Sabato, una parte della mia famiglia ha tenuto la nostra riunione prima del Ringraziamento. Erano due anni che non riuscivamo a farlo. Mi sono offerto di ospitare quest’anno quando la perdita della nostra sede precedente ha minacciato di mettere da parte l’evento per un altro anno. Inutile dire che ero esausto quando il mio ultimo cugino e sua moglie sono saliti in macchina e si sono diretti verso la loro casa nel sud dell’Alabama.

La domenica, il giorno dopo, era il primo giorno di relax che prendevo da settimane. Ma non sono il tipo da passare l’intera giornata a guardare la TV, tranne quando Gioco del calamaro è stato rilasciato.

Rispolverando il mio blog personale usato raramente, ho iniziato a scrivere un post di aggiornamento sui progressi del mio mese nazionale di scrittura di romanzi. Invece di farlo davvero, almeno fino a tarda notte, ho esaminato anni di post di blog pubblicati.

C’è una ricca storia lì, almeno per me. Il mio blog è un diario dei miei ricordi personali che risalgono al 2003. Per 18 anni ho scritto qualcosa, sputando parole in quello che a volte può sembrare un vuoto infinito. Quell’ingenuo ragazzo di 19 anni che stava appena mettendo piede nel mondo online non pensava che avrebbe fatto ancora la stessa cosa dopo tutti questi anni. Stava solo scrivendo un blog. Era una parte un’estensione dei quaderni pieni di angoscia che aveva riempito da adolescente. Era un’altra parte di un viaggio nuovo ed emozionante.

Per circa un’ora, ho semplicemente cliccato e letto e cliccato e letto. È un momento straordinario per essere vivi, per prendere parte a questo momento della storia in cui qualsiasi parte del mondo potrebbe vivere con me quegli stessi ricordi. E posso leggere i loro blog. Posso leggere delle loro speranze e sogni, vedere le gallerie dei loro animali domestici o recuperare i loro obiettivi per il nuovo anno.

Questo è uno dei motivi per cui mi iscrivo ai feed dei blog personali delle persone più che ai siti di notizie o di sviluppo. Alla fine della giornata, tutto ciò che facciamo qui riguarda le persone.

Ho fatto un tuffo profondo nei miei archivi, ho recuperato alcuni momenti divertenti che avevo condiviso con il mondo e ho letto alcuni dei miei vecchi tutorial sullo sviluppo di WordPress. Ho anche analizzato la mia ossessione per le regole di riordino di Marie Kondo.

Ero solo deluso dal fatto che ci fossero molti momenti che ho deciso di non condividere. Ho esaminato alcune delle note di bozze inedite di vari casi di #WPDrama, discussioni in cui ho deciso di tenere i miei pensieri per me piuttosto che scuotere la barca. Ho saltato i titoli dei libri che avevo letto ma che non avevo mai recensito. Mi sono ricordato di alcuni momenti che hanno cambiato la vita di cui non mi sono mai nemmeno preso la briga di scrivere una bozza.

Oltre a ricordare l’ultima metà della mia vita, mi sono reso conto che il mio blog è più vecchio di molte persone che stanno appena iniziando i propri viaggi di blog. WordPress, che anche ha compiuto 18 anni quest’anno, è più vecchio della sua prossima generazione di utenti.

Mi sono anche reso conto che mi piace semplicemente bloggare. Non ci avevo mai pensato molto prima – il perché dietro la mia continua partecipazione a questa forma d’arte. Forse è perché ho qualcosa che voglio dire di tanto in tanto. Forse è semplicemente terapeutico. Alla fine, potrebbe non importare. Tuttavia, sono grato che abbiamo piattaforme come WordPress che ci consentono di farlo tutti, indipendentemente dalle nostre ragioni.

Mentre chiudiamo il negozio per la settimana per un po’ di riposo tanto necessario, prendo nota di leggere i post del blog con segnalibri che non sono riuscito a leggere (grazie a tutti coloro che hanno condiviso). Voglio tuffarmi nell’arretrato di blog personali che devo ancora recuperare. Controllo sempre il sito web di ogni commentatore di Tavern quando lasciano un URL nel modulo. Non sempre li leggo immediatamente, ma ho trovato molti blog che mi piace davvero leggere in questo modo.

Dirigendomi verso la festa del Ringraziamento negli Stati Uniti di quest’anno, mi viene in mente quanto sono fortunato a far parte della comunità di WordPress. È un ecosistema vivo e respirante che è sempre rimasto fedele alle sue radici di blogging. La piattaforma consente a milioni di persone di condividere la propria voce pur possedendo i propri contenuti. Solo questo è qualcosa per cui essere grati.

Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.