In the WordPress site editor, the options drop-down is shown.  The "Export" button is highlighted for exporting templates and template parts.
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

La prossima generazione di autori di temi WordPress progetterà dall’editor del sito – WP Tavern

Tempo di lettura: 4 minuti

La scorsa settimana, ho giocato con un nuovo plug-in che consente agli utenti di esportare una personalizzazione theme.json file. Il progetto è ancora un po’ bacato al momento, ma non vedo l’ora di trattarlo più in dettaglio presto. La funzione di esportazione era più che altro un obiettivo secondario per il plugin, ma rappresenta una funzionalità che non vedo l’ora di approdare su WordPress un giorno.

Mentre armeggiavo con il plugin, mi sono ricordato di controllare il stato di avanzamento di un ticket correlato per Gutenberg. Attualmente, la funzione di editor del sito consente agli utenti finali di esportare i propri modelli di temi. Tuttavia, non c’è ancora modo di farlo per gli stili globali.

In sostanza, i temi dei blocchi richiedono due componenti: modelli e una configurazione di stili globali. Ci sono altri pezzi. Il functions.php file è sempre più inutile e lo standard style.css il file viene spesso utilizzato per aggiungere dati del tema anziché CSS. Si parla di aggiungere entrambi /patterns e /styles supporto delle cartelle per la registrazione automatica dei modelli di blocco e delle variazioni di stile globali, rispettivamente.

Cartella del tema Twenty-Two e struttura dei file.

Lo sviluppo del tema WordPress sembra già diverso rispetto a pochi anni fa. Presto, i temi della vecchia scuola difficilmente lo riconosceranno.

Non è necessariamente una cosa negativa. Il mantra in corso è che la piattaforma cerca di democratizzare il design tanto quanto ha fatto per la pubblicazione. Mi sono spesso chiesto quanto fosse realmente fattibile un simile obiettivo. Vedrei scintille di genio disseminate in tutto il progetto negli ultimi anni. Ci è voluto un po’ prima che tutte le parti in movimento diventassero una macchina ben oliata. Ci sono ancora alcuni componenti mancanti, ma la promessa della piattaforma sta diventando realtà.


Durante il fine settimana, mi sono imbattuto nel profilo Facebook di un vecchio amico. È uno dei pochi blogger che ho iniziato a seguire nei primi anni 2000. Ho notato che aveva condiviso qualcosa dal suo blog e l’ho controllato. Ha un background nel giornalismo e ha sempre avuto intuizioni uniche su ciò che la maggior parte di noi potrebbe considerare le cose banali della vita quotidiana.

Ho continuato a leggere altri post. È stato un gradito cambio di passo riversare i pensieri di qualcuno che sta semplicemente scrivendo un blog per amore del blog, anche se ancora su Blogger e non su WordPress. Il sito non ha un aspetto diverso rispetto a anni fa. Ha anche un blogroll. Ho passato circa un’ora andando da un sito all’altro, leggendo le divagazioni di altri blogger appassionati, la maggior parte dei quali sul software WordPress self-hosted o WordPress.com. È stato un promemoria del motivo per cui continuiamo a costruire questa piattaforma.

Naturalmente, abbiamo tutti motivi diversi per venire nello stesso posto. Dobbiamo anche avere un’economia sana dietro WordPress, che aiuta a finanziare la missione più altruistica del progetto. Alla fine, l’obiettivo è fornire software gratuito per le masse, offrendo un’alternativa ai guardiani e ai giardini recintati altrove sul web.

Il design del tema doveva essere rivoluzionato. Mi piace trovare lo strano diamante grezzo. Ma è passato molto tempo da quando l’utente finale medio ha avuto la vera libertà con il design del proprio sito web. Kubrick stava bene a metà degli anni 2000. WordPress si rivolgeva a un pubblico fai-da-te che era d’accordo con le modifiche CSS per ottenere il risultato desiderato. Tuttavia, negli anni 2020, la piattaforma deve portare una nuova serie di strumenti a un vasto pubblico. Questo è ciò che riguarda la funzionalità degli stili globali.


Quando WordPress 5.9 verrà lanciato il mese prossimo, molti utenti avranno un assaggio dell’editor del sito. Gli utenti che passano al tema di prossima uscita Twenty Twenty-Two avranno più potere di progettazione a portata di mano che mai con WordPress stock. Dai modelli agli stili, cambieranno il front-end dei loro siti in base a ciò che sognano.

Alcuni si imbatteranno senza dubbio nel pulsante “Esporta” nell’editor del sito:

Nell'editor del sito di WordPress, viene mostrato il menu a discesa delle opzioni.  Il "Esportare" è evidenziato per l'esportazione di modelli e parti di modelli.
Esportazione dei modelli del sito.

È uno strumento utile per gli autori di temi che passano al blocco dello sviluppo del tema, ma quel piccolo pulsante ha un mondo di potenziale. In questo momento, sputa fuori un edit-site-editor.zip file con a /theme sottocartella. All’interno di questo, si siede /templates e /parts.

Quello che manca è il theme.json file, che rappresenta gli stili globali. Quando arriva, gli utenti essenzialmente esporteranno un intero tema. Bene, meno uno screenshot e file legacy richiesti come style.css.

Parte della democratizzazione del design non consiste solo nel conferire la possibilità di personalizzare il sito. Realizzare la missione significa che le persone possono condividere quei progetti. La prossima generazione di temi WordPress non sarà bloccata in un editor di codice come quelli di noi oggi. Si faranno le ossa con l’editor del sito integrato. Alcuni passeranno a uno sviluppo più avanzato, ma altri avranno tutto ciò di cui hanno bisogno per pubblicare i loro temi su WordPress.org o persino avventurarsi e costruire le proprie attività. In parte, livellerà il campo di gioco per coloro che hanno un occhio per il design ma non le costolette di codifica per creare quei progetti.

L’esportazione di stili globali non può arrivare abbastanza velocemente. Quindi, dobbiamo aggiungere le esportazioni di pattern all’equazione, ma la missione richiede di fare un altro passo.

Non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui un utente potrà creare un intero tema da zero in WordPress. Quindi, lo inviano alla directory del tema senza scrivere un po’ di codice. Potrebbe uno di quei blogger “medi” trovare un talento per il web design che non sapevano di avere? Qualcuno che ha sempre voluto imparare ma non ha avuto tempo/risorse/privilegio potrebbe creare il prossimo tema più popolare? Mi piace pensarla così.


Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.

Scroll Giù