WordPress 5.9 verrà lanciato il 25 gennaio e molti utenti avranno una sorpresa. La prossima versione sarà il cambiamento più monumentale nel modo in cui funziona la piattaforma dall’introduzione dell’editor di contenuti basato su blocchi nella 5.0. I temi dei blocchi, gli stili globali e l’editor del sito daranno il via a un nuovo futuro per WordPress.

Per il lettore medio di WP Tavern, questa non è una novità. Abbiamo trattato i temi dei blocchi qui per oltre un anno. Per quelli fuori dal giro, c’è molto da recuperare nelle prossime due settimane.

Una delle lamentele con il lancio dell’editor di blocchi nel 2018 era che gli utenti potevano rinunciare all’utilizzo solo installando l’editor classico o un plug-in correlato. Questo non è il caso per le nuove funzionalità in 5.9. Gli utenti possono continuare a utilizzare la configurazione corrente senza alcuna modifica. L’accesso all’editor del sito e agli stili globali è un processo di attivazione. Richiede l’attivazione di un tema a blocchi.

Le modifiche imminenti interesseranno due gruppi principali di utenti. I primi sono coloro che preferiscono eseguire l’ultimo tema WordPress predefinito. I secondi saranno quelli pronti a provare il nuovo sistema.

Attualmente ci sono 35 temi di blocco nella directory su WordPress.org, con altro nella coda delle revisioni. Ciò limita le opzioni disponibili per ora.

Blocca temi da WordPress.org.

Dopo il lancio di WordPress 5.9 e gli sviluppatori che hanno acquisito maggiore familiarità con la creazione del nuovo sistema, mi aspetto che nei prossimi mesi vedremo un notevole aumento dei temi a blocchi.

Nota: questo post si concentra sui cambiamenti rivolti agli utenti. Se sei uno sviluppatore che vuole iniziare con la progettazione di temi a blocchi, leggi la panoramica di Marcus Kazmierczak di Temi dei blocchi predefiniti per WordPress 5.9.

Ventidue ventidue

Informazioni sul design della pagina con logo, titolo e menu in alto. Segue una grande sezione introduttiva e l'immagine di un uccello.
Twenty Twenty-Two tema sul modello di pagina.

L’ultimo tema WordPress predefinito, Twenty Twenty-Two, verrà lanciato insieme alla versione 5.9. Anche se ho alcune nit-pick al riguardo, potrebbe essere solo il mio tema predefinito preferito di tutti i tempi mai creato.

WordPress 5.9 RC 2 è stato rilasciato oggi. Ora è il momento migliore per provarlo. Twenty Twenty-Two è già in bundle con questa versione.

Come spesso accade con i temi predefiniti, è probabile che diventi il di fatto standard in cui gli sviluppatori creano i propri progetti. Utilizza tutte le ultime funzionalità ed è uno dei temi più aggiornati in circolazione. Questo lo rende il punto di partenza ideale per gli utenti che desiderano testare il nuovo sistema.

Il tema è solo una componente di un sistema più ampio. Per gli utenti, può essere qualcosa che impostano e dimenticano. Oppure, possono portarlo al livello successivo e personalizzare il loro front-end fino a quando il loro cuore non è soddisfatto.

Editor del sito e stili globali

I temi dei blocchi sono diversi da molti temi tradizionali. Nell’era classica, gli utenti attivavano un tema e personalizzavano le opzioni rese disponibili dallo sviluppatore. Era un sistema rigido che spesso non dava agli utenti molta flessibilità a meno che non sapessero come scrivere codice.

Gli utenti possono accedere a un carico di nuove funzionalità dopo aver attivato un tema a blocchi. Questo viene fatto tramite l’editor del sito, che si trova nella schermata Aspetto > Amministrazione dell’editor. Gli utenti possono modificare i loro modelli di temi direttamente sulla tela e personalizzare il loro design attraverso il pannello degli stili globali.

Editor del sito WordPress aperto al modello home. Il pannello degli stili globali è aperto sulla destra con opzioni per tipografia, colori e layout.
Editor del sito con il pannello degli stili globali aperto (a destra).

La prima esperienza con l’editor del sito può essere travolgente. Alcuni potrebbero preferire immergersi direttamente, mentre altri adottano un approccio diverso. Indipendentemente da come impari, ti consiglio di passare attraverso il Design semplice del sito con modifica completa del sito corso di Impara WordPress. Il team di formazione ha creato un piano di 15 lezioni che ti guida attraverso tutto ciò che devi sapere. Hanno anche sei minuti seminario sull’uso degli stili globali.

Usare l’editor del sito può essere divertente, ma può anche essere frustrante. Questa è essenzialmente una “versione 1.0” della funzionalità. Non soddisferà le esigenze di tutti con il suo lancio tra due settimane. Ci vorrà del tempo per maturare e per gli autori di temi per costruirci sopra.

Ho passato più di un decennio a creare temi in modo professionale. Una delle domande più comuni che ho ricevuto è stata: “Come faccio a cambiare la meta area del post?” Gli utenti vorrebbero rimuovere l’autore, spostare l’elenco delle categorie e fare numerose altre cose. Nessuna quantità di opzioni del tema copriva ogni scenario. Ho spesso fatto ricorso ai non programmatori ambulanti apportando modifiche ai loro modelli di temi.

Salvo nei casi più complessi, questo problema non esiste più. Attraverso l’editor del sito, gli utenti possono scegliere ciò che appare.

Inserimento di un'area di byline personalizzata nel blocco Query Loop nell'editor del sito di WordPress. Sotto il titolo del post, compare il nome dell'autore, la data e il link ai commenti.
Byline/meta post personalizzato.

Vorrei che avessimo un sistema del genere dieci anni fa. Mi avrebbe risparmiato ore di lavoro di supporto.

Naturalmente, questo è un semplice esempio di ciò che è possibile fare con l’editor del sito. Tutto, dalla modifica di frammenti di un modello alla creazione di un’intera tavolozza di colori personalizzata, è un semplice clic del mouse lontano dalla realtà.

Tuttavia, le possibilità non sono illimitate. Ci sono limitazioni che gli utenti incontreranno senza dubbio man mano che diventano sempre più avanzati con le idee di progettazione. I collaboratori hanno fatto passi da gigante per preparare questa prima versione per WordPress 5.9. E, ci sarà altro a venire.

La cosa più scioccante per coloro che sono stati fuori dal giro sarà probabilmente la scomparsa delle schermate di amministrazione del personalizzatore, dei widget e dei menu di navigazione. Questi componenti vengono sostituiti dall’editor del sito quando si utilizza un tema a blocchi.

Esistono alcuni problemi noti relativi alla personalizzazione, ad esempio nessuna opzione CSS personalizzata, anteprime live o impostazione dell’icona del sito. L’ho coperto maggiori dettagli in un post precedente.

I menu di navigazione ora sono gestiti tramite il blocco Navigazione:

Blocco di navigazione selezionato e aperto nell'editor del sito di WordPress.
Selezione di un menu di navigazione.

Potrebbe volerci un po’ per abituarsi. Pur essendo un fan del sistema a blocchi, devo ammettere che preferisco ancora gestire i menu tramite lo schermo classico. Tuttavia, sto iniziando a venire in giro. I contributori che hanno lavorato al blocco hanno reso l’esperienza molto migliore rispetto a pochi mesi fa.

Per quanto riguarda le barre laterali dinamiche e i widget, sono spariti, almeno nel senso tradizionale. Adesso è tutto un blocco. Gli autori dei temi possono creare colonne o contenitori che sembrano barre laterali del passato, ma sono tutti gestiti tramite l’editor del sito. E gli utenti possono attaccare qualsiasi blocco vogliono ovunque.


Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.