Molti nella comunità degli sviluppatori di WordPress sono rimasti sorpresi nell’apprendere che WordPress.org sta rifiutando i plugin con il prefisso “WP” nel nome dopo che Joe Youngblood ha twittato la nota di rifiuto che ha ricevuto. Sebbene tale restrizione sia stata applicata approssimativamente sette mesi fa, non vi è stata alcuna comunicazione ufficiale sulla modifica.

A seguito della controversia che ha attirato l’attenzione sui social media e su altri canali, il membro del WordPress Plugin Team Mika Epstein postato una spiegazione sul biglietto meta trac originale, il ragionamento su come e perché “wp” viene bloccato:

Usando wp- all’inizio dei permalink del plugin, sì. A causa di come l’abbiamo costruito, il nome visualizzato è ciò che viene controllato e contrassegnato. Puoi usare WPPluginName (senza spazio) e Plugin Name per WP.

Ciò deriva da una parte di una conversazione più lunga in corso con la Fondazione, riguardante la gestione dell’effettivo uso improprio di “WordPress” nei nomi dei plug-in (che, come tutti sappiamo, è in realtà un marchio registrato e come tale non dovrebbe essere utilizzato affatto nel nome del plug-in ).

Poiché l’uso di WP Blah Blah come nome tende a portare le persone a cambiarlo dopo l’approvazione in “WordPress Blah Blah”, abbiamo messo una pausa su di esso per cercare di capire quanto sia grave, qual è la profondità del problema (rispetto al vero mal di testa di WC -> WooCommerce nei nomi) e così via.

C’è anche la realtà che l’utilizzo di “WP” o “Plugin” in un permalink plugin non è necessario e può essere dannoso per la SEO a causa di parole ripetitive.

Nessuno sta sostenendo che WP sia un marchio, stiamo solo cercando di ridurre al minimo la confusione e impedire alle persone di violare accidentalmente i marchi in futuro perché in seguito cambieranno WP in WordPress.

Il fatto che “wp” fosse registrato o meno è diventato un particolare punto di confusione perché il messaggio di commit sulla modifica ha dichiarato: “Aggiungere alcune altre cose da bloccare in base all’uso e ai marchi”.

La conversazione con il Fondazione WordPress a cui Epstein faceva riferimento era una discussione privata su come il team può mitigare l’abuso del marchio.

“Questo è emerso nel bel mezzo di un brainstorming ad hoc sui modi in cui la scappatoia potrebbe essere gestita in modo più efficace, e quindi non c’è stata una lunga discussione pubblica su di esso”, ha affermato il direttore esecutivo di WordPress Josepha Haden Chomphosy.

“Era parte di un esperimento per gestire quella scappatoia in modo più efficace e non doveva essere permanente. La cosa grandiosa degli esperimenti in WordPress è che quando vediamo che stiamo buttando via il buono insieme al cattivo, possiamo apportare le modifiche necessarie per farlo meglio.

Haden Chomphosy ha affermato che sebbene la discussione originale fosse privata, il team prevede di renderla pubblica tramite il nuovo meta biglietto che è stato aperto ieri per migliorare i controlli sugli invii dei plugin.

“Tutte le discussioni future saranno sul biglietto, quindi mentre le persone ci lavorano, le conversazioni saranno disponibili lì”, ha dettoalla domanda su come verrà valutato l’esperimento di mitigazione dell’abuso del marchio.

La WordPress Foundation non ha dipendenti, ma Haden Chomphosy ha affermato che i rappresentanti che possono aiutare con le aree grigie delle linee guida sui marchi includono se stessa, Andrea Middleton e Cami Kaos. Ha anche confermato che “WP” non è un marchio WordPress e che la Fondazione non sta perseguendo il marchio di fabbrica del termine.

Sebbene ciascuno di questi individui a cui si fa riferimento abbia una lunga esperienza di assistenza protettiva per la comunità di WordPress e abbia dimostrato un sincero desiderio di vedere crescere il progetto, sono tutti dipendenti di Automattic. La Fondazione potrebbe utilizzare una rappresentanza esterna se coloro che la gestiscono si impegnano in un processo decisionale privato e danno direttive al team dei plugin di WordPress.org che hanno ramificazioni significative per l’ecosistema nel suo insieme.

Per anni, la comunità di WordPress è stata incoraggiata a utilizzare WP invece di WordPress nei nomi dei plug-in, quindi la decisione di rifiutare i plug-in con WP nel nome è un cambiamento importante e controverso.

Coloro che si oppongono all’attuale esperimento hanno sottolineato che penalizza ingiustamente tutti per i pochi che cambiano i nomi dei plug-in dopo l’approvazione. Controlla il potenziale uso improprio invece di fornire una soluzione che può segnalare un effettivo abuso del marchio.

Alcuni sviluppatori di plugin hanno notato che avere WP nel nome del plugin è necessario per differenziarlo dalle estensioni per altre piattaforme, poiché WordPress.org non è l’unico luogo in cui vengono distribuiti i loro prodotti. Molte aziende di successo sono state create su plugin con WP come prefisso nel nome, come WP Mail SMTP, WP Fastest Cache, WP Migrate DB, solo per citarne alcuni.

Se sia vantaggioso o dannoso utilizzare WP nel nome di un marchio è irrilevante per la discussione in corso. Con l’attuale esperimento di mitigazione dell’abuso del marchio in atto, tutti i nuovi sviluppatori di plug-in che sperano di utilizzare il prefisso WP avranno i loro plug-in rifiutati. Fortunatamente non è retroattivo, ma se il team decide che l’esperimento di vietare WP nei nomi dei plugin è un successo, potrebbe essere oggetto di discussione.

Lanciare esperimenti sulla comunità senza comunicarne pubblicamente l’intento è un passo falso per la Fondazione. Se consentire WP nel nome crea aspettative errate per gli sviluppatori di plug-in riguardo alla loro capacità di cambiare il nome per utilizzare WordPress, il problema deve essere risolto alla radice. WordPress.org deve trovare un modo migliore per informare gli sviluppatori su quali termini sono effettivamente registrati come marchio e sviluppare una soluzione tecnica per segnalare le modifiche ai nomi non conformi. Questo può essere un problema tecnico difficile da risolvere per quanto riguarda l’invio e gli aggiornamenti dei plugin, ma vale la pena investire su di esso per rispettare le libertà degli autori dei plugin.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.