All’interno di una TV Vizio – Modello V435-J01 – credito fotografico: Software Freedom Conservancy

La tutela della libertà del software annunciato che sta facendo causa a Vizio, un produttore televisivo americano, per quelli che sostiene essere “ripetuti fallimenti nel soddisfare anche i requisiti di base della General Public License (GPL).”

IlL’organizzazione di beneficenza 501(c)(3) è un’organizzazione no-profit che fornisce supporto infrastrutturale per progetti software gratuiti e open source, difendendo i diritti degli utenti sotto licenze copyleft e GPL. Alcuni dei suoi progetti membri includono BusyBox, Git, Homebrew, OpenWrt e phpMyAdmin. Come parte della sua missione, la Conservancy assiste i progetti dei membri nell’applicazione dei termini delle licenze FLOSS, anche attraverso contenziosi.

La Software Freedom Conservancy sostiene cheI prodotti TV di Vizio contengono software con licenze copyleft, ma la società si è rifiutata di fornire il codice sorgente dopo numerosi tentativi di contatto dal 2018. Inoltre, Vizio non ha informato i propri clienti sui diritti inclusi con il software che stava raggruppando.

“Abbiamo presentato una denuncia come acquirente di televisori per difendere il copyleft”, ha affermato il direttore esecutivo di Software Freedom Conservancy Karen Sandler. “Non c’era nessuna fonte o offerta per la fonte anche dopo aver lavorato con loro per molto tempo su prodotti più vecchi. Copyleft può aiutarci a prendere il controllo della nostra tecnologia in modo significativo, è un enorme vantaggio per i consumatori”.

In una nuova svolta sull’applicazione della GPL, l’organizzazione sta presentando questa causa per conto dei singoli consumatori, in contrasto con il percorso tradizionale di difendere i detentori del copyright del codice GPL in questione.

La Software Freedom Conservancy sostiene che la presunta non conformità di Vizio impedisce ai consumatori di riparare i propri dispositivi, migliorarli e controllarli, oltre a limitare la sorveglianza e gli annunci tramite modifiche. Il testo completo della denuncia include esempi di come i consumatori potrebbero trarre vantaggio dall’accesso al codice sorgente:

È improbabile che Vizio implementi unilateralmente funzionalità che impediscono la raccolta di tali dati dell’utente, poiché tali dati dell’utente sono preziosi per Vizio. L’accesso al codice sorgente del kernel Linux, agli altri programmi SmartCast in questione e ai programmi di collegamento alla libreria, utilizzati sulle smart TV Vizio, consentirebbe agli sviluppatori di software di preservare funzionalità utili ma obsolete. Consentirebbe inoltre agli sviluppatori di software di mantenere e aggiornare il sistema operativo qualora Vizio o il suo successore decidessero di abbandonarlo o cessare l’attività. In questo modo, gli acquirenti delle smart TV Vizio possono essere certi che i loro dispositivi non soffriranno di obsolescenza indotta dal software, pianificata o meno.

Nell’annuncio della causa da parte dell’organizzazione, Sandler ha evidenziato l’impatto ambientale del negare ai consumatori l’accesso al codice.

“Le carenze della catena di approvvigionamento globale che hanno colpito tutto, dalle automobili all’elettronica di consumo, sottolineano uno dei motivi per cui è importante essere in grado di riparare i prodotti che già possediamo”, afferma Sandler. “Anche senza le sfide della catena di approvvigionamento, l’obsolescenza forzata di dispositivi come i televisori non è nel migliore interesse del consumatore o persino del pianeta. Questo è un altro aspetto di ciò che intendiamo per “tecnologia etica”. Buttare via un televisore perché il suo software non è più supportato dal produttore non è solo uno spreco, ma ha conseguenze ambientali disastrose. I consumatori dovrebbero avere un maggiore controllo su questo, e lo farebbero se aziende come Vizio rispettassero le regole”.

La denuncia sostiene che Vizio viola la GPLv2 e la LGPLv2.1 ogni volta che distribuisce una smart TV senza il codice sorgente o un’offerta scritta per fornirlo. Afferma che nessuna delle smart TV che Vizio ha introdotto nel mercato statunitense negli ultimi quattro anni è stata accompagnata dal codice sorgente.

I leader open source delle organizzazioni affiliate hanno commentato l’approccio unico di questa causa, in cui la Conservancy agisce per conto dei consumatori come querelante, invece di prevalere sul detentore del copyright per difendere i propri utenti. La denuncia afferma:

Nessun altro oltre all’acquirente ha sia le informazioni che il motivo per far rispettare la disposizione del codice sorgente. Gli acquirenti sapranno se la fornitura del codice sorgente è stata rispettata e desiderano esaminare e sviluppare ulteriormente il codice sorgente corrispondente.

“Se questo approccio basato sui diritti dei consumatori avrà successo, la scusa principale per l’assegnazione dei diritti d’autore a organizzazioni come la FSF scomparirà e potremo trattare inequivocabilmente un CLA come un campanello d’allarme”, ha affermato Simon Phipps, direttore dell’Open Source Initiative per gli standard e la politica.

La denuncia afferma che “l’attore e gli altri membri della classe di persone destinate a beneficiare della GPLv2 e della LGPLv2.1 sono stati danneggiati in misura non facilmente determinabile”. Il presunto di Viziola non conformità ha effettivamente limitato per anni il potenziale di miglioramento del codice sorgente da parte dei consumatori. Ha anche derubato i consumatori del controllo della loro elettronica e dato a Vizio un vantaggio sleale che protegge i loro interessi aziendali a scapito delle libertà degli utenti. La Conservancy non chiede un importo esatto per i danni, ma piuttosto lo lascia al giudizio del tribunale.

“Questa causa ha il potenziale per responsabilizzare molti consumatori, cambiando radicalmente il panorama della tecnologia di consumo”,Lo ha affermato il direttore esecutivo dell’Open Source Initiative Stefano Maffulli.

Il caso della Conservancy sarà importante da tenere d’occhio, poiché la sua decisione potrebbe costituire un precedente per l’applicazione della GPL in futuro. Se non altro, dovrebbe segnalare alle aziende che beneficiano del codice con licenza GPL che devono rispettare anche i diritti dei consumatori. Se i consumatori sono i beneficiari terzi previsti del contratto di licenza, hanno diritto al codice sorgente.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.