Quando ho riferito sul Rebranding e riproposizione del plugin WP User Avatar la scorsa settimana non è stata una sorpresa che gli utenti fossero arrabbiati. Tuttavia, non mi aspettavo respingimenti contro i reclami degli utenti da un sottoinsieme di commentatori e altri nella comunità.

C’erano alcuni punti, ognuno ridotto all’argomento secondo cui gli utenti di plugin gratuiti hanno un senso di diritto.

Questi punti si sono concentrati sul concetto di autori di plugin che hanno bisogno di guadagnarsi da vivere o la GPL, una licenza che non offre alcuna garanzia sul codice ricevuto dall’utente. Entrambi questi argomenti a volte hanno portato la conversazione fuori strada. Il focus dei reclami degli utenti non era sugli upsell o sul codice che hanno afferrato in natura. No, il contraccolpo riguardava l’accesso ai loro siti web e la scoperta che le cose erano cambiate senza preavviso. Si trattava di un plug-in installato da una fonte ufficiale, presumibilmente affidabile, che veniva sostituito con un plug-in diverso.

Quello che vedo non è un gruppo di persone che si lamentano di una pubblicità. Quello che vedo non è un lungo elenco di utenti che non amano le modifiche alle funzionalità.

Il punto non è mai stato il problema di mantenere plug-in gratuiti e diritti degli utenti.

Anche David Bisset di Post Status seguito quel coniglio giù per il buco. Ci sono buoni punti da sottolineare sul fatto che lo sviluppo di plugin gratuiti è un lavoro d’amore – e talvolta solo un mal di testa dal punto di vista del supporto -, ma questa conversazione non ha mai riguardato un upsell commerciale. Riguardava l’etica dello scambio all’ingrosso della base di codice di un plug-in con uno diverso.

Alcuni utenti si lamenteranno di un nuovo annuncio in un plugin? Senza dubbio.

Quasi 200 utenti lasceranno recensioni con una stella in questo caso? Improbabile.

Molti utenti hanno un senso di diritto. Afferrano un tema o un plugin gratuito e si aspettano che gli sviluppatori rispondano a ogni loro capriccio. Direi che si tratta di una piccola percentuale degli utenti totali in base all’esperienza personale, ma quella minoranza vocale può dare a tutto il gruppo una cattiva reputazione. Possono ostacolare la motivazione di uno sviluppatore a continuare con un progetto.

Ho capito. Ho fatto tutta questa cosa del software gratuito da quasi tutto il tempo che WordPress è stato in giro. È facile sentirsi sottovalutato per il lavoro che si trasmette alla comunità. E, se non hai alcun benefattore che finanzia tutto questo lavoro gratuito, devi trovare dei mezzi per mettere il cibo in tavola.

Agli utenti di software gratuito non sono dovute personalizzazioni gratuite. Non sono dovuti supporto tecnico gratuito. A loro non è nemmeno dovuta la promessa che uno sviluppatore non cambierà in una nuova base di codice che fa qualcosa di diverso. Non è dovuto nulla.

Tuttavia, il prezzo di ammissione per giocare in questo mercato, indipendentemente dal fatto che si tratti di software gratuito o commerciale, è che il successo o il fallimento di ogni plugin è nelle mani di chi lo utilizza.

Forse noi, quelli di noi che costruiscono plugin gratuiti, non dobbiamo nulla agli utenti. Tuttavia, abbiamo la responsabilità di essere amministratori affidabili delle nostre sotto-comunità nell’ecosistema di WordPress. Abbiamo la responsabilità di comportarci in modo etico, corretto e sbagliato come definito dai nostri utenti.

Che si tratti di software commerciale o gratuito, l’obiettivo è avere utenti: è davvero un software se nessuno lo usa? Sono la linfa vitale di ogni progetto. In definitiva, gli sviluppatori che desiderano che le persone utilizzino il loro codice devono rispondere a coloro che lo desiderano.

D’altro canto, agli sviluppatori non sono dovute recensioni entusiastiche sui loro progetti. Gli utenti hanno il diritto di lamentarsi, anche su un plug-in che hanno acquisito gratuitamente. Non si tratta di loro che vogliono privilegi o trattamenti speciali. Non lo è mai stato. Se li tratti in modo equo, agisci nel modo giusto e comunichi, puoi costruire una comunità viva e vitale attorno al tuo software.


Si prega di inviare abbracci virtuali agli sviluppatori che stanno creando i plugin e i temi che utilizzi. Sono una parte vitale del successo di WordPress. Anche le valutazioni a cinque stelle e le donazioni non fanno mai male.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.