Gli ultimi mesi sono stati pieni di acquisizioni nello spazio WordPress. La scorsa settimana ne abbiamo visti due enormi con LearnDash entra a far parte di StellarWP (Web liquido) e Sandhills Development vende tutti i suoi plugin a Awesome Motive.

Entrambe queste sono enormi acquisizioni con quest’ultima che causa più preoccupazione rispetto al resto. Più su quello più tardi.

In questo momento, la mia domanda è questa… C’è un futuro per le piccole aziende WordPress?

Il WordPress frammentato

WordPress come piattaforma è sempre stato frammentato.

Come nuovo utente, devi trovare un provider di hosting, scegliere un nome di dominio, acquistarli entrambi, quindi capire cos’è questa cosa chiamata WordPress e come funziona. Dopo averlo fatto, devi cercare e acquistare un tema, ma questo non fa tutto ciò di cui hai bisogno, quindi devi cercare e acquistare plug-in.

Ma cosa succede se non funzionano tutti insieme?

Come faccio a sapere chi è uno sviluppatore/venditore affidabile da cui dovrei acquistare?

In che modo un “semplice sito web” si è trasformato in giorni e settimane di ricerca prima ancora che io ottenga qualcosa?

Questa è praticamente stata la situazione del mondo reale per i nuovi utenti che non sono sviluppatori. Per gli sviluppatori, d’altra parte, è stata una battaglia costante per trovare i migliori plugin a lungo termine, estensibili e così via.

Costruirebbero un sito per un cliente e poi un aggiornamento del plug-in lo rimuoverà. Ora devono contattare uno sviluppatore di plug-in per scoprire che è probabile un conflitto, quindi devono contattare un altro sviluppatore.

Potrebbe funzionare in questo momento, ma è frammentato, per non dire altro.

Il WordPress strutturato

Questo è ciò che le società di hosting (GoDaddy, Liquid Web, Automattic tramite WordPress.com) e simili di elementor Cloud sembra essere dopo. Una soluzione in hosting end-to-end che non si basa necessariamente su “WordPress” in termini di marketing, ma lo utilizza sotto il cofano per alimentare la propria soluzione all-in-one personalizzata.

Ha senso per l’utente: deve solo scegliere una soluzione e l’esperienza di creazione del proprio sito Web diventa un processo semplice e singolare con interferenze minime da qualsiasi altra parte. Ogni soluzione offrirà l’estensibilità di WordPress e tutti i vantaggi che ne derivano, ma risolverà il problema della necessità di tutte le parti costituenti.

Sembra utopico, ma esiste già in forme diverse. Le soluzioni che ho menzionato prima sono un lavoro in corso che sembra che potrebbero diventare incredibilmente potenti e di successo nei prossimi anni.

Il futuro di WordPress

Come piattaforma

Attualmente, sembrano esserci due percorsi tra cui i nuovi utenti potrebbero scegliere in futuro. Il metodo fai-da-te che abbiamo visto negli ultimi anni e la versione ospitata che otterresti quando scegli di lavorare con un provider o un costruttore di hosting.

Se uno vincerà sull’altro e se i due possono coesistere alla scala in cui sono oggi è ancora da vedere.

Come industria

È qui che risiedono le mie preoccupazioni personali e non ho ancora una risposta (e nemmeno nessun altro, in verità).

Negli ultimi due giorni, mi sono venute in mente molte domande, a parte quelle che ho visto su Twitter, sui canali Post Status Slack e così via…

  • In che modo i piccoli negozi possono competere con i provider di hosting che offrono lo stesso prodotto come parte della loro offerta integrata?
  • Il futuro per gli sviluppatori di plug-in più piccoli è tutto basato sulla creazione di una base di utenti e di un flusso di entrate sufficientemente grandi da garantire un’acquisizione e un grande giorno di paga?
  • C’è abbastanza potenziale di fallimento in alcune delle acquisizioni di prodotti da aprire opportunità per “aggiustare” quella nicchia con un’alternativa migliore?
  • C’è spazio per molti plug-in stand-alone per avere il successo che li abbiamo visti negli ultimi dieci anni o saranno solo successi una tantum?

Un vantaggio ingiusto?

Tornando a quanto detto nell’introduzione, il tweet di Carl Hancock riassume le mie preoccupazioni:

ho letto di Le ragioni di Pipino per vendere e si è persino congratulato personalmente con lui per la sua decisione. Ha fatto la scelta giusta per se stesso e capisco perfettamente il ragionamento. Da parte sua, Awesome Motive ha fatto una mossa enorme che aveva molto senso per la crescita futura della loro azienda.

Questo cambio di proprietà potrebbe portare a molti miglioramenti apportati a Download digitali facili, AffiliatiWP, e così via. Dopotutto, con alternative come Freemius là fuori che hanno commissioni elevate e alcune limitazioni nell’esecuzione di programmi di affiliazione, gestione di promemoria e-mail automatici e così via, questo potrebbe essere un netto positivo per lo standard del settore del software utilizzato per vendere e commercializzare prodotti WordPress. Tutti hanno bisogno di intensificare il proprio gioco.

Tuttavia, il tweet di Carl è esattamente quello che ho pensato nel momento in cui ho letto la notizia. Ecco perché è preoccupante…

  • Fantastico motivo acquisito Classifica plugin, dando loro accesso a molti dati sul repository dei plug-in di WordPress, sulle prestazioni dei diversi plug-in, su quali sono in difficoltà, potenzialmente anche sul “perché” e così via.
  • Attraverso la loro ultima acquisizione di EDD e AffiliateWP, ora possiedono i due software che la stragrande maggioranza dei venditori di plug-in utilizza per vendere e commercializzare i propri prodotti. Insieme a questo arrivano un bel po’ di dati su come questi prodotti vengono utilizzati e sulle loro prestazioni.

Elaborando quest’ultimo punto, se stai utilizzando il servizio di pagamento di AffiliateWP, credo che alcuni di questi dati potrebbero essere visibili al proprietario del prodotto. Per quanto riguarda EDD, se hai attivato il monitoraggio dell’utilizzo, ci sono alcune cose che vengono tracciate che possono essere utilizzati nelle ricerche di mercato. Per quanto riguarda i dati di vendita, EDD non li traccia direttamente in alcun modo. Tuttavia, se utilizzi l’integrazione di Stripe Connect, credo che potrebbe condividere determinati dati di vendita soltanto sugli ordini che vengono elaborati attraverso quel gateway.

(Se uno dei precedenti è impreciso, fammelo sapere nei commenti qui sotto e lo aggiornerò di conseguenza.)

Ciò potenzialmente consente a un’azienda di accedere a informazioni sul mercato di WordPress nel suo insieme che nessun altro ha e, a mio parere, nessuna persona/azienda dovrebbe avere. È come se Freemius utilizzasse i propri dati per creare prodotti che competeranno con qualunque cosa venda meglio sulla propria piattaforma. Forse è meno ovvio dal momento che EDD e AffiliateWP non sono soluzioni SaaS complete come lo è Freemius, ma avere solo l’opportunità di accedere e utilizzare tali dati è di per sé una preoccupazione.

Questo fa sorgere ancora più domande…

alternative

Vale la pena ricordare che esistono alternative a queste soluzioni. Come punto di riferimento, eccone alcuni che ho usato o ricercato personalmente.

SliceWP – un’alternativa ad AffiliateWP basata su WordPress.

Impatto o Shareasale – Alternative di AffiliateWP che non sono basate su WordPress.

Freemius o WooCommerce – Alternative EDD che sono anche soluzioni basate su WordPress.

Caricare o Primavera veloce – Alternative EDD che non sono basate su WordPress.

Usiamo personalmente EDD, AffiliateWP e Freemius per i nostri prodotti.

Se questo sarà ancora il caso tra un anno o due è ancora da decidere.

Perché sta succedendo?

Coloro che vendono attività di plug-in in questo momento sono per lo più WordPress OG che esistono da un decennio. Imprenditori come questi hanno bisogno di nuove sfide e tutti raggiungono un punto in cui non sentono di poter contribuire ulteriormente alla crescita di un progetto.

Alcuni perdono la passione per il settore o per il loro prodotto e decidono di aver bisogno di una nuova sfida personale. Tutti questi sono validi motivi per andare avanti e le acquisizioni sono probabilmente la soluzione migliore per mantenere la maggior parte del team e i suoi utenti felici (e occupati) a lungo termine.

WordPress come piattaforma da solo è attualmente troppo frammentato per competere con soluzioni come Shopify e Squarespace. Ecco perché stiamo assistendo all’introduzione di Gutenberg, blocchi, modifica del sito completo e così via. Questo cambiamento sembra essere un netto positivo per tutti.

Le singole aziende creeranno le proprie piattaforme con cui gli utenti familiarizzeranno facilmente, probabilmente senza alcuna menzione di WordPress. Questo darà loro la libertà di creare ciò che vogliono, proprio come vogliono.

Del calibro di Automattic, Liquid Web, elementor e così via diventeranno le scelte principali per gli utenti delle notizie. Semplifica l’onboarding e toglie la complessità che ha fatto sì che WordPress non fosse più sempre la soluzione ideale per una rapida creazione del sito.

C’è un futuro per le piccole aziende WordPress?

Ancora una volta, ho più domande che risposte…

Le aziende più piccole possono sopravvivere per più di 2 o 3 anni con l’attuale modo di fare le cose?

Le piccole imprese possono competere con le grandi aziende che hanno budget enormi e team di esperti?

Anche se uno può costruire un prodotto migliore, ha il potere di marketing per raggiungere un numero sufficiente di potenziali clienti e rendere redditizio il proprio investimento prima che sia troppo tardi?

È tempo che le piccole imprese rivolgano la loro attenzione alla crescita della propria attività con l’unico obiettivo di essere acquisite in un anno o due e “incassare”?

Le piccole imprese dovrebbero cercare di diventare il venditore di riferimento per una particolare nicchia di prodotti su cui questi più grandi “sportelli unici” non avranno il tempo o il desiderio di lavorare?

Guardando oltre le aziende autonome, che dire della community di WordPress nel suo insieme? Le opinioni e le prospettive rimarranno così diverse come lo sono state in passato o queste acquisizioni creeranno alcune scuole di pensiero che diventeranno le voci più potenti, soffocando il resto?

Oppure… Si dovrebbe cercare del tutto al di fuori di WordPress?

Una nota positiva

Questo potrebbe essere il momento di innovare e investire nel futuro di WordPress. È rischioso, forse più che mai, ma potrebbe valere il tuo tempo (e denaro).

Potresti costruire qualcosa di completamente nuovo o semplicemente adottare un nuovo approccio a un problema esistente. Differenziarsi dalle soluzioni esistenti e più grandi là fuori sarà fondamentale se si sceglie di farlo, ma ancora una volta, può ripagare bene.

Ci sono grandi pro e contro in tutto questo. Tante opinioni, pensieri e opzioni.

Alla fine della giornata, seguire i consigli di Brian Gardner potrebbe essere il modo migliore per fare un passo indietro, riflettere su cosa sta succedendo e capire le cose da soli…

Aggiornare: Ho contattato Brian per questo tweet e da allora ha confermato che non si riferiva a nulla di WordPress, ma è ancora una lezione applicabile a tutti noi.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.