Google ha concluso tranquillamente la sua FLoC (Federated Learning of Cohorts) prova sull’origine questa settimana. Il processo faceva parte di Google Sandbox sulla privacy iniziativa, una suite di nuove tecnologie progettate per sostituire cookie di terze parti, fingerprinting e altri meccanismi di tracciamento comunemente usati. Questo particolare esperimento raggruppa le persone in base alle abitudini di navigazione e le etichetta utilizzando l’apprendimento automatico.

Il processo di FLoC doveva terminare il 13 luglio 2021 e Google ha deciso di rimuovere il progetto dalla fase di test durante l’analisi del feedback.

“Abbiamo deciso di non estendere questa prova iniziale di Origin”, ha dichiarato l’ingegnere software senior di Google Josh Karlin in filo sul forum del gruppo Blink Developers di Chromium. “Invece, stiamo lavorando duramente per migliorare FLoC per incorporare il feedback che abbiamo sentito dalla comunità prima di passare a ulteriori test sull’ecosistema”.

Il controverso esperimento ha incontrato l’opposizione dei sostenitori della privacy come i creatori del Coraggioso browser e EFF che non percepiscono FLoC come un’alternativa convincente al modello di business della sorveglianza attualmente utilizzato dall’industria pubblicitaria. Amazon, GitHub, Firefox, Vivaldi, Drupal, Joomla, DuckDuckGo e altre importanti aziende tecnologiche e progetti open source hanno già scelto di bloccare FLoC per impostazione predefinita.

Finora, Twitter è stata la prima grande piattaforma online che sembra essere d’accordo con FLoC dopo che i riferimenti ad esso sono stati scoperti di recente nel codice sorgente dell’app.

Gli sforzi iniziali di Google nel presentare FLoC non sono riusciti a ottenere un ampio sostegno, il che potrebbe aver contribuito all’aziendamettendo un freno al suo piano per eliminare gradualmente i cookie di terze parti in Chrome entro il 2022. Poiché l’industria pubblicitaria cede alle pressioni degli ultimi anni della legislazione sulla privacy, i cookie di terze parti stanno per uscire in quello che è colloquialmente noto come l'”Apocalisse dei biscotti”. Google ha rinviato questo traguardo per Chrome inizierà a metà del 2023 e terminerà alla fine del 2023.

“Dobbiamo muoverci a un ritmo responsabile”, ha affermato Vinay Goel, direttore di Chrome Privacy Engineering. “Ciò consentirà tempo sufficiente per la discussione pubblica sulle giuste soluzioni, il continuo impegno con le autorità di regolamentazione e gli editori e l’industria pubblicitaria per migrare i loro servizi. Questo è importante per evitare di mettere a repentaglio i modelli di business di molti editori web che supportano contenuti liberamente disponibili”.

Discussione su a proposta per WordPress di bloccare FLoC è in stallo in Trac, ma potrebbe essere stato prematuro in primo luogo se FLoC non finisce per essere sottoposto a ulteriori test. I sostenitori del blocco di FLoC hanno visto il supporto o l’opposizione di WordPress come fondamentale per il successo o il fallimento dell’adozione di FLoC sul web.

Un recente articolo sul blog VIP di WordPress.com intitolato “Arrivederci, cookie di terze parti, ciao FloC di Google,” indica che Automattic potrebbe essere a cavallo del recinto sulla controversa nuova tecnologia:

FLoC ha i suoi punti a favore. Ma non è così incentrato sulla privacy come vorremmo e può portare a pratiche discriminatorie, come descritto sopra. Poi c’è la preoccupazione di lasciare che Google domini un altro aspetto della tecnologia. Google prevede inoltre di addebitare a qualsiasi società di monitoraggio di terze parti l’utilizzo dei dati raccolti.

Per il momento, sembra che le principali piattaforme tecnologiche siano fuori dai guai per aver preso una posizione attiva su FLoC poiché è stato rimandato indietro per importanti modifiche. Nell’ultimo cronologia aggiornata per le pietre miliari di Privacy Sandbox, Vinay Goel ha affermato che Google ha ricevuto “feedback sostanziale dalla comunità web durante la prova di origine per il prima versione di FLoC.”

Al termine del suo processo di origine, FLoC sembra tutt’altro che pronto per l’adozione, non essendo riuscito a prendere piede nel settore.La preoccupazione è che Google possa comunque far passare FLoC utilizzando il peso della quota di mercato di Chrome, nonostante la fredda accoglienza della comunità web. Sebbene queste modifiche proposte alla tecnologia pubblicitaria avranno un impatto sull’intero settore, così come sui normali utenti di Internet, Google non intende divulgare alcun feedback privato l’azienda ha ricevuto durante il processo di origine di FLoC.

“Il riassunto principale di quel feedback sarà la prossima versione e puoi supporre in base a quali funzionalità (e il ragionamento per questi cambiamenti) saranno disponibili nella prossima versione”, ha detto il matematico di Google Michael Kleber durante un recente Riunione del gruppo di interesse sul commercio web (WCIG).

I sostenitori della privacy vogliono vedere una maggiore trasparenza incorporata in questo processo in modo che le principali preoccupazioni non vengano lasciate irrisolte, invece di lasciare alle parti interessate sul Web il compito di provare a dedurre ciò che Google ha risolto nella prossima versione di FLoC. La revisione dell’industria pubblicitaria con le nuove tecnologie dovrebbe essere fatta allo scoperto se questi cambiamenti sono veramente destinati a proteggere la privacy delle persone.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.