Perché più autori di temi WordPress non creano temi a blocchi?  – Taverna WP
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

Perché più autori di temi WordPress non creano temi a blocchi? – Taverna WP

Tempo di lettura: 4 minuti

Blocca temi stanno entrando nella directory ufficiale dei temi di WordPress a un ritmo lento prima del debutto della modifica dell’intero sito in WordPress 5.9. Ora ci sono 39 temi che supportano le funzionalità di modifica del sito, rispetto ai 28 di dicembre 2021, quando Matt Mullenweg lo ha commentato durante il Stato della Parola indirizzo.

“Devono essere 5.000”, ha detto Mullenweg. Successivamente, durante la presentazione, ha affermato di sperare che WordPress “disponga di 300 o idealmente 3.000 di questi temi a blocchi” prima di entrare nella fase di collaborazione del progetto Gutenberg.

Perché la forte spinta verso l’avvio del mercato dei temi a blocchi? L’imminente La versione 5.9 è destinata a fornire un solido set di strumenti di progettazione rivoluzionari nel nucleo che cambieranno la costruzione di siti Web WordPress in modo sostanziale. Questi includono la modifica dei layout di pagina con un’interfaccia drag-and-drop e una nuova interfaccia Global Styles per modificare tipografia, colori, dimensioni, layout, riempimento e altri aspetti del design.

Gli utenti non possono sfruttare tutte queste nuove funzionalità senza un tema a blocchi. Ecco perché WordPress 5.9 sta introducendo un nuovo tema predefinito, Twenty Twenty-Two, che renderà facile per chiunque iniziare a utilizzare un tema a blocchi. Ma con solo 39 temi a blocchi disponibili in questo momento, i primi utenti non hanno trovato molta varietà.

Per qualsiasi motivo, più di 5 milioni di utenti WordPress non sono ancora passati all’editor di blocchi e stanno utilizzando il Editore classico collegare. Questa esperienza è l’ombra di ciò che WordPress è diventato da quando l’editor di blocchi ha fatto il suo debutto in 5.0 più di tre anni fa. Anche tra gli utenti che hanno adottato l’editor di blocchi, i primi utenti di FSE sono pochi e rari.

Perché gli autori di temi non creano temi a blocchi per far sì che i loro prodotti diventino tra i primi sul mercato? Il rappresentante del team di temi di WordPress Ganga Kafle è entrato in questo argomento ieri, chiedendo perché gli autori di temi continuano a creare temi classici invece di salire sul treno dei temi a blocchi.

Le risposte hanno mostrato che gli sviluppatori di temi hanno una varietà di motivazioni diverse per resistere ai temi dei blocchi costitutivi.

“Ho chiesto ad alcune agenzie locali qui a Città del Capo e alcune di loro hanno indicato il flusso di lavoro, in quanto erano estremamente efficienti nella creazione di siti con il “loro” tema e la creazione di un nuovo tema a blocchi avrebbe intaccato i profitti”, ha affermato il responsabile del team di sviluppo di temi di Automattic ha detto Jeffrey Pearce. “Stanno aspettando di vedere i temi dei blocchi ‘maturi'”.

Una volta che la 5.9 sarà rilasciata e i temi FSE saranno ufficialmente supportati, le agenzie saranno probabilmente più motivate ad aggiornare i loro flussi di lavoro per sviluppare temi a blocchi in modo più efficiente. Durante questo periodo intermedio, è più facile mantenere lo status quo, ma ora è il momento di prepararsi per iniziare a correre. Una volta che gli utenti sapranno che c’è di più in WordPress, non vorranno essere limitati da un tema classico.

Per alcuni sviluppatori di temi, è una questione di non avere ancora le competenze.

“C’è una curva di apprendimento, ma mi aspetto che sempre più persone inizieranno a creare e inviare temi a blocchi”, ha affermato il consulente di WordPress Krasen Slavov. “Personalmente sono desideroso di sperimentare e imparare, ma poiché è un modo totalmente nuovo di costruire temi e tutti dobbiamo prima pagare i conti, questo dovrebbe essere nel mio tempo libero”.

Anche la sviluppatrice di WordPress Sallie Goetsch, che ha affermato di creare temi per i clienti e non per la directory di WordPress, è desiderosa di fare il salto in FSE, ma ha le stesse esigenze di apprendimento.

“Anche se ho sicuramente intenzione di passare a FSE, c’è molto da imparare e sperimentare prima di essere abbastanza sicuro da usarlo nella produzione”, ha detto Goetsch.

Altri sviluppatori di temi hanno citato difficoltà nel tenere il passo con il panorama in continua evoluzione dello sviluppo dei temi FSE.

“Non possiamo stare al passo con i cambiamenti” Il co-fondatore di CSS Igniter, Gerasimos Tsiamalos, ha detto. “E’ a miglia di distanza dall’offrire qualcosa di diverso dai semplici temi morti. [There are] troppe incongruenze da razionalizzare”.

A causa della natura del loro carico di lavoro quotidiano, alcuni sviluppatori di temi non percepiscono l’adozione anticipata dei temi FSE come una mossa pratica in questo momento.

“Siamo molto felici di utilizzare i blocchi per i post, ma i temi abilitati al blocco non ci danno la flessibilità di cui abbiamo bisogno per creare pagine alla velocità richiesta”, ha risposto l’agenzia Designs43. “E ci sono anche troppi cambiamenti con cui stare al passo. Tendiamo a usare un tema abbastanza semplice e inseriamo personalizzazioni nel bambino”.

“Immagino che la flessibilità mancante sia una caratteristica killer per gli autori di temi”, ha affermato Jessica Lyschik, sviluppatrice di temi WordPress. “È molto facile imbattersi in cose che non funzionano affatto o ancora.”

La domanda di temi a blocchi non è facile da misurare. Una stima prudente delle installazioni attive di temi FSE ospitati su WordPress.org è di circa 3.000 siti, in base alle statistiche per il piccolo numero disponibile. Una volta che nel mondo verrà introdotto WordPress 5.9 la prossima settimana, è probabile che quel numero aumenti durante la notte.

“Abbiamo alcuni temi FSE gratuiti e stiamo lavorando su uno premium”, ha affermato Ana Segota, proprietaria del negozio di temi WordPress. “Adoro i temi ora sono più design e sono più facili da usare, ma è ancora una lunga strada. Dobbiamo trovare un modo per educare gli utenti sul nuovo modo di creare siti Web ed è anche difficile seguire tutti i cambiamenti”.

Sebbene lo sviluppo del tema a blocchi sia ancora agli inizi, ci sono alcune risorse educative per gli autori che sono pronti a fare il grande passo.

Marcus Kazmierczak ha pubblicato un breve introduzione ai temi dei blocchi costitutivi, che rimanda a risorse utili dal Manuale dell’editor blocchi. In particolare, questi includono un panoramica dei temi dei blocchi, come creare un tema a blocchi, e una guida a Impostazioni e stili globali (theme.json). Carolina Nymark ha anche pubblicato una guida rapida a creazione di temi a blocchi su fullsiteediting.com. Se stai cercando un antipasto per i temi dei blocchi di costruzione, Justin Tadlock ha alcuni consigli in uno dei suoi recenti Chiedi al barista messaggi.


Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.

Scroll Giù