Warning: sprintf(): Too few arguments in /var/www/vhosts/serrasimone.it/httpdocs/wp-content/plugins/wpseo-local/src/presenters/geo/position-presenter.php on line 33
Web development tutorial
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

Web 3.0 e il futuro dello sviluppo Web

Tempo di lettura: 4 minuti

Da quando Internet ha fatto irruzione per la prima volta sulla scena alla fine degli anni ’80 e ’90, ha subito un paio di cambiamenti significativi, racchiusi nel Web 1.0 e 2.0. Ora stiamo entrando nella terza versione del Web nota come Web semantico o Web 3.0. In questo tutorial sullo sviluppo web, esploreremo cosa significa per gli sviluppatori web e come cambierà per sempre il gioco.

Leggi: Strumenti di gestione dei progetti per sviluppatori Web

Che cos’è il Web 3.0 e in che cosa differisce dai suoi predecessori?

Il Web 1.0 è arrivato a definire la prima versione di Internet così come è emersa dalle sue origini Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa (DARPA). La prima Internet era composta principalmente da pagine Web unite da collegamenti ipertestuali, senza gli elementi visivi, i controlli e i moduli aggiuntivi che vediamo oggi. Gli esperti lo chiamano web “di sola lettura” perché non era interattivo in alcun senso significativo. L’utente web era, per la maggior parte, un osservatore passivo e gran parte dei dati immessi veniva immessa offline.

Il punto esatto in cui finisce il Web 1.0 e inizia il Web 2.0 non può essere definito chiaramente poiché si tratta di un cambiamento avvenuto gradualmente nel tempo man mano che Internet diventava lentamente più interattivo. Il Web 2.0 ci ha spostato da un Internet di sola lettura a quello che gli esperti chiamerebbero Internet di “lettura/scrittura”. Improvvisamente, gli utenti hanno potuto inserire una serie di informazioni nei campi dei moduli e rispedirle ai server, in modo da poter comunicare con loro in tempo reale.

L’impulso a questi cambiamenti è stato in gran parte favorito da grandi aziende come Amazon, Facebook e Google. Nel corso del tempo, i grandi colossi della tecnologia hanno iniziato a esercitare molta influenza sul Web, che alla fine ha portato al difetto fondamentale del Web 2.0, che è la centralizzazione. Quindi, cosa c’è di sbagliato in un Internet centralizzato? Molte cose, in realtà, la principale è che le aziende che utilizzano un’architettura centralizzata tendono ad avere i propri data center. Ciò comporta alcuni seri problemi di sicurezza e privacy poiché un solo incidente o incidente di hacking può comportare la perdita o la violazione di milioni di dati personali di utenti.

I fautori del web 3.0 stanno inaugurando una nuova architettura incentrata sul decentramento. Sperano di rimediare ad alcuni dei difetti associati al web 2.0, come la privacy e l’identità, utilizzando la tecnologia blockchain. Alcuni degli attributi principali del web 3.0 includono:

  • Decentralizzato: le app sviluppate nel Web 2.0 sono state in gran parte create e distribuite su un unico server e i dati sono stati spesso archiviati in un unico database ospitato dall’organizzazione o da una società di provider di servizi cloud. Nel frattempo, è probabile che le app Web 3.0 siano basate su reti decentralizzate che operano attraverso un gran numero di server peer-to-peer.
  • Aprire: promuove lo sviluppo open source da parte di comunità di sviluppatori.
  • Senza fiducia: abilita interazioni di rete pubbliche e private senza alcun problema di fiducia o coinvolgimento da una fonte di terze parti attendibile. Una rete “trustless” è quella in cui gli utenti possono fare affidamento sulle prestazioni e sull’output della rete senza avere requisiti rigorosi per fidarsi di chiunque altro non sia coinvolto nella transazione corrente.
  • Senza autorizzazione: Consentire agli utenti e alle aziende di partecipare a progetti pubblici o privati ​​senza il coinvolgimento di organi di governo, facilitando così il trasferimento sicuro e flessibile delle informazioni.

Leggi: Come ottimizzare le prestazioni del tuo sito web

Adattarsi al Nuovo Paradigma nel Web 3.0

Mentre ci muoviamo tutti verso un mondo decentralizzato, è imperativo che gli sviluppatori allineino le proprie pratiche di codifica con il Web 3.0. Con questo in mente, ecco un paio di punti da cui iniziare:

Caratteristiche dell’identità

Uno degli aspetti problematici del Web 2.0 è che gli utenti devono definire la propria identità utilizzando e-mail e password. Questa pratica rende fin troppo facile la perdita di informazioni e la necessità di aggiornamenti frequenti per mantenere la sicurezza. Con Web 3.0, l’ID dell’utente o l’indirizzo del portafoglio è completamente anonimo a meno che non scelga di condividere pubblicamente la propria identità.

Ciò richiederebbe l’uso di protocolli di identità come Ceramic o IDX per aggirare i livelli di identità e l’autenticazione convenzionale, consentendo in effetti l’identificazione del sovrano. Pertanto, gli sviluppatori dovrebbero concentrare i loro sforzi sull’evoluzione di un approccio che superi i problemi di privacy legati all’identificazione convenzionale.

In questo momento, organizzazioni come Ethereum Foundation stanno lavorando a una RFP (Request for Proposal) che può aiutare gli utenti a sperimentare applicazioni aperte, trustless e senza autorizzazione.

Effetti del Web 3.0 su applicazioni e dati

In tema di applicazioni, il Web 3.0 sta lasciando il posto ad applicazioni rivoluzionarie per connettere esseri umani e tecnologie di intelligenza artificiale per creare un’esperienza web più personalizzata. Alla fine, l’IA utilizza algoritmi di Machine Learning per elaborare le informazioni proprio come fanno gli esseri umani.

Una delle principali sfide da superare durante il passaggio al Web 3.0 con la sua natura aperta, trustless e senza autorizzazione sarà l’instabilità, poiché la proprietà dei dati diventa meno centralizzata. Mentre il Web 2.0 ha reso popolare il cloud computing, le applicazioni mobili e la potenza dei social media, il Web 3.0 è incentrato sull’intelligenza artificiale e sul decentramento. Quindi, un mondo che utilizza il Web 3.0 è qualcosa che non può essere gestito da una singola azienda che controlla la rete globale. Il Web 3.0 fa presagire la sostituzione dei data center con Internet decentralizzato, consentendo a elettrodomestici, automobili, laptop, dispositivi mobili e sensori di conservare i propri dati. Tale cambiamento aumenterà i livelli di dati memorizzati a numeri senza precedenti. Alcuni analisti prevedono che tutti i dispositivi potrebbero contenere 175 zettabyte di dati entro il 2025.

Conclusione sul Web 3.0 e sul futuro dello sviluppo Web

Il sogno è che il Web 3.0 possa creare un Internet che sia giusto ed equo per tutti e che gli utenti possano esercitare il controllo su informazioni, tempo, risorse e profitti. Soprattutto, il Web 3.0 rappresenta un passaggio cruciale nel trasformare il Web sfruttatore, che tiene prigionieri i dati degli utenti su repository centralizzati, in qualcosa che distribuisce il profitto e la crescita allo stesso modo a giocatori grandi e piccoli.

Leggi di più Tutorial di sviluppo web e HTML.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.

Scroll Giù