È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho toccato i widget. Una volta che l’editor del sito è arrivato nel plugin Gutenberg, ho abbandonato quasi esclusivamente il vecchio paradigma della barra laterale e sono passato ai modelli di blocco. Riattivare i vecchi temi e saltare nella schermata dei widget è stato come viaggiare nel tempo in un’era passata.

Dopo mesi trascorsi a fondo nei temi dei blocchi, è difficile immaginare di tornare al sistema di widget della barra laterale che la maggior parte degli utenti di WordPress utilizza ancora oggi.

WordPress 5.8 è previsto per la spedizione con un piccolo assaggio di portare i blocchi al di fuori dell’editor di contenuti. Tuttavia, può sembrare un aggiornamento superficiale di un sistema morente, uno che non sempre funziona.

I widget basati su blocchi fanno parte della fase di transizione tra il classico WordPress e il futuro, incentrato su un editor di siti completo. Una volta che la maggior parte dei temi è stata costruita in cima ai blocchi, la necessità di widget diminuirà. L’editor del sito e i temi dei blocchi non supportano il vecchio sistema della barra laterale. Invece, gli utenti saranno in grado di posizionare blocchi ovunque.

Lo scorso ottobre ho posto la domanda: I widget basati su blocchi sono pronti per atterrare in WordPress 5.6? All’epoca, la schermata dei widget doveva essere avviata con la versione finale del 2020. Tuttavia, il team di sviluppo ha rinunciato all’inclusione della funzionalità, principalmente perché l’implementazione del personalizzatore era scadente.

Facendo la stessa domanda di WordPress 5.8, la mia risposta è per lo più la stessa. È tempo di fornire la funzionalità attuale e prepararsi per un futuro senza widget. Ci sono così tanti componenti che sono molto più eccitanti dietro l’angolo. I principali problemi di esperienza dell’utente rimarranno fino a quando gli utenti non saranno passati ai temi di blocco.

Sono stato a lungo nel campo di partire da una lavagna pulita per i temi dei blocchi, lasciando che i widget si estinguono. Tuttavia, il percorso che WordPress ha scelto è quello di creare questo trampolino di lancio per gli utenti che potrebbero essere su temi tradizionali per un po’. Offre l’opportunità di utilizzare blocchi al di fuori dell’editor, il che può essere un passo avanti per molti.

Con il vasto numero di librerie, blocchi una tantum e il supporto degli autori di plug-in, gli utenti hanno una vasta gamma di scelte di blocchi a portata di mano. In questo momento, se non esiste un widget equivalente, quegli utenti possono utilizzare solo quei blocchi nei loro contenuti. All’interno di un sistema di widget a blocchi, tale limitazione non esiste.

Solleva anche alcuni oneri dagli sviluppatori. Coloro che vogliono eliminare parte del loro vecchio codice e puntare tutto sui blocchi possono iniziare a considerare la deprecazione o il ritiro dei widget.

La transizione alla nuova schermata Widget dovrebbe sembrare semplice per gli utenti che hanno familiarità con l’editor di contenuti di WordPress. L’inserimento dei blocchi è lo stesso. La differenza è che ogni barra laterale ha il proprio contenitore.

Schermata dei widget con un blocco Galleria nella barra laterale del piè di pagina.

La gamma di blocchi all’interno del core di WordPress potrebbe anche consentire agli utenti di eliminare alcuni dei loro plug-in basati su widget. Uno dei tipi più popolari di widget nel corso degli anni è stato per la gestione degli elenchi di post. Esistono dozzine di tali plugin e un numero incalcolabile di temi che ne includono uno. Insieme al blocco Query Loop di WordPress 5.8, gli utenti possono ora ricreare molti di quei widget da soli.

Aggiunta di un elenco degli ultimi post tramite il blocco Query Loop a una barra laterale.
Elenco post personalizzato utilizzando il blocco Query Loop.

Molto di questo dipende dal supporto di progettazione dei blocchi del tema e dal fatto che possa ospitare qualcosa di diverso dai widget tradizionali.

Il supporto della personalizzazione per i widget a blocchi è anni luce avanti rispetto a pochi mesi fa. Tuttavia, nella migliore delle ipotesi, sembra imbarazzante. C’è un profondo sentimento di non appartenenza. Sebbene sia stata una notevole impresa di programmazione far funzionare insieme le due funzionalità, le esperienze degli utenti sono distanti quasi un decennio.

Modifica di un blocco di intestazione nel pannello di controllo del personalizzatore in WordPress.
Modifica di un blocco di intestazione nel personalizzatore.

Nonostante il personalizzatore fornisca un’anteprima dal vivo, la schermata Widget nell’amministratore di WordPress offre lo spazio di lavoro necessario. Cercare di spremere l’editor di blocchi nel piccolo pannello di controllo personalizzato non sarebbe mai stata un’esperienza ideale, e non lo è ancora. Fa il suo lavoro, ma consiglio la tradizionale schermata dei widget per meno mal di testa.

I problemi rimangono

Negli otto mesi da quando mi sono tuffato per la prima volta nei widget basati su blocchi, il sistema è stato revisionato. Tuttavia, i potenziali problemi che ho sollevato rimangono. Il semplice rilascio di blocchi in una barra laterale può avere risultati contrastanti. Ad esempio, confronta un widget legacy con i blocchi Intestazione e Ultimi commenti nella barra laterale del piè di pagina del popolare tema OceanWP:

Widget e blocchi non corrispondono se utilizzati in una barra laterale del tema OceanWP.
Titoli e colori non corrispondenti.

Il problema è che WordPress tratta ogni blocco come un widget. Tradizionalmente, i widget avevano sia un titolo che un contenuto. I blocchi non hanno tale concetto. Un’intestazione seguita da qualcosa come un paragrafo, gli ultimi commenti o un altro blocco non ha alcun significato speciale nel sistema di blocchi. Sono tutti trattati separatamente.

Questo problema è in piena vista quando si aggiungono blocchi al tema WordPress Twenty Twenty-One predefinito:

Blocco di intestazione trattato come widget separato dal contenuto che lo segue nella barra laterale del footer Twenty Twenty-One.
Blocco trattato come widget nella barra laterale del footer Twenty Twenty-One.

Notare che i blocchi Intestazione e Ultimi commenti sono in colonne perché sono visti come widget separati.

Per risolvere questo problema, gli utenti devono aggiungere più blocchi in un blocco di gruppo se vogliono che vengano trattati come un singolo “widget”. È una questione semplice, ma potrebbe ancora essere un ostacolo all’usabilità per alcuni.

Anche con una correzione in atto, non vi è alcuna garanzia che i blocchi appaiano come i widget previsti dall’autore del tema.

Molto tempo fa ho rinunciato alla speranza che ci sarebbe stata una migliore gestione per i widget di blocco. Il Plugin Widget classici è disponibile per chi ne ha bisogno, e gli autori del tema possono rinunciare. Questi sono strumenti necessari per un’esperienza che può variare da assolutamente fantastica a completamente rotta.

Portare i blocchi al di fuori dell’editor di contenuti per gli utenti di temi tradizionali è probabilmente necessario per la transizione, ma l’attuale esperienza dell’editor del sito sembra già molto più fluida rispetto ai widget di blocco. L’obiettivo a lungo termine dovrebbe essere quello di allontanarsi dal concetto datato di widget e di passare a un front-end WordPress costruito al 100% su blocchi.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.