Il modo più semplice per eliminare il plug-in di WordPress è non farlo sapere al mondo. Se non riesci a gestire un tweet, un post sul blog o una nota rapida su Facebook, puoi anche firmare il certificato di morte lì per lì.

Capisco. Io ci sono stato. Non tutti sono guru del marketing, quindi pubblicare il messaggio giusto potrebbe sembrare come parlare in una lingua straniera. Ma nessun messaggio? Questo non sarà di buon auspicio per il tuo giovane progetto.

Parte del mio lavoro è trovare plugin e condividerli con la community. Ogni settimana, sono alla ricerca della prossima grande idea. O, almeno, una specie di buona idea. Setaccio Twitter, i blog regolari che leggo e le directory ufficiali di WordPress alla ricerca di plugin e temi. Quello che mi piace di più dello scrivere sulla nostra amata piattaforma non sono i grandi affari o l’ultimo dramma. Sebbene quei pezzi possano essere divertenti, sono più interessato a ciò che le persone creano sul software. Sia che una grande azienda o un individuo crei un nuovo plug-in, sono sempre entusiasta quando arriva il lunedì. Posso ricominciare la mia ricerca.

Spesso trovo un nuovo plugin che sembra promettente, quindi mi ci tuffo dentro. Lo installo e lo attivo. A volte, trovo qualcosa di così interessante che non ho altra scelta che condividerlo. Tuttavia, la maggior parte delle volte, ho bisogno di una piccola spinta. Per capire “il perché” che c’è dietro. Faccio un rapido controllo per vedere se hanno scritto un post sul blog, twittato o condiviso in qualche modo. Il più delle volte, non esiste nulla al riguardo oltre al suo elenco nella directory dei plugin. E, raggiungere gli sviluppatori via e-mail è spesso un affare incostante.

Quando non annunci il tuo nuovo progetto al mondo, sembra che tu non ne sia appassionato.

Capisco che alcune persone semplicemente elaborano un’idea e decidono di rilasciarla nella directory dei plugin. Non sono lì per la gloria o anche per il riconoscimento. Per loro, è solo un pezzo di codice che pensavano potesse venire in mano ad altri. Ma l’utilizzo è la linfa vitale del software. Se nessun altro scarica, installa e attiva il tuo plugin, possiamo davvero chiamarlo software?

Come il proverbiale albero che cade nella foresta, se emette un suono è irrilevante se nessuno è in giro per ascoltarlo.

Ho riflettuto sull’opportunità di finire di scrivere questo post per mesi, incerto se avrei mai premuto il pulsante di pubblicazione. Inizialmente ho annotato alcune note all’inizio di aprile, cercando di capire perché così pochi passano attraverso il guaio di fare qualsiasi marketing dei loro plugin. Ho contattato Bridget Willard per ottenere informazioni da qualcuno con una ricca storia nel mondo del marketing. Aveva appena pubblicato Come commercializzare il tuo plugin il mese prima, quindi il tempismo aveva un senso.

Tuttavia, mi sentivo ancora troppo frustrato dallo status quo nella comunità di WordPress. Un messaggio di un lettore che desiderava menzionare scelte alternative per i post relativi ai plugin mi ha spinto a rivisitare questo. La verità è semplice. Così tanti progetti volano sotto il radar perché i loro autori iniziano e terminano il loro marketing inviando a WordPress.org.

“Il marketing è comunicazione”, ha detto Willard. “A livello di base, devi ‘dire alla gente’ che hai un prodotto. Il minimo di base è un post sul blog con post sui social su Twitter, Facebook e LinkedIn. È spaventoso commercializzare mentre costruisci, ma è quello che fa l’industria automobilistica (insieme ad altre). Devi creare il desiderio per il prodotto, più che risolvere un problema”.

Anche se tende a concentrarsi su prodotti e servizi, le ho chiesto cosa dovrebbero fare gli sviluppatori indipendentemente dal fatto che i loro plugin siano commerciali o gratuiti.

“Io sostengo con tutto me stesso di avere una landing page sul tuo sito principale (non un nuovo sito) che promuova il tuo plugin – mentre lo stai costruendo”, parafrasando un capitolo del suo libro. “Prendi le registrazioni per i beta tester, inizia l’email marketing. Il post del blog è anti-climatico in molti modi e uno o due tweet non sono sufficienti. Ancora meglio è personalizzare la “pagina di ringraziamento” di registrazione con qualcosa di speciale, ad esempio un video che parla dei tuoi obiettivi. Non è il momento di avere un tutorial o una demo. Si tratta di comunicare la tua visione.

“La cosa triste è che molti sviluppatori di plugin non vedono la necessità di spendere soldi per un plugin ‘gratuito’. L’assioma è vero, ‘ci vogliono soldi per fare soldi’. Se vuoi vendere, hai bisogno di marketing. La vendita di un plug-in gratuito è un download, e questi sono altrettanto importanti”.

Una parte di me ha perso il vecchio Raccolta di strumenti per blog era. Ogni pochi giorni, il sito condivideva un post con gli ultimi plugin (anche temi) con brevi descrizioni di ciascuno. Era una vittoria facile se non avevi competenze di marketing. Gli sviluppatori potrebbero inviare i loro nuovi progetti e il team li condividerà con la comunità. Quando ero un giovane sviluppatore emergente, era uno degli unici modi in cui sapevo come raggiungere le persone nella comunità di WordPress oltre a spingere cose dal mio blog.

Oggi abbiamo molte più strade per condividere il nostro lavoro tramite i social network. Naturalmente, il rovescio della medaglia è che devi tagliare il rumore.

A lungo termine, mi piacerebbe vedere una revisione della directory WordPress.org, concentrandomi sulla rilevabilità dei plugin per funzionalità anziché soltanto popolarità. Non tutti gli sviluppatori sono noti per le loro capacità di marketing. Avere un piccolo aiuto dalla directory in cui si alimentano potrebbe rendere più facile per gli sviluppatori in erba passare dall’hobby al business.

Fino ad allora, fai sapere al mondo del tuo plugin. Anche se sembra che tu stia gridando nell’abisso, potresti semplicemente sentire una risposta da qualcuno che ha notato la tua passione. Se nient’altro, Fateci sapere a riguardo qui alla WP Tavern.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.