Dopo Elastic, creatori del motore di ricerca e analisi Ricerca elastica, ha ri-autorizzato il suo prodotto principale in modo che fosse non più open source, Amazon ha guidato uno sforzo della comunità per biforcarlo. A luglio 2021, contributori al progettoha annunciato la prima versione di disponibilità generale (GA) di OpenSearch 1.0, un fork con licenza Apache 2.0 di Elasticsearch 7.10.2 e Kibana 7.10.2.

In quello che sembra essere uno schiaffo al fork open source, Elastic ha iniziato a rendere le sue librerie client incompatibili con OpenSearch. Il client Python è stato aggiornato per eseguire una richiesta API che lo farà verifica la connessione a Elasticsearch e genera un errore se non riceve la risposta corretta. Il PR ha ricevuto 40 reazioni di “pollice verso” dalla comunità e un breve giro di critiche prima che la discussione fosse chiusa.

“È deludente vedere questo”,Lars Holm Nielsen, product manager di Invenio, ha affermato. “Ci stai costringendo come spettatori in una battaglia a scegliere le parti. Sviluppiamo un prodotto Open Source che probabilmente potrebbe funzionare facilmente con Elasticsearch o OpenSearch e quindi gli utenti possono scegliere da soli se desiderano Elasticsearch o OpenSearch.

“Ora, invece, probabilmente dovremo fare una scelta per tutti i nostri utenti se vogliamo OpenSearch o Elasticsearch. Questo e altri comportamenti di Elastic non mi danno davvero alcuna fiducia in Elastic e su cosa potresti fare in futuro. E non dare la colpa ad Amazon: hai già cambiato la licenza del server, non dovevi fare questa mossa.”

Philip Krauss, Senior Engineering Manager di Elastic, ha risposto prima di disattivare i commenti sulla discussione.

“Amazon OpenSearch è un prodotto diverso”, ha affermato Krauss. “E mentre c’è una storia condivisa, ci sono già molte differenze che causano vera confusione e problemi”.

Elastic ha anche modificato il suo Connettore .NET affinché Elasticsearch includa “un controllo pre-volo al primo utilizzo“, che gli utenti non considerano un miglioramento.

L’ingegnere senior di Elastic Steve Gordon ha affermato che la modifica non si interrompe nelle configurazioni supportate e che l’intento era “rendere esplicita questa incompatibilità fallendo rapidamente per evitare che i consumatori presuppongano erroneamente di essere in esecuzione in una configurazione supportata che non è testata e potrebbe non funzionare come previsto .”

La scorsa settimana, OpenSearch ha risposto alle recenti modifiche di Elastic che rendono incompatibili molti client, impegnandosi a creare un set di nuove librerie client che semplifichino la connessione delle applicazioni a qualsiasi cluster OpenSearch o Elasticsearch:

Molti sviluppatori che utilizzano Elasticsearch e OpenSearch nelle loro applicazioni utilizzano anche il librerie client open source gestite da Elastic, che forniscono comode interfacce di alto livello per diversi linguaggi di programmazione popolari. Nelle ultime settimane, Elastic ha aggiunto nuova logica a molti di questi client che rifiutano le connessioni ai cluster OpenSearch o ai cluster che eseguono distribuzioni open source di Elasticsearch 7, anche quelle fornite dagli stessi Elastic. Sebbene le librerie client rimangano open source, ora consentono solo alle applicazioni di connettersi alle offerte commerciali di Elastic.

OpenSearch ha pubblicato un elenco di una dozzina di clienti per i quali i contributori prevedono di creare fork che lo farannomantenere la compatibilità con tutte le distribuzioni Elasticsearch, anche quelle prodotte da Elastic.

“Non consigliamo l’aggiornamento all’ultima versione di alcun client gestito da Elastic, poiché ciò potrebbe causare l’interruzione delle applicazioni”, hanno esortato i manutentori di OpenSearch agli utenti nell’ultimo aggiornamento del progetto.

La decisione di Elastic di impedire ai clienti ufficiali di lavorare con fork open source ha ulteriormente minato la buona volontà residua dell’azienda dopo la ri-licenza di Elasticsearch.

“Sembra che Elastic abbia risucchiato tutti i vantaggi che poteva dall’open source e ora sta sputando fuori le ossa”, il direttore degli standard e delle politiche dell’OSI Simon Phipps disse.

10up, creatori del servizio ElasticPress.io,uno dei più importanti prodotti basati su Elasticsearch nell’ecosistema WordPress, sta ancora considerando la sua prossima mossa dopo che Elasticsearch ha abbandonato le sue licenze open source. La società non ha fretta di scegliere le parti. Vasken Hauri, VP of Platforms and Systems di 10up, ha dichiarato che la controversia “non è qualcosa di cui siamo preoccupati nel breve termine (i prossimi 2-3 anni).”

L’aggiornamento oltre Elasticsearch 7.11+ richiederebbe la scelta tra continuare con l’offerta proprietaria di Elastic o passare al fork open source. Hauri ha detto che la società è “sfruttando a malapena la maggior parte delle funzionalità offerte da Elasticsearch ora” e prevede che l’attuale roadmap “potrebbe probabilmente durare un altro paio di anni senza la necessità di ottenere nuove funzionalità da Elasticsearch”. Per il momento, gli oltre 6.000 utenti del Plugin ElasticPress WordPress e clienti del ElasticPress.io servizio non hanno nulla di cui preoccuparsi a causa della rinnovata guerra di Elastic con Amazon.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.