende più influenti nell’ecosistema WordPress, ha collaborato con Google per promuovere AMP come uno dei primi utenti. WordPress.com ha aggiunto il supporto AMP e Automattic ha creato le prime versioni del plug-in AMP per i siti WordPress self-hosted. L’azienda ha svolto un ruolo significativo nel promuovere l’adozione di AMP, consentendogli di entrare nell’ecosistema di WordPress.

Quanto sapeva Automattic quando ha collaborato con Google nel lancio iniziale di AMP? Ho chiesto all’azienda quale fosse la natura precisa della sua relazione con Google riguardo ad AMP in questo momento.

Come parte della nostra missione di rendere il web un posto migliore, testiamo sempre nuove tecnologie, incluso AMP”, ha affermato un portavoce ufficiale di Automattic.

Questo può essere vero, ma Automattic ha fatto di più che semplicemente testare la nuova tecnologia. In collaborazione con Google, è stato determinante nel rendere più facile l’adozione di AMP per gli utenti di WordPress.

Non abbiamo ricevuto fondi da Google per il progetto”, ha detto un portavoce di Automattic quando gli è stato chiesto se la società fosse stata retribuita come partner in questo sforzo.

Cosa ha promesso Google ad Automattic per convincere l’azienda a diventare uno dei primi partner nel lancio di AMP? Ho chiesto se l’azienda ha una risposta ufficiale alle accuse secondo cui Google stava limitando il tempo di caricamento degli annunci non AMP dando loro ritardi artificiali di un secondo per dare a Google AMP “una bella spinta comparativa”. Il portavoce non ha risposto alle affermazioni specifiche, ma ha indicato che la società non era a conoscenza di azioni che potrebbero non essere corrette:

Abbiamo scelto di collaborare con Google perché credevamo di avere una visione condivisa del progresso del Web aperto. Inoltre, volevamo offrire il vantaggio della tecnologia più recente agli utenti e agli editori di WordPress, incluso AMP.

Sebbene non siamo in grado di commentare le questioni legali in corso, possiamo dire che nel corso della nostra partnership non eravamo a conoscenza di azioni che non fossero in linea con la missione della nostra azienda di supportare il web aperto e renderlo un migliore luogo.

La denuncia all’antitrust descrive anche un progetto NERA, progettato per “imitare con successo un giardino recintato attraverso il web aperto”. Alla domanda in merito, Automattic ha ribadito il suo impegno a supportare il web aperto e ha dato la stessa risposta: “Non eravamo a conoscenza di azioni che non fossero in linea con la missione della nostra azienda”.

Nell’esaminare il peso delle accuse del DOJ, è importante considerare come questo influisca su WordPress come CMS utilizzato dal 42% del web. Un nuovo team di prestazioni per il core di WordPress è guidato da Yoast e dai dipendenti sponsorizzati da Google. La proposta iniziale è quella di migliorare le prestazioni di base misurate da I principali punti vitali del Web di Google metrica. Queste metriche sono un insieme di fattori specifici che Google ritiene importanti per l’esperienza dell’utente.

Privo dimettendo in dubbio l’integrità personale dei collaboratori di quel team, penso che sia importante che la leadership di Google riconosca come AMP abbia danneggiato la fiducia degli editori alla luce dei recenti eventi. Molti di questi contributori sono fortemente coinvolti nella creazione di risorse relative ad AMP per l’ecosistema WordPress. I loro contributi sono puramente mirati a rendere il core di WordPress più performante o c’è un lungo gioco che serve gli interessi di Google che viene intrecciato in questa iniziativa? Questi dipendenti ne sarebbero a conoscenza se ci fossero?

Queste sono considerazioni importanti se Google definisce le metriche delle prestazioni rispetto a cui WordPress sta misurando. I presunti misfatti della compagnia sembrano essere sepolti in alto nella catena di comando. Coloro che hanno il compito di spacciare AMP potrebbero non essere a conoscenza delle presunte pratiche anticoncorrenziali identificate dal DOJ nei documenti interni di Google. La comunità di WordPress dovrebbe continuare a essere vigile per conto degli editori che dipendono da WordPress per rimanere un vero sostenitore del web aperto.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.