credito immagine: Sebastian Voortman

Una resa dei conti legale si sta preparando nel mondo dimotori di scacchi open source. Stockfish, un motore di scacchi con licenza GPL ampiamente riconosciuto come uno dei più forti nel mondo, ha ha intentato una causa contro ChessBase. L’azienda con sede in Germania produce e vende software di scacchi che si basa molto sul motore Stockfish, mantiene un importante sito di notizie sugli scacchi e gestisce un server di scacchi per i giochi online.

L’annuncio di Stockfish, pubblicato questa settimana in occasione della Giornata internazionale degli scacchi, afferma che ChessBase ha violato la GPL non rilasciando le corrispondenti modifiche dei suoi prodotti che sono opere derivate:

Ci siamo resi conto che ChessBase nascondeva ai propri clienti lo stoccafisso come la vera origine delle parti chiave dei loro prodotti. In effetti, pochi clienti sanno di aver ottenuto una versione modificata di Stoccafisso quando hanno pagato Fat Fritz 2 o Houdini 6 – entrambi derivati ​​dello Stoccafisso – e quindi hanno buone ragioni per essere arrabbiati. ChessBase ha ripetutamente violato gli obblighi centrali della GPL, che garantisce che l’utente del software sia informato dei propri diritti. Questi diritti sono espliciti nella licenza e includono l’accesso alle fonti corrispondenti e il diritto di riprodurre, modificare e distribuire programmi coperti da GPL senza royalty.

Nel 2020, Stockfish ha aggiunto il supporto per NNUE (Efficiently Updatable Neural Networks). Il prodotto Fat Fritz 2 di ChessBase include una rete neurale che l’azienda non ha rilasciato. Il precedente di Stoccafisso dichiarazione su Fat Fritz 2 identifica questi pesi netti come un derivato:

“Questo motore di scacchi è un derivato di Stockfish, con poche righe di modifica del codice (nome del motore, elenco degli autori e alcuni parametri) e un nuovo set di pesi netti NNUE considerati proprietari”, ha affermato l’attuale manutentore di Stockfish Joost VandeVondele. “La comunicazione di ChessBase su Fat Fritz 2, che rivendica l’originalità dove non ce n’è, ha ha scioccato la nostra comunità. Inoltre, il motore Fat Fritz 2 non convince su convince liste di valutazione indipendenti, mettendo in dubbio l’utilità di tali modifiche. In effetti, riteniamo che i clienti che acquistano Fat Fritz 2 ottengano molto poco valore aggiunto per i soldi. Le affermazioni contrarie sembrano fuorvianti”.

La GPLv3 consente a ChessBase di vendere il suo motore scacchistico, ma richiede all’azienda di rendere disponibili le sue modifiche, insieme a tutte le informazioni necessarie per creare il programma. Stockfish ha informato Albert Silver, autore della rete neurale in Fat Fritz 2, della violazione della licenza, che ha portato ChessBase a rilasciare i suoi sorgenti C++ ma non i pesi netti. “Ovviamente condanniamo l’approccio adottato”VandeVondele ha detto.

I contributori di Stockfish hanno lavorato con un certificato avvocato in diritto d’autore e diritto dei media in Germania per far rispettare la loro licenza e sono stati in grado di forzareun richiamo del DVD di Fat Fritz 2 e la cessazione delle vendite di Houdini 6. Stanno ora perseguendo la clausola di risoluzione della GPL che interromperebbe la capacità di ChessBase di distribuire lo stoccafisso nei suoi prodotti.

A causa delle ripetute violazioni della licenza di Chessbase, i principali sviluppatori di Stockfish hanno interrotto definitivamente la licenza GPL con ChessBase”, ha affermato il team di Stockfish nella dichiarazione più recente. “Tuttavia, ChessBase sta ignorando il fatto che non ha più il diritto di distribuire lo stoccafisso, modificato o non modificato, come parte dei suoi prodotti”.

In un post intitolato “Fat Fritz 2 è una fregatura,” pubblicato all’inizio di quest’anno, i team di Stockfish, Leela Chess Zero e Lichess hanno definito il prodotto un clone di Stockfish, riconfezionato con una rete neurale diversa e “cambiamenti minimi che non sono né innovativi né apparire per rendere il motore più forte.”

“È triste vedere affermazioni di innovazione dove non ce n’è stata nessuna e affermazioni di miglioramento in un motore che è più debole delle sue origini open source”, hanno scritto i team. “È anche triste vedere persone che si appropriano del lavoro e degli sforzi open source degli altri e lo rivendicano come proprio”.

Lichess, un server di scacchi Internet gratuito e open source gestito da un’organizzazione senza scopo di lucro che anche utilizza Stockfish come parte fondamentale della sua infrastruttura, ha pubblicato diversi post a sostegno della revoca della licenza di Stockfish a ChessBase per la vendita di derivati ​​del popolare motore. Lichess anche pubblica il codice sorgente di tutto ciò che creano utilizzando Stockfish in modo che i suoi utenti possano vederlo, modificarlo e ridistribuirlo.

Anche se non sei un intenditore di drammi scacchistici, l’ultimo di Lichess dichiarazione del supporto per Stockfish identifica il motivo per cui questo caso è importante per la più ampia comunità open source:

Offerte di software open source gratuito libertà essenziali che avvantaggiano sia gli sviluppatori che gli utenti, e tali libertà avrebbero dovuto essere estese agli utenti di Fat Fritz 1, 2 e Houdini. In caso contrario, le licenze del software libero sono significative solo se applicate, il che rende questo caso importante non solo per Stockfish, ma anche per l’intera comunità open source. Siamo felici che gli sviluppatori di Stockfish abbiano la volontà ei mezzi per agire.

La causa di Stockfish potrebbe diventare un importante caso di riferimento per dimostrare che la GPL può essere applicata. Sarà anche interessante vedere se i tribunali considerano i pesi della rete neurale che ChessBase ha addestrato come un lavoro derivato che deve essere rilasciato come codice sorgente per essere conforme alla GPL.

Stockfish ha ottenuto un ampio sostegno dai manutentori e dagli sviluppatori del progetto che hanno dichiarato di “avere le prove, i mezzi finanziari e la determinazione per portare a termine con successo questa causa”. Il team ha promesso di aggiornare la propria dichiarazione una volta che il caso avrà fatto progressi.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.