WordPress 5.8 è disponibile per il 20 luglio, a soli 10 giorni da oggi. La versione è pensata per essere l’aggiornamento più ricco di funzionalità che la community abbia visto da un po’ di tempo. Widget basati su blocchi, la directory dei modelli, Supporto per immagini WebP, modalità di modifica del modello, e molti altri strumenti sono quasi pronti per essere spediti alle masse.

Tuttavia, una delle funzionalità più potenti è il blocco Query Loop.

Se non hai familiarità con i termini “Query” e “Loop”, sono concetti vitali all’interno di WordPress. Tradizionalmente, erano necessari solo per lo sviluppo di temi e plugin. Tuttavia, attraverso il blocco Query Loop, gli utenti acquisiranno visibilità su quella che è, a tutti gli effetti, la spina dorsale di come WordPress visualizza i post sul front-end di un sito.

Interrogazioni? Cicli?

Non tutti avranno immediatamente familiarità con questi termini per sviluppatori che WordPress sta inserendo nell’interfaccia utente. Per gli autori di temi e plugin, questi sono concetti quotidiani. Tuttavia, anche alcuni utenti che utilizzano la piattaforma da un decennio non sono mai stati esposti a loro. Quindi, dovremmo mettere in atto alcune definizioni di base.

Il termine “Query” è più semplice di quanto si possa pensare. Significa semplicemente “interrogare” o “chiedere” i post dal database in base a un insieme definito di opzioni. Ad esempio, si potrebbe tentare di ottenere gli ultimi 10 post del blog.

“Loop” è un concetto ancora più facile da comprendere. Significa “ciclo” o “ciclo” attraverso ogni post interrogato e l’output. Tecnicamente, uno sviluppatore potrebbe fare cose diverse dalla visualizzazione dei post durante questo processo, ma a noi interessa solo ciò che viene stampato sullo schermo.

Le due cose combinate diventano il blocco Query Loop. Consente agli utenti di richiedere una serie di post e di visualizzarli ciascuno.

C’è anche un blocco Post Template, che crea una ruga in tutto questo. A parte la parola “modello” abusata in WordPress per varie funzionalità, questo è un nuovo metodo per un vecchio concetto. Tradizionalmente, gli autori di temi WordPress scrivevano tutto il codice HTML e chiamavano tag modello specifici all’interno del ciclo dei post interrogati per mostrare cose come il titolo del post, l’autore, il contenuto e altro. Questo è facile da fare all’interno di un file PHP. Tuttavia, nell’editor dei blocchi, doveva esserci un nuovo modo per raggruppare queste cose. Il blocco Post Template agisce come questo gruppo, ospitando le cose che gli utenti vogliono visualizzare nel Query Loop.

WordPress ha anche una variazione sul blocco Query Loop chiamato Posts List. Fanno la stessa cosa, ma il secondo ha un titolo più user-friendly del primo. L’unico problema con questa variazione è che, quando viene inserita, l’utente vede ancora lo stesso titolo del blocco “Query Loop”. C’è un biglietto per risolvere questo problema, ma è improbabile che venga inserito in WordPress 5.8.

Inserimento pattern loop query Loop

Quando si inserisce per la prima volta un ciclo di query nell’editor, WordPress introdurrà gli utenti a un’altra funzionalità della versione 5.8: l’inseritore di pattern. Invece di avere accesso immediato per interagire con il blocco, gli utenti possono selezionare da un elenco di modelli predefiniti.

Per impostazione predefinita, l’inseritore è un carosello che consente agli utenti di scorrere i modelli individualmente:

Inseritore di pattern Query Loop: vista a carosello.

Tuttavia, possono passare a un layout basato su griglia e visualizzare tutti i modelli contemporaneamente:

Una vista a due colonne, basata su griglia, dei modelli disponibili per l'inserimento nell'editor di WordPress.
Inserimento pattern Query Loop: visualizzazione griglia.

WordPress 5.8 è impostato per essere spedito con sei modelli Query Loop per impostazione predefinita, a meno che non ne vengano aggiunti altri nei prossimi giorni:

  • Standard
  • Immagine a sinistra
  • Piccola immagine e titolo
  • Griglia
  • Titolo grande
  • Compensare

Non sono particolarmente affezionato a nessuno dei modelli predefiniti oltre a quello “Titolo grande” (mostrato negli screenshot sopra con lo sfondo nero e il testo bianco). Affinché questo blocco risplenda, gli utenti dovranno creare i propri progetti o attendere che gli autori del tema inizino a raggruppare modelli di Query Loop personalizzati.

Ed è così che dovrebbe essere. Core WordPress dovrebbe fornire alcune nozioni di base lasciando che la nostra comunità di designer di temi mostri il loro mestiere.

Un pattern Query Loop nell'editor di WordPress che mostra la data del post, il titolo e l'estratto.
Un semplice elenco di post di blog personalizzato.

Questa è anche un’opportunità per gli autori di temi di offrire alternative ai loro modelli di modelli di pagina personalizzati. Non è il momento di buttarli via del tutto. Tuttavia, è un modo per iniziare a ricreare vecchie idee nell’era dei blocchi, come la creazione di integrazioni di plug-in di e-commerce, griglie di portfolio e molto altro. Alcuni degli strumenti sono ancora limitati (stiamo arrivando a quelli successivi), ma ci sono abbastanza basi iniziali per l’esplorazione, che aiutano gli utenti a sperimentare WordPress in modi nuovi.

Opzioni di blocco

Il blocco Query Loop ha diverse opzioni per consentire agli utenti di personalizzare i post su cui domanda la banca dati per:

Un blocco Query Loop inserito nell'editor di WordPress. La barra laterale delle opzioni di blocco e il popover delle impostazioni di visualizzazione sono entrambi aperti.
Blocco Query Loop e le sue opzioni.

Nella barra degli strumenti del blocco, c’è un pulsante “Impostazioni schermo”. Quando viene cliccato, crea un popover con le opzioni per quanti post mostrare:

  • Oggetti per pagina: Numero di post da visualizzare per pagina
  • Compensare: Numero di post da saltare
  • Pagina massima da mostrare: Limita le pagine (questo richiede l’utilizzo di uno dei blocchi Query Impaginazione)

Il pannello “Impostazioni” nella barra laterale dei blocchi di Query Loop ha diverse opzioni secondarie. Gli utenti possono abilitare “Eredita query dal modello” per utilizzare la query globale di WordPress, ma questo è per lo più inutile per gli utenti di WordPress 5.8 senza il plug-in Gutenberg abilitato e un tema basato su blocchi. Per ora, vorrai quasi sempre disabilitare questa opzione. Ciò consentirà l’accesso a una serie di nuove scelte, come ad esempio:

  • Tipo di messaggio
  • Ordinazione
  • Pannello dei filtri per categorie, tag, autore e parola chiave

I pannelli Impostazioni e Filtri sono le parti più perfezionate del blocco Query Loop. Il team di sviluppo ha trovato un ragionevole equilibrio tra la facilità d’uso e le dozzine di parametri relativi alle query disponibili tramite il codice. Fornisce agli utenti una tonnellata di potenza direttamente dal gate, ma dovrebbe essere abbastanza flessibile in futuro da consentire agli autori di plug-in di estendersi.

Il modello di post

Quando si inserisce un ciclo di query, l’editor aggiunge automaticamente il blocco del modello di post interno. È qui che avviene la maggior parte della magia. Gli utenti possono modificare direttamente il modo in cui vengono visualizzati i propri post. In primo luogo, lo faranno aggiungendo blocchi dalla categoria Tema, molti dei quali servono per l’output di dati post-correlati.

Inserimento blocchi aperto nell'editor di WordPress, che mostra i blocchi della categoria Tema.
Blocchi classificati a tema per l’output di dati dinamici.

Quasi tutti gli altri blocchi possono essere inseriti anche qui. Tuttavia, molti di essi non saranno ottimi candidati per l’uso all’interno del Query Loop.

Una cosa che potrebbe non essere immediatamente evidente è che le modifiche apportate a un post all’interno del blocco Modello di post influenzeranno tutti gli altri. Quindi, se aggiungi un blocco Video o Pulsanti qui, saranno identici. Ricorda, questo è un “modello” per progettare come appariranno tutti i post all’interno del Query Loop.

Lo svantaggio della personalizzazione dell’output del blocco Post Template è la mancanza di opzioni di progettazione per alcuni blocchi. È facile creare qualcosa come un semplice elenco di post:

Elenco a colonna singola dei post con i relativi titoli e date di pubblicazione.
Elenco dei post con titoli e date.

Puoi anche creare un layout come una griglia di progetti portfolio, come mostrato nella schermata seguente. Tuttavia, il blocco Post Featured Image non ha attualmente controlli di dimensionamento, quindi sei bloccato con la dimensione post-miniatura predefinita del tuo tema, supponendo che sia effettivamente registrata. Le esperienze possono variare. selvaggiamente.

Griglia di post a tre colonne nell'editor di WordPress.
Costruire una griglia di portafoglio di base.

Per cose più avanzate rispetto alla modifica di tipografia, colori e spaziatura, gli utenti dovranno attendere WordPress 5.9 e versioni successive. Tuttavia, gli autori dei temi hanno ancora a loro disposizione l’API degli stili di blocco. Io, per esempio, non vedo l’ora di vedere cosa ne faranno.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.