La scorsa settimana, nella sua sezione notizie, The Next Web ha pubblicato quello che potrebbe essere descritto solo come un pezzo di successo: Gli sviluppatori odiano WordPress, e così dovrebbero fare i marketer. L’affermazione era che, nonostante la sua attuale quota di mercato del 40%, la gente dovrebbe iniziare a cercare alternative per un’esperienza migliore.

Il primo sviluppatore intervistato per questo pezzo è stato il CEO di Storyblok, Dominik Angerer. Storyblok è un CMS headless, un concorrente di WordPress.

La seconda persona intervistata per l’articolo è stata Doeke Leeuwis, fondatore e direttore tecnico di Story of AMS. L’agenzia si concentra sull’eCommerce senza testa. Qual è una delle tre piattaforme che utilizza? Se avessi indovinato Storyblok, avresti capito bene. Punti bonus se avevi previsto che fosse elencato per primo dei tre nel loro materiale di marketing.

Il terzo sviluppatore intervistato è stato Mitchel van Bever, che lavora anche per Story of AMS. L’azienda è stata descritta più volte sul blog Storyblock ed è un caso di studio in primo piano.

Stai già iniziando a vedere uno schema?

Se leggi il resto dell’articolo, noterai che il post è stato sponsorizzato da Storyblok. Almeno sono stati onesti su questo.

In qualche modo credo che la maggior parte dei lettori avrebbe saltato l’articolo se fosse stato pubblicato prima del contenuto.

È facile trovare sviluppatori a cui non piace WordPress. Ma perdi credibilità quando scrivi un pezzo che presenta intervistati che sponsorizzano direttamente o beneficiano della storia.

Il fulcro dell’intera storia era imperniato sul 2019 e 2020 Stack Overflow sondaggio annuale per gli sviluppatori. C’è molto da carpire dai dati forniti da oltre 65.000 lavoratori sul campo. Tuttavia, l’articolo si è concentrato solo su un singolo punto: WordPress è stato votato il linguaggio o la tecnologia più temuto al 67% nell’ultimo anno. Tutto il resto era incentrato su ciò che avevano da dire quelli con un interesse acquisito in Storyblok.

Potremmo parlare di scalabilità, ma con WordPress.com come ottimo esempio di esecuzione del software WordPress su larga scala, ne abbiamo davvero bisogno?

Potremmo parlare di flessibilità, ma quando WordPress ha più plug-in di terze parti gratuiti (59.000+) rispetto a Storyblok ha in totale siti web live (500+ secondo BuiltWith), vale davvero la pena di approfondire?

Come scrittore nella sfera di WordPress, potresti pensare che io sia completamente di parte. Questo è almeno in parte vero. Tuttavia, ho lavorato con più sistemi. Laravel è uno dei miei preferiti, ma la sua splendida architettura non sempre si traduce in un lavoro rapido come WordPress. Ho aiutato amici e familiari a lanciare progetti su diversi servizi non WordPress. Tutto dipende da quale sia lo strumento migliore per il lavoro.

Ho persino creato il mio CMS personalizzato per il mio blog personale. Mi sentivo come se WordPress fosse eccessivo per quello di cui avevo bisogno. Va bene utilizzare un altro strumento anche quando in genere si preferisce lavorare con qualcos’altro. Il mio sistema di blog personalizzato è stato creato apposta per me, ma ora funziona su due siti web. Ho avuto un altro amico sviluppatore abbastanza pazzo da provarlo.

Il mio amore per WordPress non è assoluto. Non è incondizionato.

Ma lo amo ancora. Ci sono migliaia di altri a cui piace lavorare con esso, e questi sviluppatori sono più propensi a dirti cosa sta succedendo effettivo problemi con la piattaforma sono. Possiamo criticarlo onestamente perché siamo in trincea, lavorando con la piattaforma ogni giorno. Sappiamo che non è sempre l’esperienza di programmazione ideale. Sappiamo che ha un bagaglio di eredità. Nonostante le sue verruche, abbiamo costruito qualcosa che la maggior parte degli altri sogna solo di fare. Abbiamo creato una vasta comunità.

Se pensassi che tutto dipendesse da chi aveva il codice più brillante, ti sbaglieresti.

Si tratta di concorrenti aziendali disposti a comunicare e persino ad aiutare gli altri nel loro spazio.

Si tratta di Cinque per il futuro, un programma in cui le aziende legate a WordPress contribuiscono al software libero.

Si tratta di Forum di assistenza volontari che danno una mano.

Riguarda le centinaia di persone sul Crea WordPress team che contribuiscono a vari aspetti del progetto, dalle revisioni del codice alle traduzioni.

Si tratta di condividere un drink con un amico di anni che hai appena incontrato IRL per la prima volta in a WordCamp, anche se per lo più virtuale negli ultimi due anni.

Si tratta di podcast che le persone producono per amore della piattaforma e dei suoi progetti circostanti.

Si tratta di lasciare il tuo lavoro dalle nove alle cinque per avviare una nuova attività come sviluppatore di plug-in.

Si tratta di prendere parte a un movimento che ha permesso a milioni di persone di pubblicare sul web.

No, non tutti gli sviluppatori che partecipano al sondaggio annuale Stack Overflow amano WordPress. La maggior parte di loro potrebbe temere di lavorare con la piattaforma e questa tendenza potrebbe benissimo continuare. Quello che abbiamo è più grande. WordPress è la sua comunità.

Sembra solo un altro pezzo di successo da un WordPress concorrente come abbiamo visto prima. Almeno alcuni dei video di Wix erano divertenti (dai, sai che hai riso almeno uno o due di loro), e gente ho ricevuto le cuffie gratis dall’affare. Questo post sponsorizzato da Storyblok lascia solo un sapore amaro.

Come mia nonna – probabilmente la nonna di tutti – diceva: “Con il miele prendi più mosche”. Questa è stata un’opportunità per vendere ai potenziali utenti le funzionalità di Storyblok. Forse colpire i concorrenti porta traffico, ma dubito che porti benevolenza o benefici a lungo termine.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.