E se gli sviluppatori di WordPress vivessero in un mondo in cui potessimo creare modelli basati su PHP che emettessero dati sul front-end e gestissero campi modificabili tramite l’editor di blocchi? Oppure avevamo un sistema in cui potevamo creare blocchi senza una fase di costruzione?

Sebbene ci siano molte ragioni per cui il moderno editor di WordPress non è ancora la soluzione migliore per tutti, un ostacolo è stato la creazione di componenti di interfaccia personalizzati. L’ecosistema ha una lunga storia nella creazione di soluzioni su misura per i clienti che utilizzano PHP. Questi sono stati meta box personalizzati e campi modulo nella classica schermata dell’editor per la maggior parte. Quando WordPress 5.0 è stato lanciato con il suo editor di blocchi, ha capovolto il mondo, lasciando spesso agenzie e liberi professionisti senza modo di andare avanti senza dedicare enormi risorse all’apprendimento di React per costruire blocchi o interagire con la nuova schermata di modifica.

La soluzione? Attieniti a ciò che sai. Era più economico e sembrava già fare bene il lavoro.

Mentre parliamo di finestra di supporto per l’editor classico plugin, il progetto WordPress ha bisogno che le persone forniscano strumenti per questo segmento dell’ecosistema se mai ha intenzione di portarli con sé per il viaggio. Soluzioni come ACF Pro e Genesis Custom Blocks hanno colmato alcune delle lacune tecniche. Tuttavia, l’esperienza utente può essere sub-par quando si utilizza il rendering lato server nell’editor di blocchi. Questo metodo funziona bene per alcuni tipi di blocchi ma non per tutti. Dobbiamo fare un passo in più.

Mark Jaquith, uno sviluppatore capo di WordPress, ha condiviso alcune domande di Helen Hou-Sandí, un altro sviluppatore capo, su questa idea e un concetto di base su come potrebbe essere?:

Hou-Sandí ha seguito questo con a post dettagliato sul concept, ma ha sottolineato che questa è solo una fase esplorativa.

“L’editor di blocchi WordPress basato su React (a volte indicato come Gutenberg) è un potente strumento per l’editing WYSIWYG che continua a dimostrarsi a metà tra un dosso e un ostacolo per gli sviluppatori WordPress di lunga data che storicamente sono stati più incentrati su PHP “, ha scritto nel post.

Se sei uno sviluppatore di WordPress, c’è una possibilità non così piccola che tu stia pensando, Sì, ho incontrato alcuni di quei dossi e mi sono schiantato contro quel posto di blocco alcune volte. Questa è una notizia improbabile per te. Ciò che potrebbe iniziare a conquistare cuori e menti è riconoscere e capire dove risiede gran parte del problema per lo sviluppo personalizzato.

“Sfruttando le parti familiari dei modelli basati su PHP e creando un ponte che dimostri la potenza di React quando combinato con il markup e lo stile già realizzati per il front-end, possiamo deduplicare il codice, aiutare a demistificare il ruolo fondamentale di JavaScript nella modernizzazione di WordPress e fungere da rampa per gli sviluppatori incentrati su PHP per creare esperienze di editing di anteprima live 1:1 avvincenti e deliziose”, ha scritto Hou-Sandí.

Tutto questo si riduce, essenzialmente, al processo di scrittura di un codice modello che funzioni sia sul front-end che sull’editor senza tutte le complessità dell’impostazione e dei blocchi predefiniti. Questa è una prospettiva entusiasmante, evidenziata dai numerosi Mi piace, retweet e risposte al tweet di Jaquith.

Hou-Sandí ha sottolineato che l’attuale processo di pensiero riguarda principalmente l’agevolazione della transizione verso soluzioni di blocco client personalizzate e non necessariamente per WordPress stesso. Tuttavia, ciò non significa che questa o una soluzione simile potrebbe non far parte del futuro della piattaforma principale.

Responsabile del progetto Gutenberg Matías Ventura ha risposto a Ben Gillbanks nello stesso thread di Twitter che era sicuramente qualcosa che stavano prendendo in considerazione. “Dal punto di vista principale, dovevamo garantire che le primitive e l’interattività non fossero compromesse, ma non c’è motivo per cui ciò dovrebbe implicare una toolchain JS completa per i blocchi più semplici. È importante abbassare la barriera di ingresso”.

Come molti altri, Gillbanks pensava che un tale sistema avrebbe facilitato la transizione per gli sviluppatori incentrati su PHP dall’inizio. Tuttavia, il progetto non era ancora pronto per questo in quel momento, secondo Ventura.

“È difficile fare qualcosa di simile dall’inizio fino a quando le API di destinazione della compilazione non sono abbastanza robuste”, ha twittato. “Stiamo arrivando a un punto in cui molte delle proprietà interattive sono raggruppate in primitive e componenti, il che rende più interessante l’approccio basato sui modelli”.

Lo sviluppatore di Automattic Riad Benguella ha condiviso una soluzione simile la scorsa settimana, lanciando il Progetto a blocchi su GitHub. Con il suo approccio, gli sviluppatori utilizzano il block.json file per creare il modello o visualizzare il componente ed eseguirlo attraverso un semplice passaggio di compilazione per generare il codice del blocco.

Anche se non è troppo presto per sperare e sognare, potrebbe essere un po’ prematuro iniziare a considerare seriamente se tali strumenti arriveranno nel core di WordPress. Tuttavia, vedere alcuni dei principali sviluppatori di WordPress e Gutenberg parlare apertamente di soluzioni è qualcosa a cui vale la pena prestare attenzione.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.