Il team dei temi di WordPress.org ha annunciato una discussione aperta e una data per un incontro Zoom con gli autori del tema. Il team propone una nuova serie di linee guida che riduce e semplifica ciò che è attualmente in atto. I commenti sulla proposta sono aperti fino al 26 luglio e l’incontro è fissato per il 28 luglio alle 14:00 CET.

Questo è il prossimo passo in un piano in corso per rinnovare il sistema di revisione e rendere più facile per la comunità di WordPress l’invio di temi. Viene dopo mesi di attesa per vedere i risultati delle discussioni precedenti dispiegarsi.

A gennaio, lo stato del sistema di revisione dei temi sembrava aver raggiunto un bivio. Il Themes Team, un gruppo di guardiani che sovrintende agli invii alla directory dei temi ufficiale di WordPress.org, ha fatto passi da gigante negli ultimi due anni. I suoi membri avevano ripulito la maggior parte dell’arretrato di invio, ma avevano ancora molto lavoro da fare per appianare il processo di revisione. Nel complesso, una serie di miglioramenti incrementali sembrava funzionare in quel momento, anche se lentamente.

Quindi, il capo del progetto WordPress Matt Mullenweg ha sganciato una bomba tramite Post Status Slack:

La directory dei temi .org è particolarmente negativa quando la si confronta con qualsiasi pagina di marketing di temi commerciali semidecente, o con i progetti disponibili su altri servizi di creazione di siti o directory di Themeforest. Le regole della directory dei temi .org e il meccanismo di aggiornamento hanno scacciato i contributi creativi, è in gran parte affollato da contributi motivati ​​dall’upsell.

Era una discussione secolare sul fatto che le linee guida per la revisione del tema fossero una barriera troppo alta per l’ingresso nella directory.

Gli utenti di WordPress si stavano perdendo i temi migliori perché gli autori di temi più innovativi non stavano giocando nella sandbox .ORG? Se sì, le regole li stavano allontanando?

Nessuno può sapere se un’atmosfera più indulgente e libera da tutti avrebbe scatenato una montagna di creatività parallela o migliore dei produttori di temi commerciali. Ma, forse, se il team aprisse le cose, metterebbe alla prova la teoria.

Quel post iniziale ha portato a una serie di discussioni e a decisione di rivedere il sistema. Tuttavia, il Themes Team avrebbe bisogno dell’aiuto del Meta Team per implementare una maggiore automazione del suo lavoro sporco, come la sicurezza e altri controlli del codice. Dietro le quinte, pezzi di quel sistema sono stati messi in atto nei mesi successivi.

Linee guida Proposta e domande

La rappresentante del Themes Team, Carolina Nymark, ha elencato una serie di 13 linee guida generali, ognuna con le proprie linee guida secondarie. La proposta semplifica notevolmente le attuali regole per la presentazione nell’elenco.

Chiede agli autori del tema di rivedere la proposta e rispondere alle seguenti domande nei commenti prima dell’incontro:

  • I requisiti aggiornati semplificheranno l’invio dei temi?
    – Se no, cosa ti rende difficile inviare i temi?
  • I requisiti aggiornati renderanno più semplice la revisione dei temi inviati?
    – Se no, cosa ti rende difficile rivedere i temi?
  • Ci sono requisiti che devono essere rimossi e perché?
  • C’è qualcosa nell’elenco dei requisiti che non è chiaro? Descrivi il problema.
  • È possibile migliorare la formattazione della pagina per facilitarne la lettura?

L’attuale proposta è più ampia dell’elenco ristretto di guardrails Il direttore esecutivo di WordPress Josepha Haden Chomphosy menzionato in un post che illustrava i passaggi successivi. La maggior parte di questi non erano intesi come bloccanti per la presentazione.

“Piuttosto dovremmo usare l’elenco per contrassegnare i temi che hanno/non hanno ogni cosa e mostrarli nei risultati di conseguenza”, ha scritto. “Probabilmente eccezioni a ciò sarebbero una licenza adeguata, l’adesione all’uso corretto del marchio e il divieto di pornografia infantile o altre immagini di chiunque non sia in grado di fornire il consenso”.

L’obiettivo era mettere più responsabilità nelle mani degli utenti, concedendo loro i privilegi per dire se un tema funzionava o meno. Questo richiederebbe molto lavoro alle spalle del team di revisione.

Un’altra parte della proposta originale era quella di contrassegnare i temi con “tag di qualità” che andavano oltre la linea di base per l’approvazione. Ad esempio, l’internazionalizzazione (i18n) e l’accessibilità (A11Y) sono elementi che non impediscono a un tema di theme tecnicamente Lavorando. Invece di imporre questi requisiti, i temi verrebbero semplicemente etichettati se soddisfano tali standard.

Presumibilmente, ci sarebbero incentivi per intraprendere quei passaggi extra per gli autori di temi, come classifiche di ricerca più elevate, la possibilità di essere presenti e altro ancora. Non è che gli standard i18n e A11Y non siano importanti, ma a volte sono degli ostacoli per gli autori alle prime armi. E rientrano sicuramente nella gamma di cose per cui gli utenti finali possono ancorare i temi nelle valutazioni.

Molti prenderanno una posizione dura su i18n e A11Y, ma sono solo esempi. Una linea guida meno controversa potrebbe essere quella che propone che i temi possano solo consigliare plugin ospitati direttamente su WordPress.org. Perché dovrebbe essere un blocco per l’inclusione nella directory? Alcuni diranno che non c’è una buona ragione per questo dato che i temi non possono comunque installare plugin. Non ci sono problemi tecnici nel consentire tali raccomandazioni.

Sono questi tipi di regole che hanno afflitto il processo di revisione del tema nel corso degli anni. Spesso sposta le discussioni in un territorio ideologico di cui la maggior parte degli utenti non si preoccupa. Vogliono solo temi che funzionino.

Secondo la nuova proposta, il passaggio a blocchi al 100% ridurrebbe ulteriormente i requisiti per gli sviluppatori. Attualmente, i temi classici hanno un elenco più ampio di regole a cui devono aderire. Molti di questi non sono necessari per i temi dei blocchi, essenzialmente riducendo tutto all’inclusione di alcuni file richiesti. La maggior parte di questi può e dovrebbe essere automatizzata a lungo termine poiché sono necessari per un tema funzionante.

In questo momento, le 13 linee guida (e le loro linee guida secondarie) sono solo una proposta. Gli autori del tema hanno una voce, ma devono usarla. Come spesso accade, le decisioni vengono prese da chi si presenta. Troppo spesso la squadra grida a vuoto, in attesa di una risposta che raramente arriva.

Per gli autori di temi che sono investiti nel futuro della directory dei temi di WordPress, quell’incontro del 28 luglio è un non può mancare opportunità. Anche le prime risposte tramite i commenti a quel post aiuteranno a modellare la conversazione.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.