WooCommerce è festeggia i 10 anni da quando WooThemes ha lanciato la prima iterazione del plugin WooCommerce. Paul Maiorana, l’attuale CEO di WooCommerce, ha coperto alcuni punti salienti della crescente popolarità del plugin nel corso degli anni nel suo post per l’anniversario. Dopo 16 mesi in libertà, WooCommerce è stato scaricato 500.000 volte e ha superato il traguardo di 1 milione di download solo 137 giorni dopo.Nel 2014, la notte prima della primissima WooConf, il plugin ha festeggiato il superamento di 5 milioni di download. Era acquisita da Automattic nel 2015 in un accordo che si dice sia superiore a $ 20 milioni.

Il post dell’anniversario di WooCommerce, che ha sorvolato sulla sua storia di origine a scacchi, riacceso alcune delle polemiche che circondano la forcella Jigoshop. Mentre il post menziona che WooThemes assunto due sviluppatori Jigoshop “per creare un plug-in eCommerce dedicato chiamato WooCommerce”, ha trascurato di menzionare che la versione iniziale era in realtà un fork di Jigoshop. WooThemes aveva convinto Mike Jolley e Jay Koster a dividere il lavoro che avevano svoltoper il loro precedente datore di lavoro, Jigowatt, dopo aver fallito un accordo con la squadra di Jigowatt.

In un post intitolato “Le nostre opinioni biforcute“, il restante team di Jigoshop ha fatto luce su ciò che è emerso in privato prima che WooThemes annunciasse il suo fork:

L’offerta di Woo per rilevare il progetto Jigoshop ha sottovalutato grossolanamente l’attività e non si è avvicinata alla copertura dei nostri costi di sviluppo iniziali, senza dimenticare la pianificazione, il tempo e l’impegno che il team Jigowatt e la comunità hanno messo nel progetto.

Woo ha quindi fatto un’offerta di “collaborazione” che ha portato alla loro decisione di biforcare Jigoshop. Ciò che non è stato reso pubblico è che l’offerta di collaborazione includeva condizioni che avrebbero dato a WooThemes il pieno controllo strategico sulla direzione e lo sviluppo del progetto Jigoshop in futuro.

WooThemes rientrava nei suoi diritti per il fork del codice open source Jigoshop, ma convincere alcuni dei suoi sviluppatori chiave a lasciare il progetto essenzialmente ha fatto uscire Jigoshop dal suo slancio e ha fratturato la sua base di utenti. È chiaro dalle reazioni al Post di notizie di WP Candy sull’argomento che molte persone nella comunità disapprovavano questa mossa in quel momento. Era una delle applicazioni più evisceranti del mondo reale della GPL nei primi giorni delle attività di prodotti WordPress.

Mike Jolley è stato intervistato all’inizio di quest’anno da HollerWP. Quando gli è stato chiesto del fork di Jigoshop, ha detto che il suo lavoro in Jigowatt era il 90% di lavoro del cliente su siti di e-commerce, e “Jigoshop sembrava più un passatempo che altro.” Trovava estenuante rimanere al passo sia del lavoro del cliente che del progetto open source. Jigowatt non gli aveva offerto azioni o interessi oltre il suo stipendio. Jolley ha affermato che il suo passaggio a WooThemes “era inevitabile” e che era grato di continuare a lavorare su un progetto di cui era appassionato.

In un post intitolato Lezioni apprese dal Jigoshop – WooCommerce fiasco, Il fondatore e CEO di Delicious Brains Brad Touesnard ha dichiarato di essere d’accordo che Jigowatt avesse ricevuto “un duro calcio nel cavallo per gentile concessione di WooThemes”, a causa di quello che percepiva come un errore fatale da parte di Jigowatt:

Se sei un’azienda con un progetto open source che sta guadagnando slancio, i tuoi sviluppatori principali devono assolutamente avere un interesse acquisito nella tua azienda. E non l’1%. Deve essere un bel pezzo di torta. Abbastanza che gli sviluppatori sentano che anche la tua azienda lo è i loro società. Quindi, se un’altra azienda arriva ad assumerli, è molto più probabile che lo sviluppatore dica loro: “Compra l’azienda o fai una passeggiata”.

Penso che l’intera situazione sarebbe stata diversa se Mike e Jay avessero posseduto una fetta della torta e avessero avuto un interesse in Jigowatt. In tal caso, molto probabilmente non avrebbero intrattenuto un impiego presso WooThemes a meno che non fosse parte di un accordo di acquisizione.

Questi eventi sono quasi sbiaditi dalla memoria per la maggior parte degli osservatori casuali dopo 10 anni, ma non per quelli di noi che erano lì per vederlo accadere. Molti di questi siti web a cui si fa riferimento non sono più online ma sono disponibili tramite Internet Archive.

Nel 2014, Jigowatt ha venduto Jigoshop a Proxar IT Consulting. Il nuovo plugin che hanno lanciato è stato disponibile nella directory ufficiale dei plugin fino al 2020 quando WordPress.org lo ha rimosso, citando una violazione delle linee guida.

Nel 2021, WooCommerce è più potente che mai, installato su oltre 5 milioni di siti web. I commercianti di tutto il mondo stanno costruendo attività fiorenti e redditizie in aggiunta a WooCommerce e al suo diversificato ecosistema di estensioni. Dieci anni dopo, sembra che i soci fondatori di Jigowatt abbiano ampiamente superato la controversia e ora siano… costruire tutti i loro siti di e-commerce con WooCommerce.

“Sono successe molte cose negli ultimi 10 anni e abbiamo fatto molta strada dalle nostre umili origini”,Paul Maiorana ha detto nel post dell’anniversario. Il successivo “viaggio nella memoria” omettei dettagli disordinati di biforcare Jigoshop. Il sito Jigoshop.com è ormai scomparso dal web, ad eccezione delle pagine conservate tramite Internet Archive. Prima che il resto di questi riferimenti storici scompaia, è bene ricordare che tutti i primi contributori al progetto open source Jigoshop facevano anche parte degli “umili inizi” di WooCommerce, anche se non formalmente riconosciuti dalla potenza dell’e-commerce che beneficia dei loro contributi oggi.



Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.