Oggi, il team di WPMarmite ha rilasciato un enorme file studio di 127 negozi di temi WordPress. Si è concentrato principalmente sull’integrazione con l’editor a blocchi. Il team ha anche intervistato direttamente 22 negozi per approfondire come potrebbe essere il futuro quando il progetto Full Site Editing (FSE) sarà interamente integrato nella piattaforma principale, che potrebbe essere intorno alla versione 5.9 di WordPress alla fine del 2021.

FSE non è una singola cosa che WordPress rilascerà agli utenti tutti in una volta. È un progetto in corso con diversi componenti indipendenti ma correlati che verranno spediti in base alla loro disponibilità. L’obiettivo è spostare il sistema di blocchi oltre il semplice contenuto, portando i blocchi in tutti gli aspetti del front-end di un sito.

Ci si aspetta la modifica di un singolo post / modello di pagina e widget basati su blocchi arriva con WordPress 5.8 nel mese di luglio. Si tratta di due componenti rivolti all’utente che fungono da trampolini di lancio verso un’esperienza FSE completa.

Mettendo lo studio nel contesto, la discussione relativa a FSE per gli autori di temi riguarda principalmente i modelli di blocco e gli stili globali. Questi componenti creeranno un cambiamento drastico allo sviluppo del tema in cui i modelli sono costituiti da blocchi stessi e gli stili sono configurati tramite un file JSON. Per la prima volta nella storia di WordPress, gli utenti saranno in grado di modificare direttamente entrambi da un’interfaccia nell’amministratore del proprio sito senza conoscere alcun codice.

Prossimo editor del sito con modelli (pannello di sinistra) e stili globali (pannello di destra).

WordPress 5.0, la prima versione a includere i blocchi, lanciata due anni e mezzo fa. Gli autori dei temi hanno avuto il tempo di aggiornarsi, migrare vecchi progetti e crearne di nuovi. Lo studio di WPMarmite offre una visione solida e immediata di come stanno andando i negozi ora che l’onda d’urto dell’introduzione del sistema a blocchi si è stabilizzata da tempo.

Lo studio: supporto dell’editor a blocchi

La conclusione principale dello studio su 127 negozi è stata che il 57% di essi presentava in qualche modo la compatibilità con l’editor di blocchi. A parte testare i temi di ogni sito individualmente o chiederli direttamente a tutti, non c’è altro modo per sapere quanti effettivamente offrono supporto. La mia ipotesi è che il numero non sia molto più alto.

Tecnicamente, tutti i temi “funzionano” con l’editor di WordPress. Tuttavia, non tutti sono progettati da zero per offrire un’esperienza ideale con esso. Come negozio di temi commerciali, dovresti menzionare questo supporto da qualche parte nel tuo marketing.

Anche se quel 57% è esatto, un negozio con supporto per i blocchi non significa sempre un supporto solido. Nella mia esperienza di visualizzazione dei temi e delle loro demo quasi quotidianamente, “supporto” spesso significa aggiustamenti minimi per assicurarsi che le basi non rompano il sito. Questo numero è di gran lunga inferiore se si contano temi che offrono un’esperienza di editor di blocchi coinvolgente.

Il numero che è stato sorprendente ma non sorprendente è stata la percentuale di negozi che attualmente forniscono modelli a blocchi. Solo il 3% (4 in totale) raggruppa modelli personalizzati.

Editor di WordPress con il pannello dei modelli di blocco aperto.
Inserimento di un pattern di blocco nell’editor di WordPress.

Sebbene l’API dei pattern sia stata disponibile solo da allora WordPress 5.5, uscito meno di un anno fa, è uno di quegli strumenti cruciali per il futuro dello sviluppo dei temi. Pensavo che il numero fosse basso. Semplicemente non sapevo che fosse 3% basso.

Se il 57% dei negozi offre un certo livello di supporto per l’editor di blocchi, perché si fermano prima dell’integrazione completa e non utilizzano le funzionalità più potenti a loro disposizione?

I pattern fanno parte di quell’esperienza immersiva di cui ho parlato. Se un negozio non ne ha, mi chiedo quanto supporti effettivamente il sistema a blocchi.

Nella directory dei temi gratuiti di WordPress.org, tale percentuale è molto più alta. Attualmente, 514 temi aggiungi stili di editor di blocchie 120 raggruppare almeno un modello.

Nota: se tu combina questi due filtri, la directory elenca 107 temi. Ad alcuni potrebbe mancare un tag.

Un punto di dati che il team ha mancato è stato quanti di questi negozi di temi si sono integrati con costruttori di pagine di terze parti. Scommetto che la maggior parte degli autori di ThemeForest supporta almeno un builder aggiuntivo, forse due. È quasi una scommessa sicura che Elementor e Beaver Builder siano in cima a quella lista. Sebbene lo studio riguardasse il sistema di blocco principale, questo ci avrebbe fornito uno sguardo più accurato al mercato dei temi attuali.

L’indagine: FSE e il futuro

Dei 127 negozi, WPMarmite ha intervistato 22 di loro con domande su FSE. La statistica più significativa è che l’82% dei negozi segue le notizie relative all’FSE, citando WP Tavern come una delle loro fonti. Grazie, cari lettori.

Su una nota più seria, l’86% degli intervistati ritiene che FSE sarà una svolta per gli utenti. Non sono sorpreso di questo. Molte funzionalità che gli autori di temi hanno tentato di realizzare negli ultimi dieci anni sono state integrate nel plugin Gutenberg. È un processo lento, ma avere i pezzi integrati in WordPress fornisce API standard che semplificheranno il lavoro dei loro utenti. A sua volta, ciò consentirà loro di avviare funzionalità che gli utenti richiedono con meno codice e tempi di consegna più rapidi.

Il numero che voglio vedere più alto è quello di coloro che si stanno preparando attivamente per i modelli di blocco e gli stili globali. Secondo il sondaggio, solo il 22% lo fa.

Questi componenti sono in continuo mutamento. Tuttavia, gli elementi fondamentali sono molto più stabili di quanto non fossero solo pochi mesi fa. Questo rende un buon momento per gli altri per iniziare a tuffarsi: ci sono meno possibilità di interrompere i cambiamenti con il sistema. Prevedo che la percentuale di negozi di temi commerciali che lavorano con FSE aumenterà durante l’anno. Tuttavia, potrebbe essere un processo lento arrivare al punto in cui tali temi sono all’ordine del giorno. Potrebbe essere necessario vedere prima un tema di blocco breakout che aumenta rapidamente di popolarità. Tutti gli altri si metteranno in riga.

Nel frattempo, se qualcuno vuole sperimentare FSE, ci sono sei temi elencati nella rubrica.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.