Poche settimane fa, Annunciato WP Ninjas stava entrando nel mercato dei plugin per l’ottimizzazione dei media. La squadra ha rilasciato il suo Rimuovi i media inutilizzati plugin come progetto commerciale per riordinare lo spazio di archiviazione. Ne ho ricevuto una copia completa e l’ho messo alle corde.

Con così tanti plugin commerciali, sono abituato agli sviluppatori che creano una voce di menu completamente nuova, occupando prezioso spazio amministrativo. Questo succede anche con quelli che hanno solo un singolo schermo. Tuttavia, sono stato felice di vedere che il team di WP Ninjas ha nascosto tutto ordinatamente in “Media” come sottomenu. Siamo partiti bene e le cose sono solo migliorate.

Quando recensisco i plugin, c’è una cosa che predico costantemente: la semplicità. Ciò inizia seguendo l’interfaccia utente principale di WordPress e attenendosi ad essa quanto più le funzionalità del plug-in lo consentiranno. In sostanza, non farmi pensare su come usare il tuo plugin.

Per la maggior parte, Remove Unused Media ha ottenuto l’esperienza utente giusta.

Potrei fare il pignolo con alcune scelte di design con l’interfaccia, come modificare la tabella dell’elenco con angoli arrotondati e imbottitura extra. Anche la sottonavigazione “filtro” si discosta dallo standard. E il messaggio “ultima analisi” dovrebbe ricevere il trattamento di avviso dell’amministratore di WordPress in modo che si distingua.

Questi sono tutti elementi principali dell’interfaccia utente con personalizzazioni non necessarie. Tuttavia, non hanno sminuito l’esperienza nel complesso. Il plugin per lo più si è bloccato con lo standard WordPress.

La vera domanda è se il plugin fa quello che dice sulla scatola. Com’è l’esperienza di rimozione dei media inutilizzati?

È stato facile. Gli utenti devono semplicemente fare clic sul pulsante “Avvia analisi” e attendere alcuni secondi. Il plugin ha quindi tre schede:

  • Supporti non utilizzati
  • Supporti usati
  • Ignorato

La scheda Media non utilizzati presenta una panoramica di tutti i media che il plug-in non è riuscito a trovare utilizzati sul sito. C’è la possibilità che abbia perso qualcosa. Tuttavia, ho trovato solo uno scenario della vecchia scuola in cui è successo, in cui mi tufferò più avanti.

Schermo multimediale inutilizzato.

Da questo punto, gli utenti finali possono eliminare manualmente singoli allegati multimediali o utilizzare l’opzione di eliminazione in blocco. Prima di farlo, il plug-in consiglia di eseguire un backup del sito, un valido consiglio per qualsiasi plug-in di questo tipo.

La mia caratteristica preferita del plugin non era la sua caratteristica principale di eliminare i media. In realtà era la schermata “Media usati”. È “Dove?” e come?” le colonne suddividono dove vengono utilizzati immagini, video e altri file e in quale contesto.

Schermata del plug-in Rimuovi media inutilizzati che mostra i media dove e come vengono utilizzati nel sito.
Schermo multimediale usato.

Mi ha ricordato la schermata “istanze” per WordPress proposta di directory di blocco amministratore dal 2019. Il concetto ha mostrato dove sono stati utilizzati blocchi specifici in tutto il sito. Rimuovi supporti inutilizzati fa la stessa cosa per i file multimediali.

La scheda “Ignora” del plug-in tiene traccia dei file multimediali che non devono essere eliminati, anche se non utilizzati. Gli utenti possono fare clic su un collegamento dalle altre schermate per aggiungerli all’elenco. Questo persiste anche dopo aver eseguito una nuova analisi.

Il plug-in esegue la scansione di diversi plug-in di terze parti come Elementor, Beaver Builder, ACF e Yoast SEO. Alcuni archiviano istanze multimediali al di fuori del contenuto del post, ad esempio nei meta post personalizzati, e Rimuovi media inutilizzati cerca quei campi specifici.

Prezzi parte da 39€ ($45,38 al tasso di cambio odierno) per un anno di supporto e aggiornamenti per un singolo sito. Ha anche un’opzione di cinque siti a 149 € e un livello di 100 siti a 299 €.

Per la prima versione, l’esperienza dell’utente sembrava solida. Tuttavia, non ha molto in termini di personalizzazione. Questo potrebbe essere un punto critico per gli utenti che cercano un’opzione premium più flessibile.

Esplorare le alternative

Il plugin non è il primo del suo genere. Il Detergente per supporti plugin di Meow Apps è gratuito, aggiornato regolarmente e ha oltre 40.000 installazioni attive. Ha anche una versione commerciale con più funzionalità, come l’integrazione di plug-in di terze parti, il supporto WP-CLI, la scansione del file system e l’analisi del sito live.

L'elenco dei problemi dal plug-in Media Cleaner nell'amministratore di WordPress, che mostra un elenco di elementi multimediali inutilizzati.
Risultati del plug-in Media Cleaner.

L’interfaccia utente per la rimozione dei media inutilizzati sembra più simile a WordPress. La sua scheda “Usato” mostra anche dove (es. quali post) e come (es. contenuto, immagine in primo piano) vengono utilizzati specifici file multimediali nel sito. Questa caratteristica da sola lo rende utile per me.

Un’area in cui Media Cleaner brilla è la sua opzione per ignorare (non eliminare) i media allegati. Questa è una caratteristica fondamentale se gli utenti hanno mai aggiunto il vecchio gallery codice corto. Ad un certo punto, WordPress ha semplicemente visualizzato tutte le immagini allegate come una galleria. Alla fine, ha specificato gli ID nello shortcode. Tuttavia, per quei casi più vecchi, questo non era il caso. Senza abilitare questa opzione, questi elementi multimediali potrebbero essere messi in coda per l’eliminazione.

Il plug-in Rimuovi media inutilizzati non dispone di tale opzione. Le immagini allegate non esplicitamente utilizzate sono considerate non utilizzate. Questo potrebbe non essere un problema per la maggior parte degli utenti, ma quelli con i vecchi shortcode della galleria dovrebbero essere consapevoli dei potenziali problemi.

Le caratteristiche di base per entrambi sono simili. Rimuovi supporti inutilizzati ottiene il vantaggio nell’interfaccia utente e nell’esperienza predefinite. Tuttavia, Media Cleaner ha molte più opzioni per personalizzare il funzionamento del plug-in. Inoltre, gli utenti che non possono permettersi un aggiornamento possono sempre eseguire la versione gratuita.

Questo non vuol dire che sia meglio o peggio dell’altro. Entrambe erano opzioni solide nei miei test. Voglio solo unire le migliori funzionalità di ciascuna, agganciando l’interfaccia da Rimuovi supporti inutilizzati e la configurabilità di Media Cleaner.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.