I lettori spesso ci chiedono, cosa c'è di meglio per la SEO: categorie vs tag?

Potresti non essere sicuro di quali siano effettivamente le categorie e i tag di WordPress e come siano diversi. Sapere questo può aiutarti a usarli correttamente.

In questo articolo, spiegheremo le differenze tra categorie e tag per l'organizzazione dei tuoi contenuti e in che modo possono influire sul posizionamento SEO.

Qual è la differenza tra categorie e tag?

categorie sono pensati per un ampio raggruppamento dei tuoi post. Pensa a questi come argomenti generali o sommari per il tuo Sito WordPress. Le categorie sono gerarchiche, il che significa che è possibile creare sottocategorie.

tag hanno lo scopo di descrivere dettagli specifici dei tuoi post. Pensa a queste come alle parole indice del tuo sito. Ti consentono di micro-categorizzare i tuoi contenuti. I tag non sono gerarchici.

Ad esempio, questo post di blog su WPBeginner è nella nostra categoria “Guida per principianti”. Puoi vedere tutti i post in questa categoria andando a Blog »Guida per principianti nel nostro menu di navigazione.

Questo post contiene i tag: categorie, categorie vs tag, tassonomia personalizzata, seo, best practice seo, ordinamento dei contenuti e tag.

Non vedrai questi tag mostrati ovunque nel nostro articolo. Tuttavia, aiutano gli utenti a trovare questo articolo nelle ricerche pertinenti sul nostro blog.

Una delle maggiori differenze tra tag e categorie è che tutti i post di WordPress devono essere archiviati in una categoria, ma non devono avere tag.

Se non dai una categoria al tuo post, WordPress lo assegnerà automaticamente alla categoria predefinita. Questo si chiama “Senza categoria”, ma spesso è utile rinominare la categoria “non categorizzata” a qualcosa come “Altro” o “Varie”.

Nota: Per impostazione predefinita, solo i post di blog hanno categorie e tag in WordPress. Tuttavia, puoi aggiungi categorie e tag alle tue pagine WordPress usando un plugin.

Come puoi aggiungere categorie e tag in WordPress?

Puoi aggiungere categorie e tag in WordPress durante la creazione o la modifica di un post. Li troverai sul lato destro sotto le impostazioni “Documento”.

Aggiunta di categorie e tag durante la creazione di un post

Puoi anche andare a Messaggi »Categorie e Messaggi »Tag per aggiungere nuove categorie e tag.

Per ulteriori informazioni sul processo di aggiunta di categorie e tag, consulta le nostre spiegazioni di Che cos'è una categoria? e Che cos'è un tag? per aiuto e guida.

Quante categorie di WordPress dovresti avere?

Non esiste un numero specifico di categorie che dovresti avere. Nella maggior parte dei casi, ti consigliamo tra 5 e 10 per classificare correttamente i tuoi post e rendere il tuo sito facile da navigare.

Le categorie hanno lo scopo di comprendere un ampio gruppo di post. Puoi utilizzare sottocategorie e tag per dividere i tuoi post in gruppi più piccoli.

Se lo sei avviare un blog, quindi non preoccuparti di provare a creare un elenco perfetto di categorie. Basta scegliere da 3 a 5 categorie generali e aggiungerne altre col passare del tempo.

Devo usare le sottocategorie?

Non è necessario utilizzare sottocategorie e molti blog di grandi dimensioni (incluso WPBeginner) non lo fanno. Tuttavia, le sottocategorie sono utili se hai una grande categoria con molti post che potrebbero essere raggruppati in sezioni più piccole.

Ad esempio, potresti avere una categoria “Ricette” che contiene un numero crescente di ricette senza glutine.

Articoli nella categoria & # 039; Ricette & # 039;

Puoi inserire questi post nella loro sottocategoria, in modo che i lettori possano trovarli facilmente. Crea una nuova categoria figlio per “Ricette” chiamata “Senza glutine” e sposta questi post in quella categoria.

Utilizzo delle categorie negli URL dei tuoi post

Alcuni siti utilizzano il nome della categoria nei permalink (post URL), che è possibile impostare in Impostazioni »Permalink.

Compresi i tuoi post & # 039; categorie nei tuoi URL

In tal caso sul tuo sito, il tuo post inizialmente avrà un URL simile al seguente:
/ Ricette /senza glutine-frittelle /

Dopo aver spostato il post in una categoria figlio, avrà un nuovo URL:
/ Ricette / senza glutine /senza glutine-frittelle /

Normalmente, WordPress proverà a reindirizzare il vecchio URL a quello nuovo. Vale sicuramente la pena verificare che i tuoi collegamenti funzionino ancora. Se necessario, puoi crea un reindirizzamento 301 dal vecchio URL a quello nuovo.

Un'altra opzione è quella di mantenere il post nella categoria padre e assegnarlo alla categoria figlio, ma ciò può avere degli svantaggi.

Sebbene il sito Web WPBeginner abbia categorie nell'URL, consigliamo sempre agli utenti di utilizzare una struttura URL più breve che contenga solo “Nome post”.

Ciò ti darà la massima flessibilità per riorganizzare i contenuti senza preoccuparti di impostare reindirizzamenti.

Tutti i nostri nuovi siti Web utilizzano la moderna struttura URL del nome del post. WPBeginner ha più di 10 anni, quindi ha una struttura URL legacy e non è consigliabile cambiare la struttura dell'URL per SEO, motivo per cui ci siamo bloccati.

Posso assegnare un post a più categorie?

WordPress ti consente di inserire un post in più categorie. Potrebbero essere diverse categorie principali o una categoria principale più una sottocategoria o sottocategorie.

Avere più categorie non gioverà al tuo SEO. Dovresti assegnare post a più categorie solo se ha più senso per i tuoi lettori.

È possibile che pubblicare i tuoi post in più categorie possa causare alcuni problemi SEO a causa di contenuti duplicati.

Se usi più categorie, cerca di evitare di inserire un post in due o più categorie (principali). Ogni post dovrebbe rientrare in una categoria principale.

Esiste un limite al numero di tag che un post può avere?

WordPress stesso non ha alcun limite al numero di tag che puoi avere su ogni post. Potresti potenzialmente assegnare 1.000 o più tag a un post!

Tuttavia, non lo consigliamo vivamente.

Lo scopo dei tag è di aiutare a collegare insieme i post correlati. Pensali come una sezione indice di un libro. Ogni tag è come una parola chiave nell'indice.

I tag sono utili per gli utenti che effettuano ricerche nel tuo sito. Alcuni plugin che visualizzano post correlati utilizza i tag per aiutarli a capire quali argomenti dei post sono correlati.

Ti consigliamo di rispettare normalmente un massimo di 10 tag per post.

Categorie vs tag: cosa c'è di meglio per la SEO?

Ci sono WordPress SEO vantaggi dell'utilizzo delle categorie rispetto ai tag o viceversa?

La risposta breve è No.

Categorie e tag hanno entrambi scopi diversi. Devi usare le categorie, ma non devi usare i tag se non vuoi. Tuttavia, ti consigliamo di utilizzare entrambi, in modo appropriato, per aiutare i lettori a navigare nel tuo sito.

In definitiva, dovresti progettare il tuo sito pensando agli utenti. Tutti i motori di ricerca vogliono mostrare agli utenti il ​​contenuto che sarà loro più utile.

Ciò significa che organizzando i tuoi contenuti per la migliore usabilità ti aiuterà anche a ottenere migliori classifiche SEO.

Ci auguriamo che questo articolo ti abbia aiutato a comprendere categorie vs tag e le migliori pratiche SEO per ordinare i tuoi contenuti. Potrebbe piacerti anche il nostro articolo su come monitorare la categoria di WordPress e l'analisi dei tage il nostro confronto tra migliori strumenti di ricerca per parole chiave per SEO.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di iscriverti al nostro Canale Youtube per i tutorial video di WordPress. Puoi trovarci anche su cinguettio e Facebook.

Il post Categorie vs tag – Best practice SEO per ordinare i tuoi contenuti è apparso per primo WPBeginner.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone

Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.