La settimana scorsa io pubblicato un pezzo di opinione sulla barriera all’ingresso nell’era moderna di WordPress. L’articolo è seguito a tweet e inviare di Chris Wiegman che affermava che l’attuale curva di apprendimento era estremamente alta, indipendentemente dall’esperienza passata. I membri della community hanno risposto con una raffica di articoli, podcast e video.

Poiché il WordPress moderno è principalmente incentrato su Gutenberg, ho contattato il capo del progetto, Matías Ventura. L’obiettivo era quello di portare un po’ di equilibrio alla discussione. Sfortunatamente, non è riuscito a rispondermi fino a pochi giorni dopo la pubblicazione della storia. Tuttavia, data la sua visione e prospettiva uniche sul progetto, le sue opinioni dovrebbero essere condivise.

Nella nostra discussione, abbiamo trattato il tema della barriera all’ingresso da più punti di vista. A seconda di dove uno specifico sviluppatore, designer o utente sale sulla rampa, ognuno avrà un’esperienza diversa.

Perché stiamo avendo le stesse discussioni?

L’editor di blocchi è stato distribuito con WordPress 5.0 a dicembre 2018. Ci stiamo avvicinando a tre anni, ma spesso sembra che stiamo avendo le stesse discussioni. C’è da chiedersi perché non siamo ancora andati oltre quel punto.

“Penso che questo sia un caso delle dimensioni della community di WordPress, della sua diversità di prospettive e del fatto che abbiamo ancora molto lavoro da fare per continuare a rendere le cose accessibili”, ha affermato Ventura. “Ho visto persone che iniziano senza alcuna conoscenza preliminare del WP volare molto velocemente.”

Ha raccontato una storia di una popolare libreria di blocchi lanciata l’anno scorso. I creatori erano designer ma non si riconoscevano come sviluppatori. Tuttavia, le API hanno permesso loro di creare un intero plug-in che non sarebbe stato possibile con il loro precedente set di competenze.

“Per me, questo è stato un trionfo delle API di blocco disponibili per i costruttori”, ha affermato Ventura. “Ma questa è solo la prospettiva di una persona. Non invalida gli sviluppatori PHP che esprimono frustrazione per la complessità dei moderni strumenti front-end.

Creazione del tema e nuove rampe

Sul fronte della creazione del tema, eravamo d’accordo. Ci sono nuovi modi (e altri in arrivo) per i non sviluppatori per facilitare la creazione visiva di varie parti di un sito Web senza bisogno dell’intero peso della conoscenza dello sviluppo del tema.

Ventura ha iniziato il suo viaggio in WordPress con lo sviluppo di temi dopo essere stato esposto per la prima volta a Flash nei primi anni 2000. Ha ricordato di aver scaricato un sacco di file PHP e ha pensato di poterli eseguire aprendoli. È sicuro dire che ha imparato molto da allora.

“Essere in grado di modificare parti di un tema è un aspetto cruciale della democratizzazione dell’accesso al codice”, ha affermato. “Penso che vedremo molte persone iniziare ad immergersi nel modo in cui funzionano i modelli. O giocando con il blocco Query, che era un pezzo nascosto a meno che tu non conoscessi già un po’ di PHP.”

Ha detto che, in qualche modo, questo aspetto dell’editor di blocchi ha permesso ai creatori solisti o ai piccoli team di creare progetti unici, indicando Aino come esempio.

“Sto vedendo un sacco di designer per i quali contribuire a WordPress è stato difficile o un’esperienza chiusa”, ha detto. “C’è un sacco di diritto degli sviluppatori quando diciamo che le cose una volta erano facili. Non sono stati facili per una larga fetta della popolazione che avrebbe potuto essere un eccellente contributore se ci fossero state più strade per contribuire”.

Modelli potrebbe essere il primo trampolino di lancio ufficiale, una strada tra le tante che WordPress potrebbe facilitare in futuro. Ventura immagina un possibile generatore di temi visivi ospitato da .ORG che consentirebbe agli utenti di creare e pubblicare senza mai toccare il codice. Probabilmente ci vorranno anni prima che un progetto del genere si concretizzi, ma obiettivi ambiziosi possono portare a idee innovative a cui dobbiamo ancora pensare.

Plugin per blocchi predefiniti

I plugin di blocco sono una bestia diversa dai temi. La barriera è senza dubbio più alta, ma quanto è grande questo ostacolo per gli sviluppatori WordPress tradizionali?

“Passare dal contributo di un modello alla costruzione di un blocco è un grande salto in questo momento”, ha affermato Ventura. “Anche se ci sono persone che possono impararlo rapidamente, è ancora una grande barriera per le persone. Penso che ci siano diversi livelli in questo: la documentazione potrebbe essere un ordine di grandezza migliore sia nell’organizzazione che nella presentazione. Spero che possiamo fare molto di più lì”.

È anche curioso degli strumenti per la costruzione di blocchi, come una miscela di BlockBook e CodicePen. Ha riflettuto sulla possibilità di blocchi utilizzati per creare altri blocchi, uno scenario in cui gli sviluppatori potrebbero aver solo bisogno di scrivere HTML con lo strumento che interpreta le funzionalità come i campi Rich Text. Per lo meno, crede che stiamo a malapena grattando la superficie di ciò che potrebbe essere l’esperienza di costruzione di blocchi.

“La sfida più grande è che c’è una tendenza nelle persone addestrate a PHP a trascurare un po’ le implicazioni sulla UX se ciò significa che l’esperienza degli sviluppatori è più semplice”, ha affermato. “Penso che questo sia più visibile nell’approccio shortcode/forms alla UX rispetto alla manipolazione diretta, che è difficile da codificare da un set di API PHP.”

Contributo WordPress/Gutenberg e il fattore bus

Al di fuori della creazione di temi o plugin, il terzo e probabilmente il più alto livello di partecipazione all’ecosistema di sviluppo di WordPress sono i contributi diretti al sistema di blocchi. Contribuire al core è più difficile oggi rispetto a pochi anni fa?

“Penso che questo sia un buon punto, ma penso che manchi parzialmente il contributo agli interni di WP come WP_Query è stato anche molto difficile”, ha detto. “Ci siamo appena abituati. Abbiamo ricevuto più contributi a Gutenberg dalle persone di quelli che ho visto a Trac nei miei anni lì”.

Ventura ha ammesso che GitHub potrebbe essere un fattore nella quantità di contributo, che molti sviluppatori tendono a favorire rispetto a Trac.

Sebbene la creazione di un editor sia un compito difficile e richieda determinati livelli di esperienza, altre parti del sistema, come la libreria dei componenti o pacchetti più piccoli, potrebbero offrire percorsi alternativi per coinvolgere alcune persone.

“A parte questo, sono d’accordo che c’è anche un livello più alto di aspettative su ciò che il software dovrebbe essere in grado di fare in questi giorni, il che rende il contributo significativo un compito più difficile di prima”, ha affermato.

Storicamente, altre parti di WordPress che si basavano sul modello JavaScript, come la libreria multimediale, non hanno avuto alti livelli di contributo.

“Non credo che questo sia un argomento che esauriremo presto, ed è importante non compiacersi e dire semplicemente ‘oh le cose sono solo difficili’ perché una parte importante del progetto WP essendo open source è che gli utenti possono modificare detto software e, per questo, devono capirlo”, ha affermato. “Penso che possiamo introdurre una nuova generazione di persone alla programmazione se facciamo le cose per bene e lavoriamo di più insieme.

L’aspetto secondario di questo è se esiste un fattore bus per WordPress. Se sì, qual è il numero? Questa è una domanda comune sui software tecnicamente più complessi. Se un numero X di contributori con la conoscenza richiesta dei pezzi più complessi di un progetto venisse investito da un autobus (scusate per le immagini cupe), lo sviluppo si fermerebbe?

Non è qualcosa di cui si discute spesso nei circoli di WordPress perché non è mai sembrato essere un problema. Tuttavia, se il contributo al core comporta una barriera all’ingresso troppo alta, c’è un numero in cui il progetto non può continuare?

“Penso che, in un certo senso, sia più sostenibile ora”, ha affermato Ventura. “Siamo stati molto più aperti con i permessi di contributo sul repository Gutenberg, e questo ha portato a un maggior numero di persone che contribuiscono. Penso che potremmo vedere una spaccatura tra i contributori che sono a loro agio con il lato back-end di WP e quelli che sono più a loro agio con i pezzi interattivi.

Una cosa che il team non aveva del tutto anticipato era l’uso di Gutenberg in progetti al di fuori di WordPress. Questo può aggiungere al suo fattore di sostenibilità. Ha indicato che l’app mobile di WordPress è un esempio in cui altri possono contribuire in modo significativo. E altre app mobili vogliono usarlo per i loro strumenti. In Automattic, dove è impiegato Ventura, stanno anche lavorando all’adozione di tecnologie di editor per Tumblr.

“Penso che un argomento di discussione più ampio, in generale, sia che contribuire in modo significativo al WP sia diventato il privilegio di coloro che sono stati sponsorizzati per lavorarci a tempo pieno”, ha affermato. “Penso che sia in qualche modo naturale, ma anche un po’ una tragedia”.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.