Ella van Durpe, una delle principali collaboratrici di WordPress e ingegnere del software presso Automattic, ha rilasciato oggi un plugin per prendere appunti. ipernote è un semplice tipo di post personalizzato che consente agli utenti finali di prendere appunti privati ​​o fungere da strumento di journaling.

Ho visto plugin simili in passato. Ho persino iniziato a creare un anno fa prima di abbandonarlo definitivamente per una semplice soluzione Markdown in un repository privato.

Ciò che rende unico Hypernotes è la sua gestione delle “cartelle”, che essenzialmente funzionano come categorie. Tuttavia, ogni cartella ottiene il proprio collegamento al sottomenu nella sezione Note nell’amministratore di WordPress.

Sistema di cartelle di Hypernotes.

Questo imita più da vicino altre app per prendere appunti in cui gli utenti possono passare da una cartella all’altra per trovare rapidamente le note.

Il codice per farlo accadere è semplice; l’idea è geniale. È il tipo di pensiero fuori dagli schemi che amo vedere dagli sviluppatori di plugin.

Ci sono alcuni problemi banali con esso, come i nomi delle cartelle che non vengono evidenziati durante la visualizzazione delle loro schermate. Tuttavia, questo è un bug specifico di WordPress. Un semplice trattino prima di ogni nome di cartella potrebbe anche abbellire un po’ l’interfaccia utente. Si trovano sotto la voce di menu “Tutte le note”, quindi creerebbe più di un effetto cartella.

Nel complesso, il plugin funziona bene come applicazione per prendere appunti.

Editor di post di WordPress che mostra il plug-in Hypernotes.
Scrivere una nota nell’editor di WordPress.

La descrizione del plug-in ha una nota di sicurezza per gli utenti che si chiedono quanto sia privato il loro contenuto:

Solo tu sarai in grado di vedere le tue note all’interno dell’amministratore di WordPress, ma le note NON sono crittografate al momento, quindi chiunque abbia accesso al database sarà in grado di leggerle.

Hypernotes garantisce inoltre che nessun post venga mai pubblicato accidentalmente affinché tutto il mondo possa vederlo. Sotto il cofano, imposta automaticamente tutte le note sullo stato “privato”. Nemmeno il tipo di post del plugin può essere interrogato pubblicamente sul front-end.

Vale la pena ricordare che il plug-in non crea funzionalità personalizzate (permessi) per il tipo di post e la tassonomia. Qualsiasi utente registrato sul sito con le giuste capacità di post-editing può accedere alle note di altri nel backend, come le persone con il ruolo di Editor.

È improbabile che questo sia un problema data la natura del plugin. Immagino che il pubblico principale sarà composto da blogger solisti che desiderano una soluzione semplice per prendere appunti.

Mi sono imbattuto in un problema non così banale quando ho iniziato a provare Hypernotes, credendo che il mio sito web fosse rotto. Questo di solito è dovuto a una patch che sto testando per il plugin Gutenberg o solo a uno dei suoi aggiornamenti ordinari. Tuttavia, il tipico colpevole non era da biasimare. Dopo circa mezz’ora cercando di capire perché i miei stili di tema non apparivano per i post di Note, ho finalmente risolto il problema.

Hypernotes disabilita tutti gli stili dell’editor del tema. La bellissima tipografia del mio tema attualmente attivo era sparita, che avrebbe funzionato bene con un plugin per note o journaling.

Questo è stato abbastanza facile da annullare con poche righe di codice personalizzato. Se dovessi salvare alcune citazioni che mi sono piaciute come note personali, volevo almeno farlo con stile:

Riaggiunta di stili di editor di temi personalizzati al plug-in Hypernotes e visualizzazione di una citazione nell'editor.
Riportare lo stile delle citazioni personalizzate del mio tema.

Il plugin tenta anche di disabilitare l’allineamento ampio/completo e le dimensioni dei caratteri dell’editor del tema. Il codice che utilizza funziona per i temi WordPress tradizionali ma non per i temi a blocchi, che hanno un meccanismo diverso per la registrazione di tale supporto. Questo è stato anche uno dei motivi per cui è stato difficile rintracciare il problema. Tutto il resto dal mio tema funzionava, ma gli stili di editor personalizzati.

Comprendo l’idea alla base della rimozione del supporto per tali funzionalità. I temi progettano il front-end del sito e Hypernotes è puramente uno strumento di back-end. Tuttavia, preferirei vedere un’opzione per consentire all’utente di controllare ciò che viene disabilitato. Alcuni stili di editor di temi si abbinerebbero bene al plugin.

La disabilitazione di queste funzionalità ha anche altre implicazioni. Ad esempio, tutte le variazioni di stile del blocco personalizzato del mio tema sono state registrate e utilizzabili dall’editor. Tuttavia, poiché i miei stili non sono stati caricati, non hanno funzionato correttamente.

Un’altra opzione sarebbe che il plugin fornisse i propri stili di editor. Ci sarebbero ancora alcune complicazioni lungo questa strada, come il problema delle variazioni dello stile di blocco, ma il plug-in potrebbe diventare un’app per prendere appunti dal design accattivante a sé stante.

Per una versione 1.0, sono un fan della semplicità. Inoltre, sono impressionato dal metodo intelligente di gestione delle “cartelle” delle note. Sono ansioso di vedere come si evolverà questo plugin nelle iterazioni future.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.