Durante il fine settimana, Nick Bohle ha chiesto a Ellen Bauer di Elma Studio come i formati dei post si inseriscono nel mondo dei blocchi tematici. La domanda era una proposta per lei un tema WordPress e FSE chiacchierata che ha tenuto ieri tramite Twitter Spaces. Non ho potuto partecipare e vedere se Bauer ha toccato l’argomento, ma la domanda è qualcosa a cui ho riflettuto molto non molto tempo fa.

Durante l’estate, io ha twittato uno screenshot di un esperimento sui formati dei post. Una parte di me stava cercando di capire se potevamo far rivivere una funzione morente, una che continuo a usare oggi.

A parte archivio formato post.

Uso i formati dei post da prima che fossero una cosa. “Asides” è stato uno dei precursori della funzionalità di atterraggio in WordPress. Ho scritto il mio primo blog personale nel 2006. Avevo preso in prestito del codice che il cofondatore di WordPress Matt Mullenweg aveva postato due anni prima. Era un concetto che aveva preso in prestito da altri.

Per me, è stato un modo per dare un layout unico a post e link veloci senza tutta la robustezza di un articolo di lunga durata.

Nel 2011, WordPress 3.1 è stato lanciato con una nuova tassonomia. Gli utenti potevano scegliere tra nove diversi formati per i loro post, supponendo che il loro tema ne supportasse uno o più. L’obiettivo era consentire agli autori del tema di progettare layout personalizzati attorno a ciascuno di essi.

Per gran parte della community, sembrava che WordPress stesse inseguendo la funzione di contenuto dei post di Tumblr. Il fascino è svanito rapidamente dopo che sembrava essersi fermato oltre il suo rilascio iniziale. A parte alcune correzioni e miglioramenti banali sotto il cofano, i formati dei post non sono mai stati molto importanti.

Sono rimasti una caratteristica di nicchia nel corso degli anni. Alcuni autori di temi aggiungono ancora supporto. Alcuni di noi blogger della vecchia scuola che li hanno usati in qualche forma o modo sono ancora in agguato. Ma i formati dei post sono morti da molto tempo.

Pertanto, ho deciso di provare a farli funzionare per i temi dei blocchi.

Una delle cose più frustranti che ho riscontrato con i formati dei post in questo progetto a tema basato su blocchi è stato quanto mi sentissi impotente nel farli funzionare “alla vecchia maniera”. La natura dinamica del tema classico significava che potevo cambiare i modelli di contenuto dei post su pagine che elencavano più post. Query Loop e il suo blocco Post Template interno non mi consentono di mostrare un modello diverso per un preventivo o un post in formato galleria, ad esempio.

Questo è stato frustrante perché quella parte del processo di progettazione era fuori dalle mie mani. Se volessi fare qualcosa di semplice come mostrare un design completamente diverso per un post a parte all’interno di un mix di post normali, non potrei farlo come designer del tema, almeno non senza fare alcune soluzioni alternative.

Il mio momento da “lampadina” è stato quando ho capito che andava bene non avere quel controllo. Avevo bisogno di uscire dalla mentalità che il design fosse mio e solo mio. Questo è vedere la creazione attraverso una lente tematica classica. Il mio approccio era sbagliato. Invece, ho dovuto iniziare a pensare a come consegnare questi strumenti di progettazione all’utente.

La domanda è diventata: posso creare qualcosa che utilizzi quel concetto di formato di post originale dando agli utenti la libertà di fare ciò che vogliono?

Poi, mi è venuto in mente. Quella che segue è la risposta che ho twittato a Jeff Chandler, che aveva mi ha chiesto se pensavo ai formati dei post funzionerebbero come modelli:

Penso ai blocchi stessi come a un’evoluzione dei formati dei post. Video, audio, incorporamenti (in pratica collegamenti fantastici), citazioni, ecc. La maggior parte degli elementi è già presente. I modelli offrono agli utenti un modo semplice per inserire vari design, che potrebbero costruire su quei blocchi.

Forse i formati dei post così come esistono attualmente sono morti. Tuttavia, l’idea di progettare un layout attorno a tipi specifici di post è molto viva.

Se gli utenti desiderano incorporare un singolo video in un post, è solo questione di copiare e incollare un collegamento. Per condividere una citazione trovata dal loro autore preferito, devono semplicemente rilasciarla in un blocco Preventivo. A parte i post di chat (trascuriamo quelli del tutto), il concetto di formato dei post è stato semplicemente sostituito con i blocchi.

Tuttavia, gli autori del tema hanno ancora un ruolo da svolgere. Se tutti gli elementi per i formati dei post sono stati essenzialmente sostituiti dai blocchi stessi, ciò significa che i designer possono avere una giornata campale costruendo modelli attorno a loro.

L'esploratore di modelli di WordPress con la categoria Post Formats aperta. Sulla destra, mostra tre disegni a parte e un disegno di citazione.
Pattern creati per i formati di post.

Questo mi ha portato a costruire la mia idea originale per le digressioni, il mio formato di post preferito. Invece di offrire un unico design, ho creato tre diversi modelli tra cui gli utenti possono scegliere. Gli utenti finali potevano combinare e abbinare come apparivano sul front-end.

Ho anche costruito una custom taxonomy-post_format-aside.html modello per mostrarli nella loro pagina di archivio. Visualizzava semplicemente la data di pubblicazione e il contenuto del post, che l’utente controlla.

Sono tornato al tavolo da disegno e ho costruito uno schema di citazioni che mi piaceva. Anche in questo caso, sarebbe stato l’utente a decidere se desiderava quel particolare design. Potrebbero sempre andare in una direzione diversa.

Un blocco preventivo all'interno dell'editor di WordPress. È avvolto in un blocco Gruppo con uno sfondo azzurro.
Modello di blocco preventivo e stile personalizzato.

In un certo senso, i formati dei post erano sempre limitanti. La funzione non è mai stata sviluppata e c’erano solo nove formati consentiti. Alla fine, ognuno era semplicemente un termine all’interno di una tassonomia. Non c’erano mai regole su come tutto avrebbe dovuto funzionare. Forse non è una cosa così negativa. Ora, i post possono essere qualsiasi cosa gli utenti desiderino che siano.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.