WordPress supera il 43% di quota di mercato, cerca di espandere i beni comuni attraverso Openverse – WP Tavern
Categories
News Sviluppo Realizzazione Siti Web Wordpress Serra Simone

WordPress supera il 43% di quota di mercato, cerca di espandere i beni comuni attraverso Openverse – WP Tavern

Tempo di lettura: 8 minuti

Matt Mullenweg ha pronunciato il suo discorso annuale sullo stato della parola ieri davanti a un pubblico in studio dal vivo a New York City. La maggior parte degli appassionati di WordPress ha aderito all’evento attraverso il live streaming su YouTube. Più di 25 incontri si sono riuniti per feste di sorveglianza di persona e online in tutto il mondo, da Detroit, Singapore, Pakistan e Medellín, solo per citarne alcuni.

Mullenweg ha iniziato esaminando la crescita di WordPress nell’ultimo anno, iniziando con i continui sforzi dei Polyglots per rendere WordPress disponibile al mondo non di lingua inglese. Nel 2021, i traduttori hanno notevolmente aumentato l’accesso a WordPress tramite language pack e traduzioni attive:

  • 13.659 Language Pack nel core (+76%)
  • 15.900 traduzioni attive (+28%)

WordPress ha anche ampliato il suo programma Diverse Speaker Training, ottenendo 135 partecipanti in 66 città in 16 paesi.

Il Impara.Wordpress.org sito è ora disponibile in 21 lingue e Mullenweg ha affermato che sarà una parte più importante di ciò che i visitatori vedranno quando visitano il sito Web di WordPress. La piattaforma ha avuto 186 spazi di apprendimento, che secondo lui sono essenzialmente coorti di persone che seguono i diversi corsi. Il catalogo di Learn.WordPress.org è cresciuto fino a raggiungere 73 workshop e 70 diversi piani di lezione. Ora sono disponibili due corsi, che includono raccolte di piani di lezione.

“Penso che questa sia in realtà una delle nostre maggiori opportunità per espandere la conoscenza di cosa sia WordPress e anche definirlo a un nuovo pubblico attraverso questi corsi”, ha affermato Mullenweg.

Una delle statistiche più importanti della presentazione è la distribuzione di WordPress, che ora è al 43,1% di utilizzo sul web, secondo W3Techs, in aumento rispetto al 39,1% dello scorso anno.

Una delle preoccupazioni è che i CMS open source stanno lentamente scomparendo dai primi cinque concorrenti, poiché i sistemi proprietari lasciano Drupal e Joomla. Mullenweg ha affermato che in generale i CMS non stanno prendendo quote di mercato l’uno dall’altro, ma piuttosto dai siti Web che in precedenza non avevano CMS rilevabili.

“In realtà quest’anno abbiamo cresciuto due interi Wix, che è una nuova unità di misura”, ha scherzato Mullenweg.

“E per metterlo in prospettiva, siamo ancora 10 volte più grandi del numero due là fuori, ma questo non accade gratuitamente. E non dovremmo dare nulla per scontato. Ci sono nella storia del software, e certamente di Internet, molti servizi che una volta erano dominanti che ora abbiamo bisogno che i musei ricordino cosa erano lì per mantenere.

“Dobbiamo davvero rimanere umili e stare vicini agli utenti e iterare il software il più rapidamente possibile”.

Mullenweg ha suggerito che il 2022 potrebbe essere un anno in cui WordPress punta a quattro versioni invece di tre.

“Sono orgoglioso di dire che è stato un buon anno per la sicurezza di WordPress”, ha affermato. Più di 30 persone hanno contribuito alle patch di sicurezza e 1/3 di queste hanno contribuito per la prima volta.

“La sicurezza è un processo”, ha detto Mullenweg. “Chiunque dica di essere perfettamente al sicuro sta tentando il destino.

“La nostra capacità di essere una delle piattaforme più sicure al mondo è al cento per cento il risultato di quanto saremo in grado di aggiornare i siti perché a volte gli esseri umani sono fallibili”.

Caratteristiche dello stato della parola Demo di WordPress 5.9

Mullenweg ha evidenziato alcune nuove funzionalità in arrivo nella 5.9, con demo di temi di blocco, modifica di modelli nell’editor di blocchi, stili globali e miglioramenti del modello. Ha ribadito che Gutenberg è il futuro di WordPress per il prossimo decennio:

Mentre guardiamo al futuro di WordPress, stiamo finalmente realizzando una delle cose che WordPress si era prefissato di fare 18 anni fa.

Per questo abbiamo avviato il progetto Gutenberg. Quando abbiamo presentato Gutenberg per la prima volta alcuni anni fa, abbiamo detto che questa sarebbe stata la base, su cosa sarebbero state costruite le nuove versioni di WordPress, quali sarebbero stati i nostri prossimi 10 anni.

Non solo stiamo consentendo alle persone di esprimersi in modo univoco sul web, a differenza del cookie cutter in cui tutti i siti di social cercano di metterti, il cookie cutter sembra. Lo stiamo facendo in un modo che è basato su standard, interoperabile, basato sull’open source e aumenta la quantità di libertà sul web, che è molto importante, certamente per me, e la cosa più importante su cui lavoro.

WordPress ha appena iniziato il suo viaggio con Gutenberg. Mullenweg ha rivisto le quattro fasi pianificate, che sono iniziate con “Easier Editing” nel 2018. La seconda fase, la personalizzazione, è iniziata nel 2019 e Mullenweg ha affermato che 5.9 sarà l’MVP di questa fase.

Con 5.9 in ritardo fino al 2022, ha la terza fase, Collaboration, prevista per il 2023, in modo che i contributori non lascino la personalizzazione troppo presto prima che sia perfezionata. Finora sono disponibili solo 28 temi a blocchi. “Devono essere 5.000”, ha detto Mullenweg. Più tardi durante la presentazione ha detto che spera che WordPress “avrà 300 o idealmente 3.000 di questi temi di blocco” prima di entrare nella fase di collaborazione.

Non esiste ancora una tempistica per la quarta fase multilingue, che mira a semplificare pubblicare siti in più lingue con un flusso di lavoro sensato.

Web3 e il Web decentralizzato

Molti spettatori di State of the Word stavano aspettando con impazienza i pensieri di Mullenweg su Web3 e NFT, dopo che l’argomento controverso è stato incluso nello State of the Word annuncio lo scorso mese. Hanno ipotizzato come WordPress potrebbe incentivare il contributo tramite token o NFT. Per ora, sembra che WordPress continuerà ad attrarre contributori alla vecchia maniera.

Il messaggio di Mullenweg era essenzialmente che WordPress incarna già gli ideali Web3 e lo ha fatto fin dall’inizio.

“Ciò che Web3 incarna sono due idee essenziali: il decentramento e la proprietà individuale”, ha affermato. “Sono entrambe cose che WordPress è pronto a fare già e a continuare a fare per un po’ di tempo a venire”.

Ha anche avvertito coloro che esplorano i progetti Web3 di tenere a mente le libertà dell’open source:

C’è stata un’incredibile quantità di innovazione. Penso che questo abbia anche attratto alcuni imbonitori e alcune persone che spacciano cose che non sono veramente aperte. Quindi conoscete tutti molto bene WordPress. Per ogni progetto, che richiede i tuoi soldi in dollari, o per farti pagare il costo di una casa per l’immagine di una scimmia, dovresti chiedere, applica le stesse libertà che fa WordPress stesso e quanto si applica da vicino ad aumentare la tua autonomia individuale e la tua libertà nel mondo?

Mullenweg ha anche parlato delle numerose acquisizioni nello spazio WordPress e le ha messe nel contesto di ciò che sta accadendo nel mondo degli affari. WordPress sembra essere un microcosmo di attività di acquisizione globale.

“E se dovessi ampliarlo al panorama globale delle fusioni e acquisizioni, non solo alla tecnologia, abbiamo visto oltre 45.000 diverse acquisizioni”, ha affermato Mullenweg. Questo è in aumento di oltre il 24% rispetto allo scorso anno, che è già un anno enorme e rappresenta 3,6 trilioni di dollari di diverse fusioni e acquisizioni.

“Questo è guidato da un’altra tendenza, che ho trovato assolutamente scioccante da imparare e capire, che è l’afflusso di capitali alle azioni”, ha detto Mullenweg. Ha condiviso un grafico che mostra quanto denaro si sta spostando da altre attività ai mercati azionari pubblici.

Un invito a contribuire ai beni comuni

Con un’economia stimata in oltre $ 10 miliardi all’anno e tutte le aziende che guadagnano milioni di dollari utilizzando WordPress, Mullenweg ha impiegato alcuni minuti per evidenziare come il Il programma Five for the Future ha protetto il progetto dal Tragedia dei Comuni.

In una diapositiva, ha sfatato il mito secondo cui l’impatto di un’azienda sul futuro di WordPress dipende dalle dimensioni dell’azienda.

Ad esempio, Yoast ha un impatto importante su WordPress, nonostante abbia 80 volte meno dipendenti di GoDaddy, un host web che Mullenweg sembrava richiamare in modo specifico nella presentazione quando portava a casa il punto:

Quindi l’impatto che l’azienda ha sul futuro di WordPress non è affatto correlato alle dimensioni dell’azienda. Non c’è motivo per cui se prendiamo davvero a cuore ciò che ci ha reso di successo finora, non possiamo ottenere che più aziende partecipino ai beni comuni di ciò che sta accadendo.

Quando un’azienda trae vantaggio da WordPress, quando rimette qualcosa nel nucleo, che si tratti del volontariato della comunità di traduzioni o del codice, come rappresenta questo particolare grafico, garantisce che in futuro sia rimasto qualcosa per WordPress. Non puoi eseguire Wix o Squarespace su GoDaddy.

Presentato ufficialmente anche Mullenweg Openverse ora che la prima versione è live. Ha condiviso parte della sua visione per il futuro del progetto con WordPress. Il piano è di incorporarlo nell’amministratore, in modo che quando gli utenti caricano una nuova immagine o video, possano scegliere tra le licenze Creative Commons e magari indicizzare il proprio lavoro nell’Openverse.

“Si tratta di creatori che hanno il controllo e l’autonomia di cui hanno bisogno per concedere in licenza i loro contenuti, per quanto possibile”, ha detto Mullenweg. “E per coloro che scelgono di mettere nei beni comuni, questo diventa parte di ciò che è condiviso nell’umanità e ci consente di crescere e creare cose interessanti insieme”.

Ha anche presentato il nuovo Directory di foto di WordPress.org, che ospita immagini totalmente aperte che possono essere utilizzato su qualsiasi sito per usi commerciali e non commerciali. Un giorno gli utenti di WordPress saranno in grado di inserire opere dall’Openverse nei loro contenuti con un solo clic.

Oltre a contribuire a Gutenberg attraverso schemi, temi di blocco e altri mezzi, Mullenweg ha anche incoraggiato gli utenti a mettere parte del loro lavoro nell’Openverse.

Approfondiremo alcune delle sue risposte a domande e risposte in un prossimo post, ma un tema comune tra le domande era come WordPress potrebbe attrarre una generazione più giovane di contributori e quali consigli potrebbe dare Mullenweg ai giovani che ereditano gli investimenti che i contributori hanno fatto in WordPress.

Nella sua risposta Mullenweg è tornato alla sua chiamata per ricostituire i beni comuni. Questo stile di vita di restituire e rendere le cose il più aperte possibile è il filo d’oro che attraversa il messaggio dello Stato della Parola di quest’anno.

Penso che se dai a una persona un blog o, peggio ancora, un account sui social media, gli dai da mangiare per un giorno. Insegni loro come creare il web, che è per molti versi, secondo me, l’attualizzazione più sorprendente dell’umanità e della conoscenza condivise: come possiamo creare qualcosa che duri oltre le nostre vite individuali? È il web.

Come creiamo qualcosa che duri oltre noi? Un’eredità, una vera eredità. Si aggiunge alle informazioni. Questo fa parte di ciò che si spera vada avanti per le generazioni future e quindi ci permetta di fare un po’ di digiuno [forward], salta tutti gli errori, salta tutti gli apprendimenti, a ciò che è più recente. Sta aggiornando la velocità di clock e la versione dell’umanità.

Con il lancio ufficiale di Openverse e la continua crescita di WordPress contro i sistemi proprietari, Mullenweg è stato in grado di offrire un contributo convincente come una questione importante per l’umanità – un modo significativo per aumentare i beni comuni disponibili per le generazioni future e per far parte di definire il futuro del web. La visione di Openverse va oltre WordPress, come ha detto Mullenweg è “qualcosa che la community di WordPress sta creando a beneficio del mondo”, con opere che le persone sono libere di utilizzare su qualsiasi piattaforma.

“Penso che sia possibile avere un’abbondanza di beni comuni”, ha detto Mullenweg.

“Quindi più persone usano un programma, meglio diventa in tanti modi. Vengono segnalati più bug, si verificano più traduzioni, vengono sviluppati più plug-in, vengono sviluppati più temi. Questo è uno dei motivi per cui la quota di mercato è un forte indicatore della salute del progetto e del suo potenziale per continuare a soddisfare le esigenze degli utenti.

“Ma parte di ciò è una certa percentuale delle persone che essenzialmente beneficiano direttamente di WordPress, rimettendo qualcosa nei beni comuni, fertilizzando il terreno, piantando più erba”, ha detto Mullenweg.


Source link

Web Designer Freelancer Realizzazione Siti Web Serra Simone Realizzo siti web, portali ed e-commerce con focus specifici sull’usabilità, l’impatto grafico, una facile gestione e soprattutto in grado di produrre conversioni visitatore-cliente. Elaboro siti internet, seguendo gli standard Web garantendo la massima compatibilità con tutti i devices. Sviluppo e-commerce personalizzati, multilingua, geolocalizzati per potervi mettere nelle migliori condizioni di vendita. Posiziono il tuo sito su Google per dare maggiore visibilità alla tua attività sui motori di ricerca con SEO di base o avanzato.

Scroll Giù