Start Stop and Restart Nginx
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

Come gestire Nginx con Start, Stop e Restart

Tempo di lettura: 5 minuti

Cerchi aiuto per gestire il tuo server Nginx? Se è così, non sei solo. Ma la buona notizia è che è facile gestire Nginx utilizzando tre semplici comandi: Start, Stop e Restart. Ce ne sono altri che possono aiutarti, ma questi saranno i tuoi migliori amici.

E la buona notizia è che il codice dietro di loro non è complicato. In effetti, puoi semplicemente copiarli e incollarli, ma sono sicuro che li impegnerai in memoria dopo alcuni utilizzi.

Esaminiamo come puoi gestire facilmente il tuo server Nginx con i comandi Start, Stop e Restart.

Cos’è Nginx?

Nginx (pronunciato EngineX) è un server HTTP e proxy inverso open source che eccelle nella gestione di siti Web ad alto traffico. Ed è proprio per questo che è ampiamente utilizzato da alcuni dei più grandi siti Web su Internet.

È importante notare che mentre può essere utilizzato come server Web autonomo, è più spesso utilizzato come proxy inverso per Apache e altri server Web.

Questo perché Nginx viene spesso utilizzato come bilanciatore del carico, il che significa semplicemente che è responsabile della distribuzione del carico (traffico) ai server meno gravati. Pertanto, alla fine aiuta ad accelerare i siti Web interessati da un traffico elevato.

Allora, come riesce a fare tutto questo? Bene, utilizza un approccio per eventi Master-Worker. Ciò significa che il master gestisce i processi di lavoro, mentre i lavoratori eseguono l’elaborazione vera e propria.

In altre parole, Nginx non utilizza molte risorse e invece determina cosa dovrebbe usarle.

Perché i comandi di avvio, arresto e riavvio sono così importanti per Nginx?

In poche parole, sono i comandi più comuni che dovrai inserire nel server web. Se Nginx non è attivo, il tuo sito Web apparirà offline ai visitatori, quindi influiranno direttamente sulla visibilità del tuo sito Web.

Allora, cosa fa ciascuno?

Inizio: Il comando Start avvia il servizio Nginx.

Fermare: Il comando Stop termina il servizio Nginx.

Ricomincia: Il comando Restart prima interrompe il servizio Nginx e poi lo riavvia.

Come puoi vedere, i comandi sono molto fedeli ai loro nomi. Il più importante di questi tre comandi è Riavvia. Dovrai riavviare Nginx ogni volta che apporti una modifica alle sue configurazioni.

L’unico problema che potresti riscontrare al riavvio di Nginx è se è stato commesso un errore di sintassi quando hai apportato una modifica altrove. Ciò può comportare il mancato riavvio del servizio.

Pertanto, come tutto nel web design, controlla tre volte qualsiasi codice inserito.

I comandi Start e Stop possono essere utilizzati anche poiché il comando Restart esegue semplicemente entrambe queste funzioni.

Ci sono altri comandi utili?

Assolutamente! Ci sono una varietà di comandi per Nginx che possono aiutarti a gestirlo. Altri tre comandi di cui dovresti essere a conoscenza quando provi a gestire Nginx sono i comandi di stato, registro errori e ricarica.

Stato: Il comando Stato mostra lo stato attuale del server.

Registro errori: Il comando Error Log ti permetterà di vedere il log degli errori. Questo evidenzierà eventuali errori nei file di configurazione. È particolarmente utile quando Nginx non si riavvia poiché identifica le righe con gli errori.

Ricaricare: Il comando Reload riavvia Nginx arrestando i processi figlio, caricando eventuali nuove modifiche alla configurazione e quindi avviando nuovi processi figlio.

Il comando Status è davvero utile per rintracciare gli errori all’interno del tuo server. Più specificamente, ti avviserà se c’è un errore all’interno del file di configurazione. Elencherà inoltre in modo specifico la riga in cui si verifica l’errore, il che è molto vantaggioso per la risoluzione dei problemi.

Il comando Reload è un modo più sicuro per riavviare Nginx perché mantiene in esecuzione il server Nginx durante il ricaricamento del file di configurazione aggiornato. Se rileva un errore di sintassi in qualsiasi file, il ricaricamento viene interrotto, il che mantiene il server in esecuzione sul vecchio file di configurazione.

Pertanto, è più sicuro ricaricare che riavviare Nginx.

In genere vorrai utilizzare il comando Status su base regolare o ogni volta che viene apportata una modifica importante al file di configurazione. Considerando che il registro degli errori dovrebbe essere utilizzato solo come strumento di risoluzione dei problemi quando Nginx non si avvia.

Come avviare, arrestare e riavviare Nginx

Ora tratterò i comandi che dovrai usare per avviare, interrompere e riavviare Nginx. Tuttavia, tieni presente che i comandi cambiano a seconda che utilizzi Systemctl o SysVinit.

Dovrai controllare le impostazioni del tuo server per scoprire quale è corretto.

Condividerò i comandi per entrambi.

Utilizzando Systemctl

Per avviare Nginx, inserisci il seguente comando:

sudo systemctl start nginx

Per interrompere Nginx, inserisci il seguente comando:

sudo systemctl stop nginx

Infine, per riavviare Nginx, inserisci il seguente comando:

sudo systemctl restart nginx

Usando SysVinit

Per avviare Nginx, inserisci il seguente comando:

Per interrompere Nginx, inserisci il seguente comando:

Infine, per riavviare Nginx, inserisci il seguente comando:

sudo service nginx restart

FAQ

Quanto spesso dovrei riavviare Nginx?

Ogni volta che si apporta una modifica ai file di configurazione, è necessario riavviare o ricaricare per applicare tali modifiche.

La frequenza con cui ciò si verifica dipende dagli sviluppatori che gestiscono il server. In alcuni casi, questo potrebbe essere su base mensile, settimanale o anche giornaliera. Tuttavia, poiché il riavvio richiede pochissimo tempo, non avrà alcun impatto sul tuo sito web.

Ricorda solo che l’uso del comando di ricarica è più sicuro del comando di riavvio effettivo perché si interromperà se viene rilevato un errore di sintassi.

Cosa succede se viene rilevato un errore di sintassi al riavvio di Nginx?

Il processo di riavvio fallirà e Nginx rimarrà spento. Nginx non si accenderà finché gli errori di sintassi non saranno risolti.

Ciò significa che il tuo sito Web rimarrà offline fino a quando i problemi non saranno risolti. Sarà necessario accedere al registro per vedere dove si trova l’errore. Questo ti dirà la riga esatta in cui si verifica l’errore in modo da poterlo correggere rapidamente.

Pertanto, è necessario testare a fondo il codice prima di applicarlo a Nginx.

Quando dovrei usare Stop & Start invece di Restart?

Se stai interrompendo il tuo sito Web per la manutenzione pianificata, generalmente vorrai utilizzare il comando Stop per spegnerlo.

Ciò significa anche che dovrai utilizzare il comando Start per ripristinarlo, ma ricorda che non si avvierà se rileva un errore di sintassi. Pertanto, potrebbe essere necessario dedicare più tempo alla correzione del codice in caso di problemi.

Nginx è solo per siti Web ad alto traffico?

No.

Nel 2021, Nginx è diventato il server web più popolare superando Apache. La piattaforma funziona bene sia per i siti Web ad alto che per quelli a basso traffico, motivo per cui la sua popolarità è aumentata costantemente nel corso degli anni.

Detto questo, Nginx è più utile per i siti ad alto traffico, ma funziona comunque meglio anche su scala ridotta rispetto ad Apache.

Posso usare Nginx per il mio sito Web WordPress?

Assolutamente!

WordPress è stato scritto in PHP, quindi può essere eseguito in un’unità Nginx. In termini di prestazioni, Nginx è una scelta eccellente per WordPress e può facilmente scalare man mano che il tuo sito web cresce. Se il tuo sito web riceve molto traffico, può girare intorno ad Apache.

E per finire, in realtà è più facile da configurare.

L’unico problema che incontrerai è che la maggior parte degli host web è predefinita su Apache. Pertanto, dovrai prima assicurarti che il tuo la società di web hosting supporta Nginxquindi contattali per aiutarti nella transizione.

Nota: Questo non sarà possibile per i piani di hosting condiviso. Quindi, avresti bisogno di un server dedicato.

Nginx è più facile da usare di Apache?

In generale, Apache è leggermente più facile da usare quando si guarda a uno scenario per principianti.

Questo è esattamente il motivo per cui le società di web hosting hanno predefinito Apache. Qualsiasi software o funzionalità che desideri utilizzare sul tuo sito Web è stato testato con Apache ed è ancora l’impostazione predefinita per gli ambienti di test.

In che modo questo lo rende più facile?

In genere potrebbe essere necessario fare un passaggio in più o apportare una piccola modifica per far funzionare qualcosa al di fuori di Apache. Anche se non è affatto un grosso problema per gli sviluppatori veterani, può essere un po’ troppo da fare per i principianti.

Detto questo, voglio comunque sottolineare che Nginx è facile da usare, ma c’è una buona ragione per cui Apache è ancora la scelta predefinita.

Riavvierai molto Nginx

Nginx è un eccellente software per server Web utilizzato da molti siti Web. Se prevedi di apportare regolarmente modifiche ai file di configurazione, finirai per riavviare molto Nginx. La buona notizia è che è abbastanza facile da fare.

L’unico problema che potresti incontrare è che Nginx non si riavvia a causa di un errore di sintassi. Anche se questo può essere spaventoso all’inizio, non è inaudito. Mantieni la calma e controlla rapidamente il registro degli errori per identificare il problema.

Finché lo fai, dovresti divertirti a gestire il tuo server Nginx.

Con quale frequenza apporti modifiche ai file di configurazione? Utilizzi il comando Ricarica o Riavvia quando apporti modifiche?

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.

Scroll Giù